il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Detroit bankrupt city

Detroit bankrupt city

(19 Luglio 2013) Enzo Apicella
Detroit è fallita, rischio di migliaia di licenziamenti e di tagli alle pensioni municipali

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il capitalismo è crisi

Notizie e analisi sulla crisi del sistema di produzione capitalistico

(552 notizie dal 1 Giugno 2004 al 21 Aprile 2020 - pagina 2 di 28)

Fra la trappola della liquidità e quella della miseria che cresce

L’attuale governo Renzi, espressione degli interessi della borghesia italiana, come pure tutti quelli che l’hanno preceduto, è tutto impegnato a uscire dalla crisi economica iniziata a cavallo del 2007 e del 2008. Poiché gli “addetti ai lavori” continuano a sostenere che si tratta solo di una crisi di “sottoconsumo”, pianificano strategie economiche...

(8 Aprile 2015)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Economia: gli squilibri mondiali cambiano epicentro

di Alejandro Nadal (*) L’economia mondiale invia tutti i giorni segnali. Cosa cercano di dirci? Magari una domanda provocatoria: ci staranno dicendo che dobbiamo imporre sanzioni alla Germania per il suo disimpegno economico? La crisi globale sta per cominciare il suo settimo anno di vita. I problemi in Europa non si risolvono. Di fatto, adesso si combinano in modo pericoloso con i sintomi...

(29 Marzo 2015)

Traduzione di Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”

FACILI OTTIMISMI E IMBONITORI DA FIERA

La Repubblica “ Draghi: via al piano, la ripresa c’è”; Il Corriere della Sera “Bce ottimista sulla ripresa”. Facili entusiasmi quindi sugli effetti del “quantitave easing” che il presidente della BCE Mario Draghi comincerà a mettere in circolazione da lunedì prossimo nella misura di 60 miliardi il mese, escludendo dai benefici i reprobi...

(6 Marzo 2015)

Franco Astengo

Per le tasche degli italiani la crisi è come la guerra

E' cosa nota che durante e dopo ogni guerra, vinta o persa che sia, si assiste ad una redistribuzione consistente della ricchezza di un paese che sposta beni e denari dalle fasce di popolazione più povere a quelle più ricche, con concentrazioni paradossali di enormi ricchezze in pochissime mani. L'attuali crisi economica sta producendo lo stesso malsano effetto con il conseguente impoverimento...

(20 Gennaio 2015)

USB

Il massacro Chiarlie Hebdo - Un altro segnale del declino del capitalismo nella barbarie

A fine blitz delle teste di cuoio francesi non ci sono più dubbi sul fatto che il barbaro e scioccante omicidio di 12 persone nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo, e delle quattro al negozio kasher nei dintorni di Parigi, sia da imputare a militanti jihadisti. I movimenti razzisti e islamofobici che si stanno rafforzando in Europa e nel mondo hanno ricevuto un grande regalo...

(10 Gennaio 2015)

leftcom.org

Un sguardo nella crisi mondiale

Sebbene numerosi analisti intravedano un’opportunità nella caduta dei prezzi internazionali del petrolio per la ripresa dell’economia mondiale, la certezza è che essa annuncia un periodo catastrofico per numerosi paesi che sono sopravvissuti alla crisi grazie alle elevate rendite petrolifere. Al principio del secolo ed anche recentemente, il barile di petrolio era salito...

(11 Dicembre 2014)

Alfa Gamma - Pcl Salerno

Ceti medi senza futuro

48° rapporto Censis. Presentata l'indagine sulla situazione sociale del paese. La vita a «consumo zero nella società dell'«uomo indebitato»: individualismo, precarietà, sfiducia. Boom del risparmio privato, paura del «virus» della povertà. Crescono le identità lavorative «ibride» tra lavoro autonomo e precariato. Per lo più...

(6 Dicembre 2014)

Roberto Ciccarelli, il manifesto

FMI: come non imparare niente a scuola

di Alejandro Nadal La riunione annuale del Fondo Monetario Internazionale della scorsa settimana a Washington è rivelatrice, nel peggiore dei sensi, dell’incapacità dei suoi funzionari di educarsi a partire dalle lezioni della storia. In poche parole, il FMI non ha potuto imparare niente di utile sulle origine e sulla natura della crisi del 2008. L’aria di importanza e di...

(25 Ottobre 2014)

Traduzione di Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”

Recessione 2014 e interessi dei proletari

La crisi, la disoccupazione, lo sfruttamento non si risolvono né con le riforme istituzionali e costituzionali, né con le lotte sindacali, pure importanti. Il capitalismo va abbattuto

Da nuova unità - rivista di politica e cultura comunista, settembre 2014 Per l'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) “L’Italia deve spostare le sue politiche del lavoro su una maggiore tutela del reddito di lavoratori”. Per una vera crescita, e una graduale ripresa del Paese, l’Ocse, nel rapporto ‘Going For Growth’ di metà...

(17 Settembre 2014)

Michele Michelino

l'Istat dice che il paese è in recessione

I rapporti Istat fotografano un paese la cui economia è in fase recessiva, solo in agosto si sono persi 40 mila posti di lavoro A farne le spese soprattutto le regioni del meridione con la chiusura di tante aziende e la fine degli ammortizzatori sociali per chi il lavoro lo ha perso da anni La riduzione tendenziale dell'occupazione italiana (-105.000 unità) si accompagna alla crescita...

(30 Agosto 2014)

cobas pubblico impiego pisa

Crisi, crolla la spesa farmaceutica in Grecia, Italia e Portogallo

La crisi provoca un crollo della spesa farmaceutica. E a pagarne di più il prezzo sono proprio i paesi del Sud Europa: -12% Grecia,-6% Portogallo,-4% Italia. La prima ondata di crisi economica ha impoverito, in alcuni casi fino ad un quarto, i servizi sanitari dei paesi Europei e colpendo, in particolare, il settore farmaceutico. Dal 2010, tuttavia la spesa sanitaria ha ricominciato una lenta...

(24 Agosto 2014)

fabrizio salvatori - controlacrisi

LE CIFRE DELL’ECONOMIA E LE RAGIONI DELL’OPPOSIZIONE

“Quattro anni sprecati” così Repubblica titola un intervento di Luciano Gallino che, in maniera molto efficace, riassume il disastroso andamento dell’economia italiana nel corso dell’ultimo periodo. Si riprende di seguito, allora, l’incipit dell’articolo di Gallino: “I governi Berlusconi, Monti, Letta, Renzi saranno ricordati come quelli che hanno dimostrato...

(19 Agosto 2014)

Redazione Perchè la sinistra

SFORTUNATAMENTE CI SIAMO TUTTI SBAGLIATI

intervista di Padoan alla BBC (dal FATTO economia) con un commento della redazione di Perchè la Sinistra

"Sfortunatamente ci siamo tutti sbagliati": non pare proprio caro ministro Padoan, vi siete sbagliati voi che agite politiche economiche di impoverimento generale, di soffocamento delle possibilità di lavoro vivo, di intensificazione dello sfruttamento. Vi siete sbagliati voi sostenitori della nuova "aristocrazia" di governo. Vi siete sbagliati voi affossatori della democrazia, propugnatori...

(18 Agosto 2014)

Redazione Perchè La Sinistra

LA DEFLAZIONE SI MANGIA L'ITALIA

E così è arri­vata. La defla­zione, la bestia nera del gover­na­tore della Bce, Mario Dra­ghi, vive tra noi. Nelle nostre città – le prin­ci­pali del nostro Paese, ha regi­strato ieri l’Istat – “man­gian­dosi” intere regioni che di solito trai­nano l’economia, come il Pie­monte, la Lom­bar­dia,...

(13 Agosto 2014)

Antonio Sciotto - il manifesto

Neoliberismo e fondi avvoltoio

di Emir Sader (*) Mentre si esauriva il lungo ciclo espansivo del capitalismo, si impose il dibattito sulle ragioni di questo esaurimento e sulle forme di ripresa dello sviluppo economico. Trionfò la rinata versione del liberismo, reclamata a gran voce in particolare da Ronald (Reagan), che disse che si sarebbero dovuti sospendere i limiti alla libera circolazione del capitale, si sarebbe...

(9 Agosto 2014)

Traduzione di Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”

MENTRE PROSEGUONO I “POSITIVI INCONTRI” TRA RENZI E BERLUSCONI...QUESTI SONO I RISULTATI DEI GOVERNI MONTI, LETTA, RENZI: LA CRISI E’ STRUTTURALE E DI SISTEMA

(da La Stampa.it con un commento di PATRIZIA TURCHI e FRANCO ASTENGO)

Dal blog sinistrainparlamento.blogspot.it Di seguito la notizia appena uscita (fonte: La Stampa, economia.it) sui dati dell’ISTAT relativi all’andamento dell’economia italiana nel secondo trimestre 2014. Continua inesorabile l’andamento in discesa già verificatosi con i governi Monti, Letta e adesso Renzi. Non c’è nessun “miracolo” degli 80 euro...

(6 Agosto 2014)

PATRIZIA TURCHI E FRANCO ASTENGO

ITALIA, UN GOVERNO INESISTENTE IN MATERIA DI POLITICA INDUSTRIALE

Il governo Renzi così decisionista e propositivo quando si tratta di mettere mano alle libertà democratiche e così capace di elargire elemosine al fine di favorire una “presunta” ripresa dei consumi non appare proprio all’altezza quando si tratta di affrontare i temi di politica industriale. Politica industriale (e soprattutto politica dell’innovazione...

(16 Luglio 2014)

Franco Astengo

IL RAPPORTO ISTAT SULLA POVERTA' IN ITALIA NEL 2013, con il link da scaricare (dal sito dell'ISTAT)

con un commento della redazione di Perchè la Sinistra

Dal blog: sinistrainparlamento.blogspot.it Pubblichiamo di seguito la nota dell'ISTAT apparsa sul sito dell'Istituto ed il link del testo integrale del rapporto sulla Provertà in Italia 2013. Le cifre risultano del tutto eloquenti e confermano come la denuncia di un "impoverimento generale" sia pienamente confermata. Non bastano certo gli 80 euro dell'elemosina renziana, mentre crescono anche...

(15 Luglio 2014)

redazione di Perchè la Sinistra

A volte ritornano…
Delocalizzazioni, un altro mito che crolla. [Ma gli imbecilli restano!]

Finalmente, anche il Corrierone ha scoperto il reshoring, ovvero il rientro delle imprese italiane delocalizzate in Paesi «emergenti», in particolare la Cina[1]. Il fenomeno del reshoring è ormai massiccio – è in corso almeno dal 2008 – e riguarda oltre all’Italia i principali Paesi industrializzati, a partire da Usa e Germania[2]. Le delocalizzazioni avevano...

(15 Luglio 2014)

Dino Erba

Italia, disoccupati come in guerra

Istat/Eurostat. I senza lavoro continuano a crescere: restiamo il fanalino di coda con Grecia e Spagna Come in una guerra. A mag­gio il tasso di disoc­cu­pa­zione è cre­sciuto in Ita­lia al 12,6%, era al 12,5% in aprile. In un anno ha fatto un salto dello 0,5%. per l’Istat sono tre milioni e 222 mila di senza lavoro, 26 mila in più rispetto al mese pre­ce­dente,...

(2 Luglio 2014)

Roberto Ciccarelli, il manifesto

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

499136