il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

La lotta del Popolo Kurdo

(199 notizie dal 20 Gennaio 2003 al 15 Ottobre 2019 - pagina 1 di 10)

Rojava, fermare l’aggressione per cancellare l’utopia

Forse si fermerà, forse, l’esercito invasore che Erdogan considera un difensore della nazione turca, tanto da accettarne le manine fascistoidi a mo’ di ‘Lupo grigio’ esibite per le telecamere dai soldati della mezzaluna. Nei contatti segreti che emissari turchi, siriani, iraniani più le Intelligence occidentali intrecciano in queste ore per stabilire l’immediato...

(15 Ottobre 2019)

Enrico Campofreda

Solidarietà al popolo del Rojava. L'Italia e le istituzioni Regionali devono condannare e agire contro l'azione di guerra della Turchia

L'attacco attuato dalla Turchia in queste ultime ore contro la popolazione del Rojava, non rappresenta un atto di difesa ma il tentativo di concludere una vera e propria pulizia etnica attuata da tempo contro il popolo curdo e tutti i popoli che abitano quei territori liberati. Un popolo multietnico con cui l'esercito dello YPG e YGJ, è riuscito a costruire l'unica realtà democratica...

(10 Ottobre 2019)

Potere al Popolo Modena

On the side of the Kurdish fighters and Syrian anti-imperialists

(Segue in italiano)

Turkey is attacking Syrian Kurdistan, with the blessing of Donal Trump, who last week ordered the withdrawal of U.S. troops from the target enclaves of the Turkish army, paving the way for this umpteenth aggression. The ground troops entered Turkish-Syrian territory. Turkey has declared that the objective of the invasion is to create a "security zone" in which to send back the almost two million Syrian...

(10 Ottobre 2019)

USB Dipartimento Internazionale

La Turchia rimuove tre sindaci kurdi

Adnan Selçuk Mizrakli, Ahmet Türk, Bedia Özgökçe Ertan erano stati eletti al primo turno delle recenti amministrative turche, quelle in cui il partito di governo Akp ha perduto le maggiori città del Paese. I tre guidavano rispettivamente: Diyarbakir, Mardin e Van. Pochi giorni fa un intervento del ministro dell’Interno li ha rimossi dall’incarico in...

(27 Agosto 2019)

Enrico Campofreda

Güven, fame di libertà

La protesta estrema, a rischio vita, ha dato i suoi frutti. Leyla Güven, membro e deputata del Partito democratico dei popoli, l’aveva attuata dallo scorso 7 novembre: uno sciopero della fame per protestare contro l’isolamento cui è sottoposto il leader del Pkk Abdullah Öcalan. Lei era stata arrestata nel gennaio 2018 per il sostegno dato a manifestazioni contro la repressione...

(25 Gennaio 2019)

Enrico Campofreda

Leyla, affamare il corpo per nutrire gli ideali

E’ uno sciopero della fame che lei stessa ha definito irreversibile e definitivo sin dal momento dell’annuncio, circa un mese fa. La deputata kurda Leyla Güven, rieletta nella provincia di Hakkari lo scorso 24 giugno, nonostante si trovasse già in galera dove l’aveva condotta a fine gennaio 2018 un’operazione repressiva indiscriminata del regime erdoganiano, è...

(5 Dicembre 2018)

Enrico Campofreda

Siria, ad Afrin la Turchia lascia fare il lavoro sporco ai gruppi armati anti-Assad

Tramite uikionlus.com Una volta combattevano contro Assad, oggi sono (alcuni di loro lo erano già allora) a libro paga della Turchia e, contro la popolazione civile curda di Afrin, hanno fatto il peggio del lavoro sporco. Come noto, nel gennaio di quest’anno l’esercito turco, spalleggiato da una pletora di gruppi armati siriani, ha lanciato un’offensiva militare contro le...

(7 Agosto 2018)

Riccardo Noury, Portavoce di Amnesty International Italia

Turchia, kurdi e le elezioni autoritarie

A un mese dalle elezioni politiche e presidenziali turche l’opposizione kurda è mobilitata a divulgare i tre terribili anni di repressione che hanno colpito suoi attivisti e la popolazione e a riorganizzare il partito (Hdp) per la resistenza elettorale, soprattutto nel sud-est del Paese. Domani il ‘Tribunale permanente dei popoli sulla Turchia e i Kurdi’, che a metà...

(23 Maggio 2018)

Enrico Campofreda

Il sogno spezzato di Afrin

Cala pesante la mezzaluna turca sul sogno di Afrin. Sull’enclave kurda sventola da ieri lo stendardo di Ankara, che secondo testimonianze raccolte dalla stampa recatasi presso il centro dell’Intelligence siriana, a Derik, ha sfumature nere, visto l’utilizzo di miliziani dell’Isis attuato dall’esercito turco. Non si sa se anche nel corso dell’operazione “Ramoscello...

(19 Marzo 2018)

Enrico Campofreda

Kurdi, storia della persecuzione di un popolo

Il 20 marzo, alle ore 19.30, presso Il Pedale Veloce (borgo Bernabei 29, Parma) Un popolo diviso su 4 nazioni senza diritti nè riconoscimento in nessuna di esse. Un popolo, nostri fratelli e sorelle che negli ultimi 5 anni ha combattuto lo stato islamico, creazione dei servizi segreti occidentali e sovvenzionato coi petrodollari dell'Arabia Saudita, sconfiggendolo, spesso armato di poco altro...

(19 Marzo 2018)

Officina Popolare Parma

Afrin, sabato 17 l'iniziativa in piazza Esquilino a Roma. L'adesione di Progetto Diritti

Da sempre al fianco dei diritti del popolo curdo anche Progetto Diritti aderisce e partecipa alla manifestazione Defend Afrin-libertà per Ocalan e giustizia in Kurdistan di sabato 17 febbraio a Roma. "Scendere oggi in piazza a fianco della comunità curda è più che mai necessario", si legge in una nota di Progetto Diritti. Da 24 giorni il cantone curdo di Afrin nella Siria...

(14 Febbraio 2018)

controlacrisi.org

Quelle mani sono sporche di sangue! Erdogan, Roma non ti vuole!

Lunedì 5 febbraio Roma sarà una città blindata per l’arrivo del presidente turco Erdogan, che incontrerà il Papa, il capo dello stato Mattarella e il primo ministro Gentiloni. A Roma è previsto un piano speciale di militarizzazione, forte di 3500 forze di sicurezza che vigileranno per impedire qualsiasi manifestazione di dissenso: infatti, verrà messo...

(3 Febbraio 2018)

Rete Kurdistan Roma

Afrin, parte il piano anti kurdo di Erdogan

Se sarà una punizione o una più sanguinosa pulizia militare si vedrà prossimamente. Di fatto l’attacco a quelli che il presidente turco Erdogan definisce terroristi, e che in questi anni sono stati solidi combattenti contro le milizie del Daesh, le formazioni kurde dell’Ypg e dell’Ypj, è iniziato ieri. I caccia turchi sono partiti proprio dalle basi aeree...

(21 Gennaio 2018)

Enrico Campofreda

Kurdistan nel limbo, Barzani rinuncia alla presidenza

Proseguirà - così ha scritto in una lettera inviata al Parlamento regionale - a rincorrere, assieme agli amati peshmerga, il diritto di ottenere una nazione kurda, ma per ora Masoud Barzani rinuncia a rivestire l’incarico di presidente del Krg che scade il 1° novembre. Una decisione controversa ma realistica, seguìta alla fase del successo del referendum da lui fortemente...

(30 Ottobre 2017)

Enrico Campofreda

Milano, 7 ottobre: libertà per Abdullah Öcalan e per tutte le prigioniere e i prigionieri politici

Pace in Kurdistan e Democrazia in Medio Oriente

Crescono le preoccupazioni relative alla salute e alla sicurezza del presidente del popolo curdo Abdullah Öcalan. Da due anni vi è un assordante silenzio sulle sue condizioni. Dall'ultima visita avvenuta il 27 luglio 2011, i costanti appelli per autorizzare la visita degli avvocati non hanno prodotto alcun risultato. Anche un comitato internazionale che comprende deputati del Parlamento...

(3 Ottobre 2017)

Italia - UIKI Onlus Comunità curda in Italia Rete Kurdistan Italia

Kurdistan, mina vagante nella polveriera mediorientale

Felicità e inquietudine - Tensione crescente fra Erbil e Baghdad, le cui leadership si guardano in cagnesco ora che circa quattro milioni di kurdi della regione autonoma del nord Iraq hanno impresso su scheda l’adesione alla proposta d’indipendenza di Masoud Barzani. Che ha ricevuto un ampio assenso anche nella provincia che gli arabi considerano propria: Kirkuk. Il premier iracheno...

(28 Settembre 2017)

Enrico Campofreda

Kurdistan, le conseguenze del sogno referendario

Sogno gioioso - Fra chi festeggia (i kurdi iracheni) e chi minaccia (Turchia, Iran e ovviamente il governo di Baghdad) si muovono i dati ufficiosi del referendum sull’agognata indipendenza in Kurdistan, compresi i seggi collocati nella preziosa area di Kirkuk. Ha votato il 78% degli aventi diritto e il sì supera il 93%. I dati ufficiali saranno noti entro giovedì. Le telecamere...

(26 Settembre 2017)

Enrico Campofreda

Kurdistan, il referendum storico del popolo di Barzani

“Orgoglioso di lanciare il mio voto di primo mattino e partecipare allo storico giorno del Referendum per il Kurdstan”. Così ha twittato stamane, prestissimo, Masoud, l’epigono del clan Barzani e da tempo leader dei kurdi iracheni. Per l’evento esclusivamente consultivo, e nonostante tutto ostacolato dal governo di Baghdad, negato da quelli di Ankara e Teheran, e surclassato...

(25 Settembre 2017)

Enrico Campofreda

Referendum Kurdistan: Washington lavora per il rinvio

Alleato sì, ma sempre secondo propri interessi e dettami, perciò Washington in queste ore sta spingendo affinché Massoud Barzani e il suo partito (Pdk) mettano da parte la scadenza del referendum d’indipendenza del Kurdistan fissato per il 25 settembre. ‘Non è tempo di voto’ sostengono alla Casa Bianca e qui la frattura diventa netta, perché nel...

(16 Settembre 2017)

Enrico Campofreda

Referendum sul Kurdistan: attese e timori

A un mese dal previsto referendum promosso da Massoud Barzani sull’ipotetica “indipendenza della regione del Kurdistan e di zone fuori dal territorio” (dunque i governatorati di Erbil, Sulaymaniyah, Dohuk più l’ambitissima Kirkuk) la Turchia, che è ferrea oppositrice dell’iniziativa nonostante i discreti rapporti col leader del Partito democratico del Kurdistan...

(25 Agosto 2017)

Enrico Campofreda

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |    >>

221146