il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Nel "giardino di casa" degli USA

Nel giardino di casa degli USA

(5 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Elezioni presidenziali 2010. Il Brasile si sposta a sinistra.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Americas Reaparecidas)

Imperialismo e guerra (dal Sudamerica)

Americas Reaparecidas

(81 notizie dal 9 Febbraio 2002 al 26 Luglio 2018 - pagina 3 di 5)

Bolivia, no al rientro della Dea

Il presidente Evo Morales dice no al rientro dell'agenzia anti droga Usa in Bolivia e la accusa di fomentare l'opposizione politica al suo governo Nessun agente della Dea (Drug Enforcement Administration) tornerà in Bolivia. L'ha detto il presidente Evo Morales, sottolineando che il lavoro dell'agenzia statunitense è sempre stato solo quello di fomentare l'opposizione al suo governo....

(5 Marzo 2011)

Alessandro Grandi - www.peacereporter.net

Messico, un programma per l'italia? il nuovo docufilm

Dalla fine di gennaio è disponibile il mio nuovo documentario MESSICO, ANGELI E DEMONI NEL LABORATORIO DELL'IMPERO (90'), girato interamente in Messico nei mesi scorsi. Si tratta del primo esaustivo lavoro su un grande paese che, nel concorso tra i padrini USA, da sempre devastatori e spoliatori del Messico, mafie governative, narcotrafficanti e apparato di sicurezza addestrato e guidato da...

(22 Gennaio 2011)

Fulvio Grimaldi

Messico. Angeli e demoni nel cuore dell'impero

A partire dal 20 gennaio 2011, disponibile il nuovo documentario dvd di Fulvio Grimaldi. Un quadro esaustivo, sempre occultato, del narcostato messico, della militarizzazione, delle stragi di migranti e di donne, del dominio inteso come terrore generalizzato, della subalternita' agli usa, ma anche delle indomabili lotte delle comunita' in difesa dei loro diritti, della democrazia, dell'ambiente,...

(12 Gennaio 2011)

Fulvio Grimaldi

"Cancun: risponderemo con la mobilitazione alle imposizioni". Parla Katu Arkonada, attivista dei movimenti indigeni e sociali boliviani

"Cancun: risponderemo con la mobilitazione alle imposizioni". Parla Katu Arkonada, attivista dei movimenti indigeni e sociali boliviani Di Marco Santopadre, Radio Città Aperta All’inizio del mese di novembre era a Roma, per partecipare ad alcune riunioni, l’attivista basco Katu Arkonada, boliviano di adozione e impegnato ormai da molti anni in attività di supporto e coordinamento...

(1 Dicembre 2010)

Radio Città Aperta - Roma

Tensione alle stelle tra Stati Uniti e Bolivia

di Gianni Tarquini - Dazebao Il Segretario della Difesa degli Stati Uniti abbandona i lavori della IX° Conferenza della Difesa dell’OEA dopo i duri attacchi del Presidente della Bolivia Evo Morales che ha definito il suo Stato golpista e imperialista ROMA – La Conferenza dei Ministri della Difesa dei paesi americani è stata, storicamente, il luogo in cui dall’egemonia...

(25 Novembre 2010)

Radio Città Aperta - Roma

L’esercito boliviano si dichiara socialista e antimperialista

L'Esercito boliviano ha ufficialmente confermato questa domenica durante la celebrazione del bicentenario della sua creazione ed in presenza del presidente del paese, Evo Morales, che si considera un'istituzione "socialista" e "antimperialista". Il comandante dell'Esercito, Antonio Cueto, ha chiarito nel corso della celebrazione dal palco di onore della Scuola Militare di La Paz, che le Forze Armate...

(25 Novembre 2010)

www.resumenlatinoamericano.org

Manuale del piccolo colonialista n°16

BOLIVIA, MORALES, LITIO E COCA Cola Evo Morales è dal 2005 il primo presidente indigeno dell’America latina, e già per questo la propaganda occidentale doveva ritenerlo indigesto; se a questo si aggiunge che Morales è un ex cocalero e che ha difeso i contadini boliviani, allora non poteva che essere in combutta con i narcos. Ma la propaganda occidentale e colonialistica...

(17 Ottobre 2010)

www.comidad.org

In Brasile la delfina di Lula dovrà aspettare il secondo turno. In Ecuador la situazione torna alla calma

04-10-2010/14:08 --- Dilma Roussef, la candidata del Partido dei lavoratori del Brasile, non ce l'ha fatta. Nonostante tutti i sondaggi la dessero vincitrice al primo turno, la delfina del presidente uscente Lula ha strappato solo una vittoria a metà nelle presidenziali di ieri, ottenendo il 46,7% dei voti. Il suo rivale, José Serra, del Partido socialdemocratico di centro destra, ha...

(4 Ottobre 2010)

Grazia Orsati, Radio Città Aperta

Brasile: Dilma va, ma la sorpresa è Marina

Se non fosse che le due signore della politica brasiliana, Dilma Rousseff e Marina Silva, si detestano reciprocamente, i conti del primo turno presidenziale sarebbero presto fatti per la sinistra brasiliana ai massimi storici: Dilma 46.7% più Marina 19.43% uguale sinistra brasiliana al 66%. Nulla di nuovo per quanto riguarda i candidati che vanno al ballottaggio. Il candidato socialdemocratico...

(4 Ottobre 2010)

Gennaro Carotenuto - Giornalismo Partecipativo

Domenica le elezioni in Brasile

Il Pstu è l'unica alternativa operaia e socialista

supplemento del Correo Internacional Domenica prossima si svolgeranno le elezioni generali in Brasile. La competizione elettorale si tiene in un momento di relativa tranquillità per la borghesia brasiliana e lo stesso governo Lula. Da un lato, la crisi economica internazionale, che nel 2009 ha provocato una caduta del Pil pari allo 0,2% (invertendo un ciclo di crescita di diversi anni), sembra...

(29 Settembre 2010)

Traduzione dall’originale in spagnolo di Isa Pepe e Valerio Torre - Partito di Alternativa Comunista

Bolivia . Approvata la legge contro il razzismo e la disciminazione. Protesta dell'opposizione di destra

Dopo l'approvazione da parte della Camera dei Deputati della nuova legge contro il razzismo e la discriminazione, in Bolivia è scattata inesorabile l'opposizione della destra. Nodo della discordia un articolo che indica che "il media che autorizzerà e pubblicherà idee razziste e discriminatorie sarà passibile di sanzioni economiche e della sospensione della licenza". La...

(15 Settembre 2010)

www.contropiano.org

America latina, contraddizioni di sinistra

Lunedì 06 Settembre 2010 19:12 L'America latina è stata il fiore all'occhiello della sinistra mondiale nella prima decade del XXI secolo. E questo è vero in due sensi. Il primo e più largamente evidente è che i partiti di sinistra o di centro-sinistra hanno vinto una notevole serie di elezioni durante quei dieci anni. E collettivamente i governi dell'America latina...

(7 Settembre 2010)

Immanuel Wallerstein

I messaggi censurati dei minatori di Atacama

Liberate i Mapuche, da 41 giorni in sciopero della fame

Mercoledì 01 Settembre 2010 12:01 «Liberate i Mapuche, da 41 giorni in sciopero della fame» Nella Giornata Mondiale del Detenuto “Desaparecido” i 33 minatori seppelliti vivi in Cile, ricordano al mondo la lotta per la giustizia del popolo Mapuche Certe notizie in superficie sono più difficilmente visibili, rispetto ad altre che devono emergere da 700 metri...

(1 Settembre 2010)

www.campoantimperialista.it

20/08 - morales e chávez criticano duramente la presenza militare statunitense in colombia

Il 15 agosto, in occasione della chiusura del IV Forum Sociale delle Americhe, il presidente boliviano Evo Morales ha dichiarato che “dove esistono basi militari non si garantisce la dignità, l'integrazione e lo sviluppo”, con riferimento alle basi militari statunitensi in Colombia. “L'imperialismo cerca di dominarci e sottometterci. Col pretesto della lotta contro il terrorismo...

(20 Agosto 2010)

www.nuovacolombia.net

Uruguay. La Philip Morris minaccia il governo per le misure antifumo

L'ex presidente uruguaiano Tabare' Vazquez ha definito ''un ricatto'' la minaccia della multinazionale americana Philip Morris di ricorrere alla giustizia nei confronti dell'Uruguay per la politica antifumo che ha disposto durante il suo mandato, dal 2005 al marzo del 2010. Lo hanno reso noto i media locali. ''Una multinazionale ci minaccia con processi ed altre calamita', per darci una lezione che...

(9 Agosto 2010)

www.contropiano.org

Uruguay, America latina: Pepe Mujica presidente, “il mondo alla rovescia”

Pepe Mujica, l’ex guerrigliero Tupamaro, per 13 anni prigioniero della dittatura fondomonetarista, per nove anni rinchiuso in un pozzo e torturato continuamente, è il nuovo presidente della Repubblica in Uruguay. Ha ottenuto il 51,9% dei voti, superando il 50.4% con il quale Tabaré Vázquez era stato eletto cinque anni fa. Il suo rivale, Luís Alberto “Cuqui”...

(30 Novembre 2009)

Gennaro Carotenuto http://www.gennarocarotenuto.it/

La prospettiva del socialismo si riapre dall’America Latina

Intervista a PATRICIA RONCAL dell’Istituto di Ecologia dell’Università Mayor di San Andreas, Bolivia. Intervista effettuata da LUCIANO VASAPOLLO docente Università La Sapienza di Roma, direttore di Nuestra America

(23 Aprile 2009)

Le democrazie latinoamericane esigono a Barack Obama, la fine delle ingerenze, il rispetto del diritto internazionale e la fine dell'embargo contro Cuba

Cristina Fernández de Kirchner, presidente argentina, ha sintetizzato al suo omologo statunitense Barack Obama quello che tutto un continente pensa: “la fine dell’embargo contro Cuba non può essere un punto di arrivo di un percorso ma una precondizione” per iniziare a costruire relazioni di mutuo rispetto nel Continente. Non sarà solo l’affabilità...

(21 Aprile 2009)

Gennaro Carotenuto http://www.gennarocarotenuto.it

Scene di lotta di classe in Bolivia e Colombia

Ora questa massa anonima, questa America di colore, scura, taciturna, che canta in tutto il continente con la stessa tristezza e disinganno, ora questa massa è quella che comincia a entrare definitivamente nella sua storia, comincia a scriverla col suo sangue, comincia a soffrirla e a morire; perché ora per le campagne e per i monti d’America, per le balze delle sue sierre, per...

(19 Dicembre 2008)

Daniela Trollio Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” Sesto San Giovanni (MI)

Rafael Correa: il perdono e l'oblio a livello sociale si chiamano impunità

"Nel mondo deve esserci una certa quantità di luce, come deve esserci una certa quantità di decoro. Quando ci sono molti uomini senza decoro, ce ne sono sempre degli altri che portano in loro il decoro di molti uomini". José Martì Le parole del titolo sono molto importanti perché sono datate 16 gennaio 2007, giorno in cui Rafael Correa ha giurato ed è entrato...

(3 Dicembre 2008)

Ida Garberi responsabile della pagina web in italiano di Prensa Latina

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |    >>

258729