il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e ambiente    (Visualizza la Mappa del sito )

Italiana Nucleare

Italiana Nucleare

(28 Marzo 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Nucleare? No grazie!)

Nucleare? No grazie!

(145 notizie dal 10 Ottobre 2003 al 28 Giugno 2019 - pagina 3 di 8)

Referendum nucleare. Greenpeace, un grazie ai sostenitori

«Grazie perché hai contribuito a una campagna storica, grazie perché hai definitivamente allontanato il nucleare dall'Italia, grazie perché hai lanciato un messaggio a tutto il mondo: un pianeta senza atomo è possibile!». Greenpeace lancia un messaggio a tutti i sostenitori dell'abrogazione della legge sul nucleare che si sono recati alle urne per votare sì....

(14 Giugno 2011)

DirittiDistorti

Il grido del Giappone: ‘basta con l’atomo!’. Centinaia di migliaia in piazza

11-06-2011/21:00 --- A tra mesi dal sisma e dallo tsunami dell’11 marzo che ha cambiato la vita di milioni di persone, per la prima volta la rabbia, la delusione e la paura hanno rotto gli argini prendendo la forma di una immensa manifestazione che ha percorso contemporaneamente le piazze di centinaia di località nipponiche. A detta di analisti e giornalisti, si è trattato di una...

(12 Giugno 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

CENTRALI NUCLEARI: una tecnologia costosa. inutile, pericolosa -opuscolo-

In allegato il file pdf dell'opuscolo da scaricare e stampare. Il formato pagina è A5, le cui dimensioni sono la metà di un foglio A4, cioè cm 14,9 x 21 Nazionale – mercoledì, 25 maggio 2011 Il Comitato di Difesa della Ricerca Pubblica in collaborazione con USB pubblica un utile opuscolo sulla tecnologia delle centrali nucleari da utilizzare nelle campagna referendaria...

(25 Maggio 2011)

Unione Sindacale di Base (USB)

I sardi affondano il nucleare.

Grazie al protagonismo delle forze indipendentiste

17-05-2011/13:23 --- I sardi hanno bocciato il nucleare. Domenica e lunedì 880.171 cittadini sardi – il 59,49% degli aventi diritto – hanno partecipato per il referendum consultivo sbarrando così la strada alla costruzione di centrali nucleari e depositi per scorie radioattive nell’Isola. Una buona partecipazione al voto, nonostante che in molti territori dell’isola...

(17 Maggio 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

Catastrofe di Fukushima: la gestione sociale dei contaminati.

Ciò che accade in Giappone è una dimostrazione del fatto che la società atomica è la società della menzogna, del negazionismo, del controllo sociale più barbaro. E' una dimostrazione del fatto che la società atomica è fatta a misura del profitto di un pugno di colossi industriali, energetici, militari. Gli stessi criminali che hanno provocato...

(16 Maggio 2011)

Assemblea permanente Una Volta per Tutte Contro il Nucleare- Milano-Saronno

Avigliana. I No Nuke sui binari, la polizia attacca

Una lunga notte di resistenza

Avigliana, notte tra l’8 e il 9 maggio. È stata una lunga notte. Il tam tam ecologista aveva diffuso la notizia di un treno carico di scorie nucleari sin da venerdì. Ecologisti e No Tav si sono dati appuntamento alla stazione di Avigliana per bloccare il treno, per far sapere alla gente quanto siano pericolosi i trasporti di materiale radioattivo. Sin dalle 21 tanta gente si...

(10 Maggio 2011)

Federazione Anarchica Torinese

Treno con scorie nucleari è passato da Novara

Alle ore 2.00/2.10 di lunedì 9 maggio 2011 due treni, uno “civetta” con decine di poliziotti a bordo seguito da un treno carico di barre radioattive ha attraversato la città di Novara provenendo da Vercelli, sostando alla stazione di Novara per poi proseguire verso Mortara. Il fatto che treni pericolosi attraversino la città era stato oggetto di denuncie pubbliche...

(9 Maggio 2011)

Comitato Salvanovara

No al trasporto di scorie radioattive da Vercelli verso la Francia

Il Coordinamento Antinucleare salute,ambiente,energia ed il Comitato cittadini contro il nucleare di Saluggia(VC) dichiarano che nella notte tra domenica 8 e lunedì 9 maggio vi sarà l’ennesimo trasporto di scorie radioattive da Vercelli verso la Francia. Il problema della vecchia esperienza nucleare in Italia ci coinvolge continuamente,non solo la battaglia per la vittoria del...

(7 Maggio 2011)

Coordinamento Antinucleare salute,ambiente,energia Comitato cittadini contro il nucleare Saluggia(VC)

Il capitalismo uccide gli uomini e la natura.

Fukushima o dell’inumanità capitalista

In alcune osservazioni scritte dopo il disastro nucleare giapponese, il Dott. Abraham Behar, presidente dell’Associazione dei Medici Francesi per la Prevenzione della Guerra Nucleare (AMFPGN) si domandava: “Chi si preoccupa dei lavoratori della manutenzione di Fukushima? Si alzano voci che ricordino la sorte dei 50 tecnici che fanno quello che possono nella centrale altamente radioattiva:...

(4 Maggio 2011)

Pierre Rousset

26/4/1986 - 26/4/2011 dalle ceneri di chernobyl, presente la catastrofe di fukushima, alla mobilitazione per votare si ai referendum contro il nucleare e per l’acqua bene comune .

Il 25° di Chernobyl è stata una giornata di straordinaria partecipazione antinucleare in molte località italiane. Già sabato 23 aprile si erano tenuti significativi cortei a Trino Vercellese e Caorso sedi di centrali nucleari dimesse ; così come nelle manifestazioni del 25 aprile , il tributo alla Liberazione si è congiunto a quello di liberarsi dai governi...

(27 Aprile 2011)

Coordinamento Antinucleare salute ambiente energia

Regno Unito, tre incidenti nucleari in tre mesi. Ma i cittadini erano all’oscuro

Due fuoriuscite di materiale radioattivo e la rottura dell’impianto di raffreddamento di emergenza di una centrale. Non si tratta del Giappone ma del vicino Regno Unito, dove si sono verificati tre diversi incidenti in altrettanti impianti nucleari del Paese negli ultimi tre mesi. E’ questo il bilancio che emerge da un rapporto riservato consegnato ad esponenti del governo sulla situazione...

(26 Aprile 2011)

Davide Ghilotti - Il Fatto Quotidiano del 26 - 4 - 2011

Disastro nucleare

La bomba a tempo giapponese

Il primo ministro del Giappone, Naoto Kan, insiste nel minimizzare le conseguenze del problema nucleare scoppiato a Fukushima. “La crisi si sta stabilizzando a poco a poco, ma non ci sono ragioni di ottimismo” (www.businessinsider.com, 12-4-11). Invita la gente a vivere come al solito, a non fare auto-restrizioni e a consumare i prodotti delle zone colpite “per dare loro appoggio”. Il...

(20 Aprile 2011)

Juan Gelman scrittore e giornalista argentino.

Fukushima: iniziata la fusione delle barre di combustibile nucleare. Gli sfollati dalle aree contaminate trattati da appestati

19-04-2011/13:16 --- In Giappone il governo e la Tepco, la enorme agenzia elettrica che gestisce molte delle centrali nucleari del paese, continuano a dire bugie. Solo poche ore fa alcuni portavoce avevano affermato che la situazione era sotto controllo e tranquillizzante anche se, avevano poi ammesso, ‘ci vorranno dai sei ai nove mesi’ per riportare i reattori della centrale di Fukushima...

(19 Aprile 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

Livello 7

Fukushima: come Chernobyl o peggio di Chernobyl?

Ci hanno impiegato un mese esatto per dire una verità chiara fin dall'inizio. Un mese nel quale non sono minimamente riusciti a venire a capo del problema. Una figuraccia per l'iper-tecnologico Giappone, ma soprattutto la smentita più plateale che ci si potesse attendere sulla presunta «sicurezza» delle centrali nucleari. L'incidente di Fukushima è ora classificato...

(17 Aprile 2011)

Leonardo Mazzei - Campo Antimperialista

Le menzogne del nucleare

Il nucleare è pulito. Nucleare significa costruire un tempio consacrato alla produzione di energia, che non potrà essere più smantellato, non riuscire a smaltire le scorie in alcun modo, usare acque di fiumi e mari per il raffreddamento del processo, alterandone l’equilibrio e avvelenandoli, utilizzare “risorse umane” finché esse non vengano contaminate. Il...

(16 Aprile 2011)

Usa, l'onda lunga di Fukushima

L'università delle Hawaii: detriti radioattivi tra un anno sulle nostre isole, tra tre su tutte le coste degli Usa Le conseguenze dell'incidente di Fukushima potrebbero essere molto più gravi di quelle previste. I ricercatori dell'università delle Hawaii prevedono che i detriti radioattivi arriveranno sulle coste delle isole statunitensi entro un anno. E' solo una questione di...

(15 Aprile 2011)

Luca Galassi - Peacereporter

Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima

Gli abitanti del polo chimico e petrolifero di Augusta-Melilli-Priolo, in provincia di Siracusa, sanno di vivere in una delle aree più a rischio e inquinate d’Italia. Lo chiamano giustamente il “golfo della morte”. Alle spalle, le grotte e le cave naturali dei monti Climiti, per decenni depositi delle armi chimiche in dotazione alle forze armate italiane e statunitensi. Sulla...

(13 Aprile 2011)

Antonio Mazzeo

Fukushima come Chernobyl ma per il Governo nipponico la situazione è sotto controllo

12-04-2011/15:33:54 --- Ormai è su tutti i giornali e fa paura la notizia che l’agenzia giapponese per la sicurezza nazionale ha portato a 7 il livello di gravità dell’incidente della centrale nucleare di Fukushima. Il settimo è il livello massimo della gravitá secondo gli specialisti dell'energia atomica che hanno stilato la Ines, International Nuclear Event...

(12 Aprile 2011)

Marina D’Ecclesiis, Radio Città Aperta

Il pericolo nucleare

L’ammonimento di Fukushima

Le notizie dalla centrale nucleare giapponese che mette paura a tutto il pianeta non occupano più le prime pagine dei mezzi di comunicazione. L’incidente ha perduto attualità e si è raffreddato nello stesso modo in cui gli operai (i liquidatori) raffreddano i nuclei dei reattori della centrale. Ciò nonostante Fukushima continua ad essere un affare molto serio nel...

(8 Aprile 2011)

Vicent Boix – da: alainet.org, 6.4.2011

Latte radioattivo in Italia? Si, dal 1900..

08-04-2011/08:09:05---Nel marasma mediatico di questi giorni, tra guerra in Libia, barconi di rifugiati e processi brevi, c’è un argomento che dal momento in cui è avvenuto ha goduto di una vita davvero bizzarra, giornalisticamente parlando. Sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo all’inizio, via via è andato sparendo con singolare velocità, per non...

(8 Aprile 2011)

Pablo Castellani, Radio Città Aperta

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |    >>

144656