il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

3 al giorno

3 al giorno

(10 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Capitale e lavoro (cronaca centro)

Di lavoro si muore

Sicurezza nei luoghi di lavoro

(142 notizie dal 17 Aprile 2003 al 15 Aprile 2020 - pagina 3 di 8)

Morti sul lavoro e crisi nell'edilizia

Il 12 Aprile si è tenuta la quarta Giornata nazionale per la sicurezza nei cantieri, organizzata da Federarchitetti in collaborazione con ANMIL per promuovere la prevenzione e la sicurezza nel settore dell’edilizia ,ma forse dovremmo utilizzare il condizionale visto che le poche iniziative sono passate sotto silenzio e soprattutto senza l'apporto dei lavoratori Il settore edile sta...

(16 Aprile 2013)

cobas lavoro privato pisa

Operaio travolto dal Frecciarossa nel giorno della festa per il nuovo treno

FERROVIE Tragedia a Tiburtina. Napolitano incontra le tute blu a Roma ROMA. Un operaio è morto ieri alla stazione Tiburtina di Roma, travolto da un Frecciarossa della linea che unisce la capitale a Milano. Dario Miceli, 32 anni, non era dipendente delle Ferrovie, ma della Manutencoop, una azienda del bolognese che si occupa delle pulizie all'interno dei treni Italo, i nuovi bolidi del gruppo...

(12 Aprile 2013)

Antonio Sciotto, il manifesto

Conferenza Stampa: in Bangladesh sono morte 173 persone o si è trattato di un omicidio di massa?

30/11/2012, Ore: 12.30 c/o Sede consiglio 6° Municipio Piazza della Maranella n° 2 Torpignattara - Roma Tramite i mezzi di informazione avrete saputo che in Bangladesh 173 persone sono morte a causa del rogo di una fabbrica tessile. Ma ci sono molte altre cose da dire su questa vicenda, che non vi sono state raccontate. Il nostro punto di vista è che questo è stato un omicidio...

(29 Novembre 2012)

Associazione Singh Mohinder, Progetto diritti, l'associazione Dhuumcatu

La vita di un lavoratore vale cinque minuti alla Pilkington-NSG di San Salvo (CH)?

La morte di Michele Mastrippolito ci viene presentata come una tragica fatalità. La stessa fatalità per cui nel nostro Paese ogni giorno di lavoro muoiono 4 lavoratori. E’ la logica del profitto che prevale sul rispetto ed il diritto alla vita. Questa l’amara lezione da trarre dalla morte di un nostro compagno di lavoro. Sentiamo l’angoscia per questa perdita e idealmente...

(20 Luglio 2012)

Confederazione Cobas

Lavoro. Muore operaio a Roma. Procura indaga per omicidio

Un operaio è morto questa mattina a Roma, zona Prati Fiscali, schiacciato dal carrello di una gru. L'operaio di nazionalità romena morto questa mattina in un incidente a Roma si chiamava Ioan Dragot. Da una prima ricostruzione la morte dell'operaio è avvenuta sul colpo. Il cantiere è stato ora sottoposto a sequestro come anche il camion-gru il cui braccio ha ceduto, provocando...

(28 Maggio 2012)

DirittiDistorti

Infortunio sul lavoro a Lajatico

A proposito dell'infortunio a Lajatico. Quanti lavoratori conoscono la pericolosità del bitume? Pochi sanno che il bitume se utilizzato male può determinare gravi rischi per la sicurezza dei lavoratori. Già 10 anni fa la asl raccomandava massima attenzione nel trasporto del bitume per l'elevata temperatura (sopra i 100 gradi) , attenzione nelle fasi di stoccaggio per la presenza...

(17 Maggio 2012)

Sportello sicurezza Confederazione Cobas Pisa e provincia

Morte sul lavoro anche oggi 1° Maggio

L'ennesimo morto sul lavoro in Abruzzo oggi 1° Maggio a Rocca di Cambio in provincia di L'Aquila. L'operaio Vasile Copil di 51 anni stava lavorando in un cantiere di un residence alla periferia del paese, nonostante la giornata di festa, ed è caduto da una impalcatura abbattendosi a terra. Nonostante pare che Vasile fosse dipendente della cooperativa "Rocca di Cambio" di Roma, ci chiediamo,...

(2 Maggio 2012)

Ottaviano SCIPIONE Coord. PCL Abruzzo

Pisa. Quanto vale la vita di un operaio per il nostro Sindaco?

Nelle settimane scorse i Cobas avevano chiesto alla Giunta e al Sindaco di riconoscere la cittadinanza onoraria alle vittime sul lavoro e di farsi carico delle spese per riportare la salma del lavoratore nepalese morto a S. Rossore. Entrambe le proposte sono cadute nel dimenticatoio, eppure l'ufficio stampa del Sindaco pullula di collaboratori ai quali non sarà sfuggita la nostra proposta...

(26 Aprile 2012)

Sportello sicurezza nei luoghi di lavoro Confederazione Cobas per i COBAS FEDERICO GIUSTI E DAVIDE BANTI

Pisa. Facciamo luce sulla morte di Kumar Sanoy

Dopo settimane di coma è morto il lavoratore del Nepal colpito dal calcio di un cavallo a san Rossore (Pisa) Augurandoci sia fatta piena luce sulle dinamiche di questo incidente, vorremmo riflettere sull'accaduto e sulle condizioni di lavoro e di insicurezza in cui operano i lavoratori degli ippodromi, chiedendo al Comune di Pisa di farsi carico di parte delle spese per il ritorno in Nepal...

(9 Aprile 2012)

Sportello sicurezza Confederazione cobas di Pisa via san lorenzo 38 pisa

Si stacca portellone da un Frecciargento. Indagine dell’Ansf

Lunedì scorso un portellone del treno Frecciargento 9482, partito da Roma alle 18,40 e diretto a Brescia, si è staccato sbattendo sul laterale dell’ultima carrozza e poi finendo sui binari. La notizia era stata diffusa dalla rivista dei macchinisti “Ancora In Marcia!”, ma oggi anche L'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (Ansf) è intervenuta, compiendo...

(29 Febbraio 2012)

DirittiDistorti

Sentenza umbria olii: condannato a 7 anni e mezzo il padrone

Ieri 14 dicembre , a oltre 5 anni dal disastro della Umbria Olii (Campello sul Clitunno) che procurò la morte di 4 operai, Giorgio Del Papa , titolare dell’ azienda , è stato condannato dal Tribunale di Spoleto a 7 anni e mezzo e al risarcimento di 1 milione ai familiari delle vittime. Il padrone della Umbria Oli è stato dichiarato responsabile dell’insicurezza dell’impianto...

(16 Dicembre 2011)

Confederazione Cobas

Strage operaia della Umbria Olii - condannato a 7 anni Del Papa

Comunicato della RETE NAZIONALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

Al processo per la strage di operai dell'Umbria Olii, Giorgio Del Papa, padrone dell'azienda, è stato condannato dal Tribunale di Spoleto a sette anni e sei mesi di reclusione per omicidio colposo, oltre a un ingente risarcimento nei confronti dei familiari delle vittime, del ministero dell'Ambiente, della regione Umbria, dell'Inail e del comune di Campello. Una condanna salutata con soddisfazione...

(16 Dicembre 2011)

Rete nazionale per la sicurezza sul lavoro

CONTRO L’INSICUREZZA NELLE SCUOLE

ASSEMBLEA PUBBLICA VENERDI’ 16 DICEMBRE DI LAVORATORI DELLA SCUOLA, GENITORI E STUDENTI DEI MUNICIPI XV E XVI DALLE ORE 16,30 ALLE 19,00 PRESSO LA BIBLIOTECA MARCONI in Via Cardano 135 Per incominciare a discuterne tutti insieme e per cercare di fare un intervento in positivo come COMITATO 5 APRILE snodo romano della RETE NAZIONALE SULLA SICUREZZA E LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO si convoca...

(7 Dicembre 2011)

COMITATO 5 APRILE snodo romano della Rete nazionale sulla sicurezza e salute sul lavoro

Avezzano. Ennesima morte operaia in fabbrica

Purtroppo per i morti sul lavoro non basta il lutto: I responsabili la dovranno pagheranno caro, e dovranno pagare tutto!!

Purtroppo per i morti sul lavoro non basta il lutto: I responsabili la dovranno pagheranno caro, e dovranno pagare tutto!! Alle 6.20 del mattino l'esplosione di una pompa di calore andata in fiamme toglie la vita a Berardo Massaro, operaio della cartiera Burgo di Avezzano. Originario di Luco dei Marsi, lascia una moglie e due figlie, all'età di 50 anni. Berardo è il ventisettesimo...

(29 Novembre 2011)

Partito Comunista dei Lavoratori Coordinamento Reg.le Abruzzo

Giustizia per i 4 lavoratori morti alla Umbria Olii

Sono Lorena Coletti, mio fratello morì il 25 novembre 2006, nella tragedia delle Umbria Olii. Quel giorno morirono altre 3 persone che lavoravano con lui nella ditta Manili, la quale effettuava manutenzioni in appalto presso la Umbria Olii. Il lavoro della ditta Manili, consisteva nel montare delle passerelle sui silos che per l'occasione dovevano essere bonificati, mentre tramite successive...

(3 Novembre 2011)

Lorena Coletti

Carlo Pratelli morì il 26 giugno 2006, schiacciato sotto 6 tonnellate di vetro.

Dopo ben 5 anni e mezzo la sentenza di primo grado.Solo 2 anni ai datori di lavoro.

Massimiliano Pratelli (figlio di Carlo Pratelli, morto il 26 Giugno del 2006, schiacciato sotto 6 tonnellate di vetro) mi ha scritto questa lettera, alla luce della sentenza di primo grado per la morte del padre, che è stata emessa solo dopo la bellezza di 5 anni e mezzo. Se tanto mi da tanto, ci vorranno ancora moltissimi anni prima di arrivare alla sentenza definitiva di terzo grado. E meno...

(31 Ottobre 2011)

Massimiliano Pratelli

Pisa. La morte di Carlo Pratelli è un monito per tutti

La Corte di Cassazione, con sentenza del maggio 2009, ha chiarito che “la normativa anti infortunistica mira a a salvaguardare l'incolumità del lavoratore non solo da rischi derivanti da incidenti o fatalità, ma anche da quelli che possono scaturire dalle sue stesse disattenzioni, imprudenze o disobbedienze alle istruzioni e prassi raccomandate" Basta questa considerazione per...

(31 Ottobre 2011)

CONFEDERAZIONE COBAS PISA

Lavoro. Ancora un morto nella fabbrica dei tedeschi

Nella fabbrica dei tedeschi, la ThyssenKrupp, si continua a morire di lavoro. Ieri sera la triste sorte è toccata ad un operaio polacco di 40 anni, che è stato trovato morto intorno alle 20 nella discarica della Thyssen Krupp di Villavalle a Terni. Il corpo dell'uomo è stato notato tra la terra, dopo che qualcuno aveva visto il camion fermo senza conducente. Sul posto sono intervenuti...

(27 Ottobre 2011)

DirittiDistorti

Lavoro. Chiesti 12 anni per a.d. Umbria Olii

Quattro morti, ora la richiesta di condanna a 12 anni di reclusione per l'ex amministratore delegato della Umbria Olii Giorgio del Papa avanzata dalla procura di Spoleto al termine della requisitoria nel processo all'imprenditore per l'incidente nel quale morirono quattro operai di una ditta esterna impegnati in alcuni lavori di manutenzione nello stabilimento di Campello sul Clitunno. Del Papa è...

(19 Ottobre 2011)

DirittiDistorti

Quando il lavoro nero e la speculazione immobiliare vanno a braccetto.

Il nero aumenta anche in Toscana

Quattro operaie sono morte per il crollo del maglificio di Barletta . Un'area di capannoni industriali costruiti con la cassa del Mezzogiorno 25 o 30 anni fa, edifici spesso fatiscenti e senza normative antincendio e sicurezza, sottoscala e cantine trasformate in piccole industrie. Secondo Istat sono 50 mila le lavoratrici (per lo più donne) irregolari nel settore accertate, decine e decine...

(5 Ottobre 2011)

confederazione cobas pisa

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |    >>

657064