il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e ambiente    (Visualizza la Mappa del sito )

All'estero abbiamo già votato

estero

(27 Maggio 2011) Enzo Apicella
4 milioni di italiani residenti all'estero hanno già ricevuto le schede dei referendum e hanno già iniziato a votare.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Nucleare? No grazie!)

Nucleare? No grazie!

(10 notizie dal 16 Maggio 2009 al 31 Marzo 2015 - pagina 1 di 1)

Adesione al sit-in organizzato dal Coordinamento comitati Nonucle – Noscorie.

A Manca pro s’Indipendentzia comunica che sarà presente nelle giornate del 1 e 2 aprile 2015 sotto i portici del Consiglio Regionale in via Roma a Cagliari, per partecipare assieme a tutti i cittadini sardi al sit-in organizzato dal Coordinamento comitati Nonucle – Noscorie. La manifestazione è stata indetta per tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica...

(31 Marzo 2015)

A Manca pro s’Indipendentzia

I sardi affondano il nucleare.

Grazie al protagonismo delle forze indipendentiste

17-05-2011/13:23 --- I sardi hanno bocciato il nucleare. Domenica e lunedì 880.171 cittadini sardi – il 59,49% degli aventi diritto – hanno partecipato per il referendum consultivo sbarrando così la strada alla costruzione di centrali nucleari e depositi per scorie radioattive nell’Isola. Una buona partecipazione al voto, nonostante che in molti territori dell’isola...

(17 Maggio 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima

Gli abitanti del polo chimico e petrolifero di Augusta-Melilli-Priolo, in provincia di Siracusa, sanno di vivere in una delle aree più a rischio e inquinate d’Italia. Lo chiamano giustamente il “golfo della morte”. Alle spalle, le grotte e le cave naturali dei monti Climiti, per decenni depositi delle armi chimiche in dotazione alle forze armate italiane e statunitensi. Sulla...

(13 Aprile 2011)

Antonio Mazzeo

Nucleare: il fiume Garigliano invade la centrale dismessa nel casertano

18-03-2011/12:45 --- È successo di nuovo ieri, così come succede dall’83: il fiume Garigliano è esondato invadendo la centrale nucleare vicino il Comune di Sessa Aurunca, nel casertano. Quello che gli abitanti della zona chiamano “mostro” è un reattore costruito negli anni ’60 e nonostante la chiusura dell’impianto nell’83, il suo carico...

(18 Marzo 2011)

Marina D’Ecclesiis, Radio Città Aperta

La Fgci ed i Comunisti italiani di Vibo Valentia dicono ancora “No al Nucleare”

Dopo le due precedenti iniziative, svolte nei giorni passati, la federazione giovanile del PdCI di Vibo Valentia dà di nuovo appuntamento a sabato 18 dicembre, sul corso presso l’ufficio sanitario, per continuare e concludere la loro lotta (il 21 dicembre scade il termine di consegna) contro la proposta del governo Berlusconi per tornare a produrre energia nucleare sul territorio nazionale....

(16 Dicembre 2010)

Federazione Giovanile Comunisti Italiani – Partito dei Comunisti Italiani Vibo Valentia

Nella valle del petrolio e del sottosviluppo celebreremo i 6 anni della mobilitazione pacifica di Scanzano

la cui lezione di democrazia e libertà non è stata ancora recepita dalla classe politica lucana e dai tanti politici per caso

27 novembre 2003 - 27 novembre 2009 E' il caso di dire " a volte ritornano" . A distanza di sei anni fa dal 13 novembre 2003 mentre si vuol far ripartire il nucleare in barba ad ogni forma di democrazia e contro il referendum del 1987 la Sogin è rimpallata con il cambio di management dai governi di turno e si paventa da indiscrezioni giornalistiche la nomina a capo dell'agenzia nucleare del...

(28 Novembre 2009)

NOSCORIE TRISAIA

Cagliari. Manifestazione nazionale contro il nucleare

Sardigna iskidati!

La nostra terra è ancora una volta oggetto dell’aggressione colonialista! Da decenni i faccendieri di mezza Italia arrivano in Sardigna per riempirsi bene le tasche con la farsa dei progetti industriali fantasma, le basi militari fanno per lo Stato affari d’oro con gli affitti alle multinazionali della guerra, le coste sono lottizzate e aggredite da speculatori (noti e/o misteriosi!),...

(20 Novembre 2009)

A Manca pro s’Indipendentzia

L'assessore Santochirico ,il lodo nucleare e il fascismo dell'energia

Nel decreto anti crisi varato in Parlamento tra le varie misure che dovranno aiutare le famiglie c'è' una che aiuta anche la famiglia dei nuclearisti o meglio della lobby nucleare . Che i nuclearisti erano in crisi è risaputo , infatti chi è quel grande industriale o banca o assicurazione che potrebbe mai finanziare la produzione di energia nucleare e che crede che veramente...

(27 Luglio 2009)

NOSCORIE TRISAIA

Il deposito nazionale di scorie nucleari tra approssimazione e business

Nel riprendere le affermazioni dell'ing. Scuderi della Regione Basilicata sul modo di operare della commissione di tecnici nominata dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni che ha elaborato un dossier per individuare la migliore "location" dove ospitare gli 80 mila metri cubi di rifiuti derivanti dalle vecchie centrali c'e' da restare veramente allibiti. Le mappe sono incomplete. Abbiamo carte...

(8 Giugno 2009)

NOSCORIE TRISAIA

Lo "spettro nucleare" ritorna in Basilicata

Con cadenza storica (1963-1978-2003) ritorna in Basilicata lo "spettro nucleare". Questa volta però la strategia dei nuclearisti ad oltranza è mutata. Il governo deciderà l'ubicazione dei siti dopo aver elargito le royalty ai Comuni, pagate dai contribuenti attraverso la bolletta della luce (componente A2). Questa volta però c'è l'aggravante che, a gestire la partita...

(16 Maggio 2009)

NOSCORIE TRISAIA

135735