il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La piovra

La piovra

(5 Marzo 2011) Enzo Apicella
Un'altra guerra per il petrolio?

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 11 Dicembre 2019 - Milano
    Guerra permanente e rivolta sociale
    Ruolo e presenza militare dell’Italia
    Libano, Iraq, Iran, Kurdistan e….

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Il nuovo ordine mondiale è guerra

(1140 notizie dal 22 Maggio 2002 al 23 Novembre 2019 - pagina 9 di 57)

Qual è la vera politica estera di Obama? Chiedete alla Nuland.

La Rochefoucauld disse, e tanti altri ripeterono, che l’ipocrisia è un omaggio reso dal vizio alla virtù. Obama è andato ben oltre, ogni suo intervento è una presa per i fondelli nei confronti della verità. Se vogliamo capire qualcosa della sua politica, non dobbiamo basarci sui suoi discorsi, sempre e comunque svianti, ma su dichiarazioni di suoi collaboratori,...

(22 Maggio 2016)

Michele Basso

Un appello interessante contro il “Premio Napoli Città di Pace” alla ministra Pinotti

Ospitiamo volentieri sul nostro sito l’appello che abbiamo letto sul manifesto del 5 maggio 2016. Lo firmano, insieme ad altri, alcuni uomini di chiesa, tra i quali il vescovo di Caserta Raffaele Nogaro e il padre comboniano Alex Zanotelli. Con questo appello si denuncia l’iniziativa dell’Unione Cattolica Stampa Italiana che ha attribuito all’attuale ministra della Difesa Roberta...

(15 Maggio 2016)

nucleocom.org

UCCISIONE BADREDDINE: ENNESIMO OMICIDIO DI STAMPO JIHADISTA SU MANDATO ISRAELIANO

Il vice segretario generale di Hezbollah, Naim Qassem, ha annunciato che l’intelligence del partito sciita annuncerà nelle prossime ore “tutti i dettagli che hanno portato all’uccisione del comandante militare Mustafa Badreddine alias sayed Zulfikar”. In un discorso commemorativo, durante i funerali che si sono svolti a Ghobeyri quartiere a sud di Beirut e roccaforte...

(14 Maggio 2016)

Stefano Mauro

OCCORRE IMPEDIRE UNA STRAGE ANNUNCIATA

Il governo italiano si appresta ad inviare centinaia di soldati alla diga di Mosul, a pochi chilometri dalla metropoli irachena da due anni occupata dall'organizzazione terrorista dell'Isis. Mentre si prepara una battaglia cruentissima, e un attentato alla diga può avere esiti apocalittici. Ogni persona ragionevole sa che la presenza dei soldati italiani alla diga di Mosul renderà sia...

(10 Maggio 2016)

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

ISRAELE: LE ARMI DI HEZBOLLAH COSTITUISCONO UNA SERIA MINACCIA

Diventano sempre più numerose e costanti le dichiarazioni di esponenti militari israeliani relativi ad un possibile scontro militare contro Hezbollah. In queste settimane, infatti, è aumentato progressivamente il numero di servizi televisivi o mezzo stampa che evidenziano come una “molto prevedibile guerra contro le milizie sciite” potrebbe rivelarsi un’ennesima sconfitta...

(5 Maggio 2016)

Stefano Mauro

1° maggio 2016:
Fra storia e attualità

Dalla rivista “nuova unità” Da sempre la crisi economica è utilizzata dai padroni per aumentare la concorrenza fra proletari, peggiorare le condizioni di vita della classe operaia, tagliare i salari, allungare la giornata lavorativa. Per i padroni usare sgherri armati contro chi minaccia la pacifica accumulazione del capitale quando non si riesce con altri mezzi, è...

(1 Maggio 2016)

Michele Michelino

ALTURE DEL GOLAN: SCONTRO TRA ONU E ISRAELE

Martedì il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha riaffermato che non riconoscerà nessuna annessione unilaterale delle Alture del Golan da parte dello stato israeliano. La risposta ufficiale dell’ONU è arrivata in risposta alle dichiarazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, rilasciate a metà aprile, relative all’intenzione unilaterale da parte...

(29 Aprile 2016)

STEFANO MAURO

Composizione di classe dello Stato Islamico

Strano (non tanto) ma vero. Persino in ambienti di una sedicente sinistra rivoluzionaria non solo non manca l’appoggio più o meno incondizionato all’operatività politica e militare dell’IS, ma lo si considera come l’unica forza che abbia il coraggio di combattere l’imperialismo (ovviamente e prevalentemente quello americano), quindi unica fonte di ispirazione...

(31 Marzo 2016)

Battaglia Comunista - Partito Comunista Internazionalista

Pakistan, il gigante islamico fra famiglie, militari, taliban

Dagli sgangherati slum di Lahore, ai grattacieli di Karachi, dove vivono in venti milioni e dove fabbriche d’alta tecnologia si mescolano a ghetti, il Pakistan è un coacervo di contraddizioni. Economia in tenuta in una fase di crisi locali e mondiali, a fronte di un’inquietante instabilità politica, attacchi terroristici e in contemporanea corruzione, assenza di servizi sociali,...

(30 Marzo 2016)

Enrico Campofreda

Parigi - Raqqa - Bruxelles

La guerra alimenta il terrorismo
Il terrorismo prepara la guerra

Da "il Partito Comunista" (marzo-aprile 2016) Gli attentati del novembre scorso a Parigi e quelli di marzo a Bruxelles, come quelli che hanno colpito nelle ultime settimane Istanbul e Ankara, Baghdad Damasco o Beyruth, si iscrivono nel bagliore dell’incendio che da cinque anni devasta almeno due grandi paesi mediorientali, la Siria e l’Iraq riverberandosi sui paesi confinanti. Decine di...

(29 Marzo 2016)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Pakistan, dove la guerra di religione è realtà

Il massacro di bambini nel Parco giochi Gulshan-e Iqbal di Lahore, opera dei talebani del ceppo Tehreek, Jamaat-ul-Ahrar (un tempo scissionisti ora forse riconciliati, comunque deobandi che spingono per un’aperta guerra religiosa) offre una sponda stragista all’aperto conflitto che nella stessa giornata di domenica ha visto scontri feroci nella zona proibita della capitale pakistana. Lì...

(28 Marzo 2016)

Enrico Campofreda

Non esiste altra via

Di fronte ai sanguinosi attentati di Bruxelles e a devastanti guerre più o meno locali, che si trascinano ormai da anni con centinaia di migliaia di morti e milioni di profughi (Libia, Siria, Iraq...); di fronte alle sofferenze inaudite di enormi masse proletarie o in via di proletarizzazione sbattute di qua e di là come carne da macello per il migliore offerente, c'è ben poco...

(25 Marzo 2016)

Partito comunista internazionale (il programma comunista – cahiers internationalistes – the internationalist)

DUE VERITA' COSI' EVIDENTI DA SEMBRARE INVISIBILI

(E DUE MODESTE PROPOSTE PER LA POLITICA DELL'UMANITA')

Dei potenti della Terra l'unico che mostra di rendersi conto della tragica situazione reale è il papa, che con le parole, i gesti e le opere afferma la semplice verità che ad uccidere gli esseri umani sono le armi. E che quindi per far cessare le guerre e le stragi, per salvare le vite umane e convivere in dignità e solidarietà, occorre il disarmo: ovvero abolire la produzione,...

(25 Marzo 2016)

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Israele frena su attacco ad Hizbollah

L’intervista del segretario generale di Hizbollah, Hassan Nasrallah, andata in onda lunedì sera sul canale arabo al Mayedeen e ripresa dalle principali testate ebraiche (Maariv, Yediot Haarodot, Ysrael Hayom ed il sito Walla), ha avuto il suo effetto sui media e sulle autorità politiche israeliane. L’intervento di Nasrallah è stato una chiara risposta alle sempre...

(25 Marzo 2016)

Stefano Mauro

Attacchi a Bruxelles: gli errori europei

Gli attentati di Bruxelles, che hanno causato 34 vittime e centinaia di feriti, fanno riemergere un problema che l’Europa stava tentando di dimenticare dopo le stragi di Parigi: lo Stato Islamico (ISIS o Daesh-ndr). Il movimento terrorista jihadista, guidato da Abu Bakr Al Baghdadi, ha dimostrato, con l’ennesimo vile attacco, che la strategia europea di contrasto al gruppo radicale sta...

(24 Marzo 2016)

Stefano Mauro

LA "GUERRA CONVENIENTE" dell'IS

Lo svolgimento della “guerra” dei soldati dell'ISIS si presta ad un utilizzo ideologico e a diversi usi concreti, da parte dei blocchi imperialisti continentali, degli stati nazione, di alcune borghesie arabe. LA “GUERRA CONVENIENTE“ dell'ISIS. Il luogo comune intorno al quale i “cittadini del mondo progredito occidentale” vengono raggruppati secondo modulazioni...

(24 Marzo 2016)

Pino ferroviere

Attentati terroristici di Bruxelles:
la responsabilità politica e morale
è dell’imperialismo!

Bruxelles - cuore dell’UE e sede della NATO - è stata colpita da due vili attacchi terroristici di tipo fascista che hanno causato almeno 32 morti e circa 270 feriti. Gli attacchi sono stati rivendicati dall’ISIS, strumento della borghesia araba reazionaria che mira a realizzare il Califfato islamico. I barbari attentati di Bruxelles, così come quelli avvenuti in altri paesi,...

(24 Marzo 2016)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

FERMARE LE STRAGI NELL'UNICO MODO POSSIBILE

Le stragi che oggi hanno insanguinato Bruxelles ci colmano di orrore e di terrore, di lacrime e lutto, di un muto sgomento e di un dolore insostenibile. Ma questo ennesimo abominevole crimine deve anche aprirci gli occhi, il cuore, la mente. Ad esso occorre rispondere con la forza della verità, della ragione, dell'umanità. * La morte di massa che i criminali terroristi portano...

(22 Marzo 2016)

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Da Parigi a Bruxelles: l’ora della guerra

La stazione metro Maelbeek, il quartier generale della Commissione Europea, la sede del Consiglio d’Europa, l’ufficio regionale delle Nazioni Unite formano un quadrilatero distante poche centinaia di metri l’uno dall’altro. A Bruxelles centro, appena fuori l’Ilot sacré, il cuore del cuore della città simbolo della disunita Europa dell’Unione. Chiunque...

(22 Marzo 2016)

Enrico Campofreda

ISRAELE ED ARABIA SAUDITA: NUOVE ALLEANZE IN MEDIO ORIENTE

Lo stato israeliano si “associa alla decisione di iscrivere lo Hizbollah nella lista dei movimenti terroristi”. Così il ministro degli esteri dello stato sionista, Tzipi Livni, ha espresso soddisfazione e appoggio nella decisione di considerare la resistenza libanese come movimento terrorista da parte sia dei paesi del CCG (Consiglio di Cooperazione del Golfo) che della Lega Araba,...

(19 Marzo 2016)

Stefano Mauro

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

746296