il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

L'altro muro

L'altro muro

(25 Luglio 2011) Enzo Apicella
Wall Street ancora in perdita dopo la mancata decisione del Congresso USA sul debito pubblico

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il capitalismo è crisi

Notizie e analisi sulla crisi del sistema di produzione capitalistico

(552 notizie dal 1 Giugno 2004 al 21 Aprile 2020 - pagina 11 di 28)

Ferragosto... e le esternazioni del padronato veneto.

Se non fosse un dramma ci sarebbe da sorridere! Il presidente di Confindustria Veneta, Andrea Tomat, chiede ai lavoratori di devolvere 5 giornate all'anno di produzione gratuita a favore delle aziende; e lo fa con tanto di intervista sul Gazzettino; quindi si tratta di una dichiarazione ufficiale. E così dopo decenni di manovre economiche che hanno dilapidato gli stipendi dei lavoratori dipendenti;...

(17 Agosto 2011)

Marina Alfier Comunisti Italiani Associazione MARX21

Il capitalismo ha fatto crack e presenta il conto ai lavoratori

La devastante controffensiva globale del capitale in atto è figlia della radicalizzazione a destra dell’intero quadro politico e della definitiva involuzione neoconsociativa del sindacalismo confederale e sconta una evidente difficoltà delle lotte di resistenza dei lavoratori e di quelle sociali che, se anche destinate ad allargarsi sotto i colpi della crisi, ad oggi sembrano non...

(13 Agosto 2011)

SLAI COBAS - COORDINAMENTO NAZIONALE

Federal Reserve: Una truffa da 16 bilioni di dollari

Usa, accordo democratici e repubblicani: una truffa contro i poveri

L’attenzione dell’opinione pubblica internazionale è incentrata sull’accordo a perdere firmato tra Barak Obama e il Congresso, attraverso il quale il presidente si impegna ad applicare un duro programma di assestamento fiscale, incentrato sul taglio delle spese sociali (salute, educazione, alimentazione) e infrastrutture per 2,5 bilioni di dollari (2.500.000 milioni di dollari)...

(12 Agosto 2011)

Atilio Bóron

Inghilterra, crisi sociale senza precedenti

Non sorprende che le sommosse scoppiate in quasi tutte le grandi città inglesi siano state accolte dal governo, dai tabloid e dai media main stream, almeno inizialmente, con i soliti luoghi comuni: a parte l'ovvio teppismo, la strumentalizzazione criminale, le gang giovanili, la solita gente venuta da fuori e così via. È il normale esorcismo davanti a quello che più o...

(10 Agosto 2011)

Alessandro Dal Lago - Liberazione

Londra,madrid,tel aviv,annunciano il possibile autunno italiano

Berlusconi,Tremonti, e i tutti i partiti confindustriali sono seduti su una polveriera sociale. Che potrebbe esplodere in Autunno. In forme molto diverse, la ribellione di Londra, la rivolta degli indignati spagnoli e greci, e persino il grande movimento di massa che sta scuotendo Israele, sono la punta dell'iceberg di un potenziale enorme di rivolta sociale contro le politiche di miseria commissionate...

(9 Agosto 2011)

Partito Comunista dei Lavoratori

Fame a New York. Homeless mangiano le piante nei parchi

Prima era solo qualche hippy vegetariano, un po' stagionato, a nutrirsi del verde di Central Park. Oggi, però, con la crisi galoppante, sono in tanti a cercare sostentamento nelle piante che crescono al centro di New York. Un fenomeno in triste crescita, a cui le autorità cittadine hanno dichiarato guerra, e che conquista la prima pagina del New YorkTimes, con un pezzo dal titolo agro-dolce:...

(7 Agosto 2011)

Redazione Contropiano

Crisi: unica via la nazionalizzazione di banche, servizi, trasporti, energia e comunicazione

Poi Superpatrimoniale. E se ciò implica l’uscita dall'Euro, allora se ne esca

Nazionale – venerdì, 05 agosto 2011 La grande Crisi sta investendo la piccola Italia. Più del 2007, il 2011 sta diventando la crisi dell'Europa, colpendo prima la Grecia, poi l'Irlanda ed il Portogallo ed ora l'Italia e la Spagna. Governo e forze politiche di centro-destra e centro-sinistra, Confindustria, banche, Cgil, Cisl e Uil, affrontano questa fase con le solite parole d'ordine...

(5 Agosto 2011)

USB Unione Sindacale di Base

"Una campagna del mondo del lavoro contro il massacro imposto dall'Euro"

Di Fabio Sebastiani Prof Luciano Vasapollo mi sembra che nemmeno il compromesso raggiunto tra Obama e i repubblicani è riuscito a convincere i mercati finanziari. Vuol dire che le modifiche a cui stiamo assistendo sono più profonde di quanto sembrino? Se dovessi dare un titolo a questa intervista direi “niente di nuovo sul fronte occidentale”. Tutto quello che appare come...

(4 Agosto 2011)

Radio Città Aperta - Roma

Compatto il fronte borghese per una nuova riduzione dei salari

La crisi generale dell’economia capitalistica continua la sua marcia inesorabile che ha per destinazione finale il suo crollo catastrofico. In ogni paese, dalla Spagna alla Grecia, dal Regno Unito all’Italia, indipendentemente dal colore del governo, i provvedimenti adottati sono analoghi: demolizione dello Stato sociale, blocco o riduzione dei salari, aumento delle tasse che colpiscono...

(3 Agosto 2011)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

100.000 israeliani in piazza, no al carovita

Migliaia di persone hanno manifestato sabato sera nelle principali città israeliane sotto lo slogan “No alla disuguaglianza sociale” per protestare contro l'aumento del costo della vita e i salari bassi. Nuove manifestazioni sono previste per i prossimi giorni.

DI MARTA FORTUNATO Gerusalemme, 1 agosto 2011, Nena News (nella foto, manifestazione a Gerusalemme) - “Questa è una manifestazione della classe media israeliana che è sempre più povera. Gli stipendi non aumentano e molte famiglie fanno fatica ad arrivare a fine mese”. Queste le parole di Sofia, un'israeliana di Gerusalemme, che sabato 30 luglio ha deciso di scendere...

(1 Agosto 2011)

Nena News

PAGHERETE POCO! non caro, e neanche tutto, solo un po'......

..."mio caro padrone, domani, magari, ti rimprovero".

Nel secolo scorso, dalle parti degli anni ’70, canticchiavamo “mio caro padrone, domani ti sparo….”, ed oggi siamo al “mio caro padrone, magari ti rimprovero…”. Nel secolo scorso, dalle parti degli anni ’70, urlavamo “pagherete caro, pagherete tutto!”, ed oggi siamo al PAGHERETE POCO, NON CARO, NON TUTTO, SOLO UN PO’…. Governanti,...

(1 Agosto 2011)

COMUNISTI PER L’ORGANIZZAZIONE DI CLASSE COMBAT

A CHE PUNTO E’ LA CRISI CAPITALISTICA?

Gli zombie d’Occidente galleggiano su un oceano di debiti aggrappati alla macchina produttiva cinese (e indiana, e brasiliana...) ancora viva e vitale. La giovane e vigorosa classe operaia cinese è scesa in campo e, strappando posizioni al capitale, suona la sveglia al proletariato d’Europa e d’America. Intanto non pochi paesi già protagonisti di una “crescita...

(1 Agosto 2011)

Nucleo Comunista Internazionalista

Islanda (icona)

Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale

Articolo di Andrea Degl'Innocenti del 13 Luglio 2011, riportato da INFORMAZIONE LIBERA, e tradotto in audio, sulla rivoluzione silenziosa islandese, L'hanno definita una 'rivoluzione silenziosa' quella che ha portato l'Islanda alla riappropriazione dei propri diritti. Sconfitti gli interessi economici di Inghilterra ed Olanda e le pressioni dell'intero sistema finanziario internazionale, gli islandesi...

(1 Agosto 2011)

«Via il governo, e poi?». Patto per la crescita? Intervista a Luciano Gallino, sociologo e docente

Si fa presto a dire «patto per la crescita». Se gli interessi - retorica nazionale a parte - sono profondamente divergenti, chi è che nel «patto» rinuncia alla sua parte? Il precedente del '92-'93 fa tremare le vene ai polsi: da allora si è realizzato quel famoso «trasferimento del 10% della ricchezza prodotta dal lavoro ai profitti e alle rendite»....

(30 Luglio 2011)

Francesco Piccioni - Il Manifesto 30 luglio 2011

Minacce di fallimento, disciplinamento sociale e indipendenza di classe

Che cosa possiamo imparare dagli attacchi speculativi al debito sovrano

La fase attuale del versante economico della guerra di classe si concretizza in una serie di attacchi speculativi al debito sovrano di diversi paesi dell’Europa mediterranea. Stavolta tocca all’Italia, boccone appetitoso, ma notoriamente ostico. In questo breve saggio vengono dapprima sintetizzati alcuni elementi di giudizio che possiamo ricavare dagli attacchi speculativi scatenati dall’area...

(29 Luglio 2011)

Maurizio Donato economista, docente Università di Teramo

Crac e facce di culo

Con la speculazione sul debito pubblico (o debito sovrano), la crisi è entrata in uno stadio avanzato. E gli Usa sono già sull'orlo della bancarotta (shutdown!), e le conseguenze saranno catastrofiche. Nella Ue, il piano Merkel-Sarkozy si è rivelato un espediente di cortissimo respiro. A salvare la baracca, non bastano gli spiccioli: ci vuole molto di più. Ed ecco, allora,...

(29 Luglio 2011)

D.E.

No alla grande intesa confindustria- abi-cisl-cgil

La cappa di piombo della grande concertazione inizia a calare sul movimento operaio italiano e su tutti i movimenti sociali, in funzione di un ricambio politico confindustriale. La clamorosa dichiarazione comune di Confindustria, Associazione banchieri, Cisl, Cgil, sull'”emergenza economica nazionale” è al riguardo eloquente. Dopo una manovra finanziaria di macelleria sociale,...

(28 Luglio 2011)

MARCO FERRANDO Partito Comunista dei Lavoratori

Dall’Islanda un grido d’allarme: ‘L’UE e il FMI ci ricattano, no alla dittatura del mercato’

Lo avete mai visto un islandese? Scherzi a parte, non è usuale in Italia sentir parlare di questo popolo di sole 320 mila anime relegato nelle estreme e fredde propaggini settentrionali del continente. Eppure gli islandesi meriterebbero più di attenzione da parte dei media e soprattutto di chi si interroga sulle possibili fuoriuscite da una crisi economica sempre più aggressiva....

(21 Luglio 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta (con la collaborazione di Claudia Cucco)

No Signor Presidente, no al governo unico

No signor Presidente della Repubblica, mi permetto di obiettarLe che questo non e' il momento della coesione nazionale. Capisco le buone intenzioni di natura istituzionale, ma esse oggi lastricano una via che porta al massacro sociale in Italia come in Europa. Non di coesione, ma di una irruzione di giustizia, eguaglianza sociale e democrazia ha oggi bisogno la nostra stanca ed inutile politica per...

(13 Luglio 2011)

Giorgio Cremaschi

Non si esce dalla crisi senza liberarci del capitalismo

Manifesto pubblico PCL

A quattro anni di distanza dal suo inizio, la grande crisi del capitalismo permane e si aggrava in Europa. I governi di ogni colore ( da Berlusconi a Zapatero a Papandreu) sanno solo chiedere sacrifici sempre più grandi ai lavoratori e alle proprie popolazioni . Rivelando la bancarotta politica e morale di un intera organizzazione della società. IL CAPITALISMO E' FALLITO “Rassicurare...

(13 Luglio 2011)

Partito Comunista dei Lavoratori

<<    | ... | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | ...    >>

483542