il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La corsa a chi va più lento

La corsa

(5 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Il Pil tedesco cresce poco, quello italiano meno

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il capitalismo è crisi

Notizie e analisi sulla crisi del sistema di produzione capitalistico

(555 notizie dal 1 Giugno 2004 al 10 Aprile 2022 - pagina 9 di 28)

Il soggetto e la crisi.

L'editoriale del nuovo numero di Contropiano

Contropiano rivista, affiancando il quotidiano on line, vuole contribuire alla ricostruzione di un alfabeto comune della sinistra marxista e alla promozione di un dibattito franco e rigoroso, perché lo strumento dell’analisi teorica è fondamentale non solo per la comprensione della fase ma anche per la formazione (quindi la qualità) di una soggettività organizzata...

(7 Dicembre 2011)

Contropiano

22 ragioni per le quali potremmo assistere nel 2012 al collasso economico dell’ Europa

Il 2012 sarà l’anno in cui assisteremo al collasso economico dell’ Europa? Prima di licenziare il titolo di questo articolo come “allarmista”, leggete prima le informazioni elencate nel resto di questo articolo. Nel corso degli ultimi mesi, vi è stata una sorprendente perdita di fiducia nel sistema finanziario europeo. In questo momento, effettivamente nessuno...

(5 Dicembre 2011)

da The Economic Collapse

L’economia della povertà

Dicono a proposito del clima, che la vita e la salute di milioni di persone sono a rischio e vediamo come questo rischio sia già tragicamente reale. I nostri lungimiranti politici cosa ne pensano? Pensano che si deve continuare a incentivare il traffico automobilistico e il trasporto su gomma, investendo in grandi infrastrutture autostradali che richiedono immense colate di cemento. Dicono...

(3 Dicembre 2011)

Ira Conti

Aspettando il cigno nero? *

La Fed, Federal Reserve, banca centrale degli Stati Uniti, funziona come centro nevralgico del sistema finanziario e commerciale mondiale, essendo il dollaro la moneta dei pagamenti internazionali (65% del totale). Quindi, per avere dollari tutte le banche del mondo devono rivolgersi alla banca USA. Infatti ne tengono una riserva presso la sede centrale. Nel 2008 le banche USA detenevano $600 miliardi,...

(3 Dicembre 2011)

Ufficio Studi Federazione dei Comunisti Anarchici

Nessun sacrifico per arricchire speculatori e sfruttatori

Negli ultimi anni si è assistito alla trasformazione delle società cosiddette “opulente” ed “occidentali” in masse di lavoratori proletarizzati, con la liquidazione degli strati sociali intermedi. In altre parole, siamo giunti a quella situazione storica in cui la società si è drasticamente polarizzata, come aveva previsto Engels, tra il proletariato...

(2 Dicembre 2011)

Lucio Garofalo

Una fuoriuscita non dall’euro, ma dal capitalismo

I mezzi di comunicazione ufficiali e la stragrande maggioranza dei partiti politici si mostrano asserviti ai poteri forti ed insistono nel raccontarci una moltitudine di ipocrisie e luoghi comuni (oltretutto banali) sulla crisi, sulle cause, sugli effetti e sui presunti rimedi, spacciati come “riforme”, ma che sono controriforme reazionarie che tendono ad abolire le più avanzate...

(1 Dicembre 2011)

Lucio Garofalo

Il nuovo autoritarismo: dalle democrazie in decomposizione alle dittature tecnocratiche, e oltre

Introduzione Viviamo in un tempo di cambiamenti di regime, dinamici, regressivi. Un periodo in cui sono in piena accelerazione grandi trasformazioni politiche e l’arretramento drammatico di norme legislative di natura socio-economica introdotte un mezzo secolo fa; tutto questo provocato da una crisi economica prolungata e sempre più profonda e da un’offensiva portata avanti dalla...

(1 Dicembre 2011)

James Petras

Marchionne figlio di putin

Mentre da settimane si susseguono le voci più o meno ufficiali su un intervento del Fondo Monetario Internazionale "a favore" dell'Italia, in pochi hanno fatto caso ad un intervento autorevole a sostegno di questa macabra prospettiva, quello di Vladimir Putin, lo scorso 11 novembre. Putin ed il suo socio Medvedev si sono divisi il lavoro: mentre il primo avallava l'improbabile immagine di un...

(1 Dicembre 2011)

Comidad

Il capitalismo e' sfruttamento e fame nel mondo

Goldman Sachs ingrassa provocando carestie

Siamo così ossessionati dal debito sovrano, dalla crisi dell’euro e dalla recessione del mattone che ci siamo dimenticati dei tanti che stanno molto peggio di noi: i mille milioni di persone che ogni giorno vanno a dormire affamati. Le carestie che colpiscono il pianeta hanno molte cause, dalle siccità e dalle inondazioni causate dal cambio climatico all’industria dei biocombustibili,...

(30 Novembre 2011)

Carlos Enrique Bayo (*);

A proposito dell’articolo di piero bernocchi sulla crisi

Sia pur di misura, la casta politica italiana è infine giunta al giudizio da tempo condiviso dalla stampa e dai governi esteri, nonché dal capitale internazionale: quella di Berlusconi non è la «squadra» di governo né la coalizione politica più adatta a far pagare la crisi ai lavoratori italiani. È questo certamente il significato dell’allargarsi...

(24 Novembre 2011)

Michele Nobile

Su alcune interpretazioni della crisi e del capitalismo attuale di piero bernocchi

Le mobilitazioni in corso in Europa contro la crisi e i suoi responsabili stanno provocando anche una diffusa discussione su elementi di analisi economica e politica cruciali per qualsiasi processo di trasformazione sociale di rilievo. In generale si può dire che si estendono positivamente argomentazioni di carattere apertamente anticapitalistico, di rifiuto globale di un sistema considerato...

(24 Novembre 2011)

Piero Bernocchi Confederazione Cobas

La crisi islandese

Islanda: un riassunto di tre anni di crisi La crisi dell’Islanda fornisce molti elementi di riflessione. Facciamo un breve riassunto di quanto è successo in questi ultimi tre anni. A) Il capitalismo cresce solo come economia speculativa Prima dello scoppio della crisi del 2008 l’Islanda era la dimostrazione che il capitalismo è il paradiso in terra, un esempio delle meraviglie...

(17 Novembre 2011)

Miguel Giribets

È finito il neoliberismo? Tutti a casa?

Decenni di sciagurato neoliberismo stanno presentando il conto alle economie occidentali. Decenni di tagli ai salari, di privatizzazioni, di tagli ai servizi pubblici, di spostamento della ricchezza dalla produzione alla finanza stanno presentando il conto agli Stati. Per decenni è stata raccontata la favola che il mercato arricchisse tutti, che tutti si potessero permettere tutto, che la...

(15 Novembre 2011)

Segreteria Nazionale Federazione dei Comunisti Anarchici

Riflessioni di fidel castro

Domani comincia la riunione del G-20, cioè dei paesi più sviluppati e ricchi del pianeta: Stati Uniti, Canada, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e l’Unione Europea come entità a parte con diritto a partecipare; sono i baluardi fondamentali della NATO oltre ai suoi alleati Giappone, Corea del Sud, Australia e Turchia nel suo duplica aspetto di paese in via di sviluppo...

(3 Novembre 2011)

Fidel Castro Ruz 2 novembre 2011 8 y 54 p.m.

Crisi o non crisi dobbiamo vivere!

Lo spettro del fallimento dello stato – a causa dell’enorme stock di debito accumulato - si è fatto più minaccioso. Non è più solo la Grecia ad essere in ballo. Le banche esigono interessi più alti per prestare soldi allo stato: lucrano sulla sfiducia, da una parte, e, dall’altra, cercano e ottengono la rassicurazione che la Banca Centrale e l’intera...

(27 Ottobre 2011)

L’Internazionale - Inchiesta Operaia

La violenza del capitale

Negli ultimi tempi, sui principali media ufficiali si paventa con insistenza un’ipotesi di default (cioè fallimento) della Grecia, a cui potrebbe far seguito un allarmante effetto domino che rischierebbe di travolgere drammaticamente altri Paesi che fanno capo all’euro, tra cui l’Italia e la Spagna sembrerebbero i più esposti al contagio della crisi. In questo periodo...

(20 Ottobre 2011)

Lucio Garofalo

Agli indignati non far sapere quanto la nato ama il banchiere

Altro che bombe al fosforo ed uranio impoverito. Il 15 ottobre scorso i telespettatori hanno scoperto che la vera arma di distruzione di massa è il sampietrino e che, mentre i bombardamenti che da otto mesi l'aviazione italiana infligge alla Libia sono "interventi umanitari", a Piazza San Giovanni invece c'era una "guerra". Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha dimostrato di possedere lo...

(20 Ottobre 2011)

Comidad

Un capitalismo “cattivo” per salvare un capitalismo “buono”

Se la crisi – come ha detto Jean-Claude Trichet – è sistemica, perché stiamo perdendo tempo nel salvare questa o quella banca? Salviamo l’intero sistema, alla grande, e così la finiremo e ci risparmieremo un accidente ogni settimana! Vediamo il caso di Dexia, la banca franco-belga che agonizzava. I governi del Belgio e della Francia si sono accordati per salvarla...

(18 Ottobre 2011)

Isaac Rosa Scrittore spagnolo, autore de “Il paese della paura”.

Emergenza Italia – tra crisi del debito e collasso economico

Seminario sulla crisi. Pisa 7 Ottobre 2011 Intervento Vladimiro Giacché –

La situazione ha cominciato ad avvitarsi a luglio, con l’andamento disastroso dei titoli di Stato. I rendimenti si sono impennati paurosamente, rendendo sempre più onerosi gli interessi che lo Stato italiano deve pagare su un debito che è già pari al 120% del prodotto interno lordo e quindi sempre più precaria la situazione dei conti pubblici. Per la verità,...

(8 Ottobre 2011)

Sfruttamento in/debito. Il ruolo degli Usa nell’ultimo crollo dell’economia mondiale

Intervento di Francesco Schettino al Seminario sulla crisi. Pisa 7 Ottobre 2011

Dopo un triennio trascorso dagli agenti del capitale nel tentare di obnubilare in ogni maniera, talvolta persino risibile, le condizioni estremamente critiche del capitalismo nella sua interezza, nelle ultime settimane, a seguito dell’impressionante crollo dell’economia mondiale, e delle connesse terrorizzanti prospettive di accumulazione dell’ultimo quadrimestre dell’anno...

(8 Ottobre 2011)

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

518776