il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

La scelta è tua

La scelta è tua

(4 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(La tolleranza zero)

La tolleranza zero

Tra deriva securitaria e nuove leggi razziali. I pogrom di stato contro i rom, gli stranieri, i mendicanti, i poveri...

(737 notizie dal 12 Marzo 2002 al 8 Ottobre 2019 - pagina 9 di 37)

QUESTE NOSTRE VITTIME

Le persone che muoiono nel Mediterraneo mentre tentano di fuggire da guerre, dittature e fame, e per giungere in Europa si affidano infine ai trafficanti, muoiono perché chi governa l'Unione Europea ed i paesi che ne fanno parte impedisce a questi esseri umani, a questi nostri fratelli, a queste sorelle nostre, di giungere nel nostro paese, nel nostro continente, in modo legale e sicuro, come...

(24 Agosto 2014)

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

Migranti: la “riforma” di Obama

di Néstor García Iturbe* | da alainet.org Uno dei temi principali nella campagna presidenziale dell'attuale presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è stata la Riforma sull'immigrazione che avrebbe permesso di fermare le deportazioni e concesso agli immigrati che si trovano negli Stati Uniti, in particolare ai giovani, di legalizzare la loro situazione. Tutto ciò,...

(23 Agosto 2014)

Traduzione di Marx21.it

La prossima guerra razziale non riguarderà la razza

di KAREEM ABDUL-JABBAR La rivolta di Ferguson, in Missouri, sarà un punto di svolta nella lotta contro l’ingiustizia razziale, oppure una piccola nota a piè di pagina in qualche tesi di dottorato sulle sollevazioni civili nei primi anni del XXI secolo? La risposta può essere trovata nel maggio del 1970. Probabilmente avete sentito della sparatoria della Kent State: il...

(19 Agosto 2014)

Traduzione di Commonwar

Mediterraneo insanguinato e capitalismo sanguinario

Per l’ennesima volta, il viaggio di decine di migranti nel mediterraneo si è trasformato in due stragi. Nel primo caso neppure per un naufragio: l’imbarcazione su cui viaggiavano era talmente stipata che 45 passeggeri rinchiusi nella stiva – questa è la cifra che viene diffusa mentre scriviamo – è morta asfissiata. E mentre ancora si completava la conta...

(3 Luglio 2014)

COMBAT – Comunisti per l’Organizzazione di Classe

FERMARE IL MASSACRO E' POSSIBILE

E' in corso nel Mediterraneo un massacro i cui primi responsabili sono i governi europei che proibendo agli esseri umani in fuga da guerre, dittature e fame di trovare scampo in Europa arrivandoci in modo legale e sicuro, appaltano quelle umane vite ai poteri criminali e di molte di esse provocano la morte. Questo massacro può cessare immediatamente: semplicemente riconoscendo ad ogni essere...

(3 Luglio 2014)

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

PER FAR CESSARE LE STRAGI NEL MEDITERRANEO BASTEREBBE POCO...

Per far cessare le stragi nel Mediterraneo basterebbe poco: basterebbe consentire a tutti gli esseri umani di muoversi liberamente sul pianeta, ovvero - nel caso particolare - permettere a tutte le persone di entrare in modo legale e sicuro nel nostro paese e in Europa. Ed al sadico di turno che preferirebbe che le vittime delle guerre, delle dittature e della fame morissero zitte zitte - anzi: urlando...

(30 Giugno 2014)

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA TORTURA

Nella Giornata internazionale contro la tortura la prima cosa che dobbiamo dire è che in Italia ci sono ancora i campi di concentramento, osceni, orribili, disumani luoghi di sofferenza in cui vengono recluse le persone migranti, persone che non hanno commesso nulla di male, e che sono giunte in questo paese a costo di rischi enormi per sfuggire alle guerre, alle dittature, alla fame, ovvero...

(26 Giugno 2014)

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Nasce nel segno dell’estrema destra il gruppo europeo di Grillo e Farage

Si tinge sem­pre più di nero l’alleanza euro­pea del Movi­mento 5 Stelle. Alla vigi­lia di un nuovo incon­tro tra Beppe Grillo e l’euroscettico bri­tan­nico Nigel Farage, che dovrebbe svol­gersi oggi a Bru­xel­les, pro­prio il lea­der dell’Ukip ha annun­ciato ieri di aver rag­giunto i numeri suf­fi­cienti per...

(19 Giugno 2014)

Guido Caldiron, Il Manifesto

ll Piano Casa mette a rischio i diritti di cittadinanza dei rifugiati più vulnerabili.

Il caso di Firenze.

4 giugno 2014 - Medici per i Diritti umani (MEDU) considera con grande preoccupazione la recente approvazione da parte del Parlamento della norma, contenuta nell’art.5 del Piano Casa 2014, che nega la possibilità di iscrizione anagrafica per coloro che occupino abusivamente un immobile. La misura adottata istituzionalizza e generalizza una pratica, più volte denunciata da MEDU...

(4 Giugno 2014)

Medici per i Diritti Umani (MEDU)

"DIFENDERE I DIRITTI UMANI DEI MIGRANTI".
UN INCONTRO DI STUDIO

Si è svolto la sera di lunedì 2 giugno 2014 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro di studio sul tema: "Difendere i diritti umani dei migranti per difendere la democrazia nel nostro paese e la vita e la dignità di tutti gli esseri umani". Nel corso dell'incontro sono stati utilizzati come base di riflessione il libro della scrittrice...

(3 Giugno 2014)

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Decreto Casa Contro i rifugiati

Carissim*, una citazione dal Decreto Casa del Governo Renzi: “Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.” Art. 5 Decreto n. 47 del 28 marzo Dopo anni di lotte...

(2 Giugno 2014)

Paolo Salza

ROM di LATINA, solidarietà umana con i cittadini di Al Karama

basta violenza, basta razzismo – difendiamo la democrazia

Il 24 e il 25 aprile 2014, a Latina nella zona di Borgo Montello, davanti ad un bar in una via di Borgo Bainsizza, quattro ragazzi di etnia Rom, residenti nel campo Al Karama, avrebbero subito nella notte un pestaggio e violenze gratuite da parte di quindici persone con la partecipazione di tre agenti della Polizia di Stato. Questa la denuncia di una delle vittime integralmente confermata in una deposizione...

(24 Maggio 2014)

CONSIGLIO NAZIONALE ROM

SCUSATE IL DISTURBO

immigrazione in poesia

Ancora una volta morti innocenti in Mare, quel Mare Nostrum che per molti rappresenta la Speranza d’una vita migliore, mentre per altri rappresenta solo un lucroso business. Non basteranno certo questi ultimi corpi dispersi o ormai privi di vita a farci comprendere l’abiezione in cui l’indifferenza ci ha fatto cadere. Niente pare scuotere o sconvolgere le nostre coscienze benpensanti...

(15 Maggio 2014)

Loredana Baglio

DI STRAGE IN STRAGE. CHE FARE

Due cose occorre immediatamente fare da parte dell'Italia e dell'Unione Europea per far cessare le stragi nel Mediterraneo. La prima: accogliere ed assistere tutti, mettere a disposizione di tutti la possibilità di muoversi in modo legale e sicuro sull'unico pianeta casa comune dell'umanità. Vi è una sola umanità, composta di persone tutte diverse l'una dall'altra e tutte...

(13 Maggio 2014)

Peppe Sini responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Aprire corridoi umanitari nel Mediterraneo e abolire la direttiva Dublino

Ancora una volta i media riportano la cronaca, freddamente numerica, dell’ennesima strage avvenuta nel Mediterraneo. Ancora una volta i rappresentanti delle istituzioni mettono in scena il solito spettacolo dello “schok” e del “dolore”, sorvolando sulle proprie responsabilità. Lacrime di coccodrillo sono state versate anche dopo la strage del 3 Ottobre a Lampedusa,...

(13 Maggio 2014)

Antonio Mazzeo, giornalista eco pacifista e scrittore Candidato alle Europee 2014 nella lista “L’Altra Europa con Tsipras”

Solidarietà e sostegno ai profughi

Piccola cronaca di un’iniziativa ancora troppo piccola

Le cronache di questi giorni hanno ampiamente parlato dell’avvilente situazione vissuta dai profughi e, soprattutto, dalle profughe siriane giunte a Milano. Nella «città dell’Expo» (pagato a caro prezzo dai contribuenti per la maggior gloria di affaristi&politicanti) centinaia di profughi hanno trovato precaria ospitalità negli ambienti della Stazione Centrale...

(7 Maggio 2014)

d.

ASGI. Tribunale di Roma trattiene nel CIE cittadini nigeriani richiedenti asilo

Il 30 aprile 2014 si sono tenute le udienze di proroga del trattenimento di tre cittadini nigeriani richiedenti asilo, trasferiti nel CIE di Ponte Galeria direttamente dopo il loro ritrovamento in mare nel corso delle operazioni della marina militare di Mare Nostrum. La domanda di asilo è stata presentata immediatamente dopo l'arrivo al CIE. L'udienza si è svolta in assenza di interprete...

(7 Maggio 2014)

dirittidistorti.it

«In arrivo 800 mila immigrati». Allarme del Viminale con dietrofront

Pun­tuale al cam­bio di sta­gione, ecco ripre­sen­tarsi l’emergenza immi­grati. Chi si ricorda del milione di afri­cani in arrivo sulle nostre coste paven­tato nel 2011, l’anno delle Pri­ma­vere arabe, dall’allora mini­stro dell’Interno Roberto Maroni? L’invasione temuta non ci fu e anche sta­volta le «800 mila per­sone,...

(30 Aprile 2014)

A. Mas, Il Manifesto

Vietato dare da mangiare ai senzatetto. L’ultima trovata di Tosi

Nei bioparchi siamo abituati a vedere i cartelli con scritto: “Vietato dare da mangiare agli animali”. Ma non ci era mai capitato di imbatterci nel divieto di portare cibo ed acqua a persone che vivono in strada. E’ l’ultima trovata del sindaco di Verona Flavio Tosi, che non smette mai di stupire! Da ieri infatti è in vigore un'ordinanza che vieta la distribuzione...

(24 Aprile 2014)

V.V. - DirittiDistorti

Pisa, omicidi di migranti.

In queste ore stanno diffondendo le immagini della aggressione che è costata la vita ad un lavoratore Bengalese Ancora una volta i migranti vittime di violenze e di omicidi. Dopo le centinaia di morti nel golfo di Sicilia, questa volta un lavoratore bengalese, Zakir Hossain, è stato aggredito e ucciso nella centralissima via pisana di Corso Italia. Non sappiamo le ragioni di questo...

(17 Aprile 2014)

federico giusti - cobas pisa

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

553952