il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

"Stragi"

Stragi

(10 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Altri 4 militari italiani muoiono in Afghanistan

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Afghanistan occupato

(414 notizie dal 11 Giugno 2006 al 8 Maggio 2021 - pagina 7 di 21)

I signori della morte

Scelgono di chiamarsi “Marg” che in dari significa morte. Sono l’ultimo gruppo paramilitare comparso in Afghanistan, con tanto di divise create coi colori della bandiera nazionale. Per “tranquillizzare” i concittadini dichiarano guerra a Talebani e Isis, per ora della provincia di Balkh dove girano a gruppi di 15-20 in sella a potenti moto. Chi li finanzia e sponsorizza...

(2 Marzo 2015)

Enrico Campofreda

Afghanistan, a chi serve il marchio Isis

Maschere per nuove insorgenze - Se l’Isis trova nella propaganda uno dei suoi più potenti cardini c’è chi usa questo marchio e la sua maschera per accreditare un’antica presenza nel sistema di potere afghano. Perciò la nuova vocazione di alcuni leader talebani ‘folgorati’ dal Daesh non sarebbe altro che una metamorfosi tattica. Almeno così...

(26 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Talebani: l’attrazione del Daesh

Storiografi e cronisti del jihadismo afghano e dei Warlords con la maiuscola presenti negli annali d’una guerra pluritrentennale devono aggiornare i taccuini. Da qualche mese l’Isis insinua i suoi progetti anche nel cuore dell’Asia per erodere, convertire, trasformare, cooptare. E fare “campagna acquisti” di combattenti. Una formidabile concorrenza all’antico strapotere...

(23 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Ghani: apertura talebana

La via diplomatica che il presidente afghano Ghani sta lastricando da mesi verso due nemici storici sembra percorribile. I colloqui con varie componenti talebane (Shura di Quetta e l’inafferrabile mullah Omar, sempre che sia vivo) potrebbero iniziare entro un mese. Ad accompagnarlo nel percorso quello che fino a ieri era considerato un demone per la nazione afghana: l’establishment pakistano,...

(20 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Afghanistan, l’Isis contro i talebani

Nella “palude” afghana - Nel suo progetto d’espansione ad ampio spettro l’Isis non risparmierebbe il martoriato territorio afghano. Almeno secondo quanto spera e afferma un sedicente portavoce dello Stato Islamico, Abu Muslim Khurasani, che tramite un video ha lanciato i suoi strali contro il governatore della provincia di Ghazni, accusato di corruzione e reiterate ingiustizie....

(16 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Afghanistan, i raid di mezzanotte

In uno dei villaggi delle province nord-orientali, posto ai piedi delle cime innevate fra Afghanistan e Pakistan, nell’ottobre scorso una task force dell’Intelligence afghana, coadiuvata da truppe speciali dell’Us Army, ha compiuto caccia grossa. Lo rivela il New York Times raccontando come in quell’operazione è stato liquidato Abu Bara al-Kuwaiti e catturato il suo...

(13 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda,

Afghanistan, italiani gente brava

Al tenente Silvia Guberti - dimostrazione di fattiva emancipazione femminile che passa nello stare al fianco di colleghi uomini in un ambiente notoriamente maschilista - vorremmo far conoscere qualcosa di diverso dal carcere di Herat, curato fra gli altri dall’Esercito al quale appartiene e finanziato come “missione di pace” dal Parlamento italiano. Vorremmo farle conoscere cosa...

(10 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Afghanistan, il brand della liberà

Da un mese a questa parte nella ‘città proibita’ di Kabul il marchio dell’Enduring Freedom è diventato Freedom’s Sentinel. Il drappo della missione resta colorato di verde come i vessilli islamici, il motto cambia passando dall’assistenza e cooperazione all’attuale: addestramento, assistenza, consigli. Arrotolata la precedente bandiera, la forza Nato...

(25 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Ghani-talebani, un accordo per la vita politica

Cercasi taliban, disperatamente. Per colloquiare, trattare, pianificare un futuro che ad Ashraf Ghani sfugge di mano. Nonostante il patrocinio statunitense della sua elezione, nonostante il superamento dei brogli e dei contrasti quasi armati con Abdullah, nonostante l’affratellamento dei due contendenti la normalizzazione del Paese è pura finzione. Perciò, fra un attentato e l’altro,...

(15 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Missione Isaf, inglorioso addio alle armi

Via dall’Afghanistan, ma non del tutto. Chi torna a casa sono 40.000 militari (32.000 statunitensi) della missione Isaf che conclude il suo ciclo di tredici anni di “guerra al terrore” dagli esisti disastrosi. Ufficialmente ha lasciato sul terreno 3.500 suoi uomini, ma ci sono anche i cadaveri non conteggiati di contractors impegnati in svariate occasioni soprattutto incursioni,...

(29 Dicembre 2014)

Enrico Campofreda

Afghanistan, attacco continuo

Nuovo mattino, nuovo attacco. Ancora una volta nella superprotetta Kabul, che in realtà offre il fianco come e più di altri luoghi afghani. La bomba esplode nel nono distretto cittadino, colpendo l’ennesimo gruppo di auto in movimento nella capitale. Dall’area delle ambasciate (dov’è anche quella italiana), in particolare da quella britannica, escono alcune vetture...

(27 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

Afghanistan, l’Usaid aiuta le donne?

Rula - S’è mobilitata anche la First lady Rula Ghani che sul tema sta sostenendo un marito impegnatissimo nella fase seguente la sua designazione ufficiale a Presidente. La nuova leadership afghana per celare-distrarre-alterare la realtà dell’establishment politico sulla condizione femminile lancia una campagna a sostegno d’una non meglio precisata “responsabilizzazione”...

(10 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

Programma Ghani: business, patria e sicurezza

“Nel Paese abbiamo 4.000 affaristi e molti sono pronti a lanciarsi sul mercato cinese” dichiara il presidente afghano Ghani di ritorno da un viaggio a casa dell’immenso e potente vicino, sempre più interessato a ciò che c’è sotto il suolo afghano e preoccupato a cosa si muove sopra. All’inverso alcuni di questi businessmen si mostrano assillati dalla...

(2 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

L’Accordo afghano sulla sicurezza fulcro della presenza militare statunitense in Asia

Un’attesa di circa un anno, a opera d’un Karzai uscente e rancoroso. Una promessa vaga di vari candidati alla presidenza, ma non di tutti. Un appoggio indifferenziato fra Ghani e Abdullah, i due pretendenti avversari e nemici, divenuti amici nella compromissoria diarchia. Così l’Accordo sulla sicurezza (Bilateral Security Agreement) è stato firmato ventiquattr’ore...

(24 Ottobre 2014)

Enrico Campofreda

Afghanistan, Haqqani jr finisce nella rete

Anas Haqqani, figlio di Jalaluddin guerrigliero anti sovietico e fondatore del noto network talebano, è stato arrestato dai servizi dell’Intelligence afghana. L’uomo era incaricato della raccolta di fondi individuali e provenienti da Paesi arabi e del reclutamento di attivisti attraverso i social media. La Rete di Haqqani nel suo percorso politico s’unì col mullah Omar,...

(16 Ottobre 2014)

Enrico Campofreda

Rawa, la lotta politica per il cambiamento culturale dell’Afghanistan

Mariam (come abitudine il nome è di fantasia per ragioni di sicurezza) è una delle centinaia di militanti della Revolutionary Association Women of Afghanistan attiva nel proprio Paese. E’ presente in questi giorni in Italia dove terrà incontri pubblici in alcune città (Bologna, Milano, Venezia, Vicenza) per illustrare la pianificazione dei programmi dell’organizzazione...

(8 Ottobre 2014)

Enrico Campofreda

Inizia l’era Ghani, l’Afghanistan si somiglia

Il neo presidente Ashraf Ghani Ahmadzai era appena uscito dagli appuntamenti di rito: giuramento solenne su Costituzione e Corano, accompagnato dall’avversario ora amico e Capo dell’Esecutivo Abdullah Abdullah, dai deputati anziani Mojaddedi e Sayyaf, quest’ultimo antico signore della guerra,dai suoi vice presidenti Sarwar Danish più Rashid Dostum, signore della guerra anche...

(1 Ottobre 2014)

Enrico Campofreda

Ghani, una presidenza a servizio

Nel mondo alla rovescia afghano vince chi perde, nella fattispecie Ashraf Ghani, cui s’assegna il titolo di neo presidente. L’accordo col suo avversario Abdullah - vincitore sicuramente della fase elettorale d’aprile, poi nel faccia a faccia di giugno ciascuno diceva d’aver prevalso - vede quest’ultimo diventare capo dell’Esecutivo. I due, sotto la regia a distanza...

(22 Settembre 2014)

Enrico Campofreda

Safa, vittima del Far West afghano

Quella di Safa Ahmad è una storia di povertà e morte. Come altre mille e mille in Afghanistan, Paese che vede la terza generazione soffocata dai conflitti. Ma accanto alla scia di sangue Safa lascia un presidio di sogno e riscatto, spezzati purtroppo da ex miliziani trasformati in vagabondi, volto oscuro d’una nazione dove la quotidianità è soffocata dalla violenza...

(27 Agosto 2014)

Enrico Campofreda

Afghanistan, chi governa per chi

Il panorama istituzionale afghano che - verifiche delle schede a parte - viaggia verso la creazione d’un “governo d’unità nazionale” coi contendenti Abdullah e Ghani uniti nel cogestire il piano preparato da Washington, potrebbe trovare qualche ostacolo. Una delle sorprese politiche che prende corpo è l’allargamento del fronte di Unità nazionale anti...

(25 Agosto 2014)

Enrico Campofreda

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

551640