il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • DALLA TORNATA ELETTORALE DEL 20/21 SETTEMBRE UTILI INDICAZIONI PER LA BORGHESIA
    Corsa contro il tempo per l'instaurazione di un "governo forte"
    (23 Settembre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    La legge 1167 “Collegato Lavoro”

    Un provvedimento ancora più grave della legge 30

    (51 notizie dal 30 Gennaio 2010 al 18 Aprile 2011 - pagina 2 di 3)

    Collegato lavoro. Audizione quasi segreta della Cgil

    Domani la CGIL sarà sentita dalla Commissione Parlamentare che sta rivedendo la 1167. Nessuna mobilitazione dei lavoratori. Silenzio assoluto. Sosterrà l'articolo 18? Dirà che l'arbitrato non può essere abilitato a discutere di licenziamenti? Non lo sappiamo. Sappiamo che il PD ha presentato un disegno di legge che sotterra l'art.18 (CUI il CPE francese). Un ddl firmato...

    (13 Aprile 2010)

    Pietro Ancona

    La reazione ritardata ed insufficiente. L'Art.18 è morto.

    Soltanto ieri, a distanza di sette giorni dal rinvio alle Camere della 1167, la CGIL si è fatta viva con una iniziativa concreta. Ha chiesto alle Camere di essere sentita. Una richiesta giusta che sottolinea l'attenzione della più grande e rappresentativa Confederazione dei Lavoratori per il grave problema che si è creato attorno all'art.18 ed in generale sulla tutela di fondamentali...

    (9 Aprile 2010)

    Pietro Ancona

    Nuovo attacco all'art.18. Questa volta da parte del PD.

    Se non ci riesce la destra, ci penserà il PD. Infatti, mentre il cosiddetto "collegato lavoro" è stato respinto dal presidente Napolitano e tornerà all'esame del Perlamento, senatori del PD presentano un disegno di legge per aggirare, anche loro, l'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Se non ci riesce la destra, ci penserà il PD. Infatti, mentre il cosiddetto "collegato...

    (3 Aprile 2010)

    Un colpo di teatro ipocrita

    L'arbitrato non deve intervenire in materia di licenziamento

    La "velina" della batteria massmediatica di oggi sul rinvio alle Camere della legge 1167 è: si tratta di motivi di "opportunità" e non di "anticostituzionalità". La velina poi suggerisce di parlare molto della ipotesi "risarcitoria" in caso di licenziamento senza giusta causa. Gli stessi opinionisti che, fino a ieri, a fronte delle bestialità delle leggi ad personam, sostenevano,...

    (2 Aprile 2010)

    Pietro Ancona

    Fermiamo la legge ammazza diritti

    Il Presidente della Repubblica ha rinviato alle Camere la legge sul lavoro recentemente approvata. Il motivo principale di questa importante decisione è “l’arbitrato”. Infatti la legge introduce il principio dell’”arbitrato con equità” per tutti i contenziosi sul lavoro. Vuol dire che al posto del giudice, quando sono violati i diritti –...

    (2 Aprile 2010)

    Rete28Aprile nella Cgil

    Rinvio alle Camera della 1167

    Non bisogna riformare l'arbitrato ma abolirlo del tutto in caso di licenziamento. In questo senso non basta la "volontarietà" chiesta dal Quirinale. La "volontarietà" non salva il principio costituzionale della tutela del lavoratore che potrebbe essere indotto "volontariamente" ad adire all'arbitrato. Il Capo dello Stato non ha firmato l'indecente legge 1167 che vanifica l'art.18 e peggiora...

    (1 Aprile 2010)

    Pietro Ancona

    Una legge capestro per i lavoratori, che più capestro non si può

    La maggioranza governativa ha approvato il “collegato lavoro” (legge n. 1441). Questa legge permetterà alle aziende di stipulare col singolo lavoratore un contratto individuale contenente la cosiddetta “clausola compromisssoria”, con cui il lavoratore: - rinuncia, tra gli altri diritti, anche a quello di ricorrere al tribunale per chiedergli di risolvere le controversie...

    (29 Marzo 2010)

    CONFEDERAZIONE COBAS, Pisa

    Decadenza dal diritto o decadenza del diritto

    Iniziative promosse dai Giuristi Democratici contro il "Collegato Lavoro"

    L’approvazione della nuova legge in materia di controversie di lavoro è giunta alla fase finale. In attesa di eventuali rilievi da parte della Presidenza della Repubblica, il tema appare di stringente attualità. Come GD, avevamo da tempo intravisto il rischio di snaturamento del processo del lavoro che rischiava di perdere quelle caratteristiche di favor lavoratoris, per trasformarsi...

    (20 Marzo 2010)

    lacrime di coccodrillo (icona)

    Cremaschi e l'art.18

    Ci sono tanti modi per assecondare una politica compreso quello di avversarla. Importante che l'avversione abbia tempi che non possono più influire sulla sua realizzazione. Cremaschi, importante leader della sinistra sindacale, segretario della Fiom, sapeva assieme a tutta la Fiom ed a tutta la CGIL che il collegato lavoro era in laboriosa gestione al Senato e che sarebbe stato posto in approvazione. La...

    (20 Marzo 2010)

    Pietro Ancona

    22 marzo giornata di mobilitazione nazionale contro il “collegato lavoro” ed a sostegno dei diritti dei lavoratori

    A Roma presidio alla sede dell’OIL, Via Nazionale (Altezza Cinema Rialto) – ore 10.30 Previste iniziative in tutta Italia

    Il 3 marzo scorso il Parlamento ha definitivamente approvato il cosiddetto “collegato lavoro” che colpisce pesantemente il diritto del lavoro ed i diritti dei lavoratori. Proprio quando la crisi e le ristrutturazioni in corso stanno determinando riduzioni di salario e centinaia di migliaia di disoccupati e di precari senza più lavoro, la maggioranza, con una opposizione parlamentare...

    (20 Marzo 2010)

    SdL - Snater - Rdb

    Idee velenose e fastidio alla schiena

    Il Ministro Sacconi ha lamentato un "fastidio alla schiena" causatogli dalle critiche alla 1167 di cui è padre gelosissimo. Ha fatto anche sapere che non "tollererà" nessuna modifica. La creatura che ha partorito è perfetta e coloro che oggi la osteggiano se ne pentiranno come hanno fatto per la loro opposizione alla legge Biagi ed alla soppressione della scala mobile. Il "fastidio...

    (19 Marzo 2010)

    Pietro Ancona

    Bologna 22 Marzo: giornata di mobilitazione nazionale contro il "collegato lavoro" ed a sostegno dei diritti dei lavoratori

    Il 3 marzo scorso il parlamento ha definitivamente approvato il cosiddetto “collegato lavoro” che colpisce pesantemente il diritto del lavoro ed i diritti dei lavoratori. Proprio quando la crisi e le ristrutturazioni in corso stanno determinando riduzioni di salario e centinaia di migliaia di disoccupati e di precari senza più lavoro, la maggioranza, con una opposizione parlamentare...

    (18 Marzo 2010)

    SdL – CUB scuola – Snater – RdB – Flmu Cub Bologna

    Il collegato lavoro precarizza anche il Pubblico Impiego

    All'interno del collegato lavoro ci sono norme che incentivano la mobilità nella Pubblica Amministrazione rivedendo quanto previsto dall'art 33 del decreto legislativo 165\2001. Dopo avere applicato il blocco del turn over, dopo avere chiuso le porte alla stabilizzazione dei precari, oggi il Governo completa l'opera attaccando anche i lavoratori a tempo indeterminato. C'è da dire che...

    (16 Marzo 2010)

    per il cobas pubblico impiego federico giusti

    Il teatro delle bugie

    L'articolo di Repubblica di ieri mattina con la notizia della perplessità del Presidente della Repubblica sulla ratifica della legge 1167 era stato accolto come un raggio di sole in una plumbea giornata di pioggia. L'articolo era talmente circostanziato e documentato da fare ritenere assolutamente attendibili le critiche formulate dal Quirinalle all'impianto della legge anti art.18. Subito...

    (16 Marzo 2010)

    Pietro Ancona

    Chi beneficia della 104 nella Pubblica Amministrazione sarà schedato. Ecco le novità del Collegato

    Alcuni commentatori dicono che il Collegato non attacca i diritti di assistenza al portatore di handicap. Niente di più falso, Infatti, prima la 104 riconosceva i permessi a qualunque parente di terzo grado, Oggi solo se il genitore ha più di 65 anni o se a sua volta è portatore di handicap. Prima due familiari potevano beneficiare contemporaneamente della 104, oggi solo una...

    (14 Marzo 2010)

    Cobas Pubblico Impiego

    Il gatto, la volpe e pinocchio

    Chi si aspettava dalla giornata di ieri una qualche buona notizia per il noto scippo dell'art.18 è rimasto con l'amaro in bocca. Niente di nuovo, solo qualche aggiustamento nella comunicazione CGIL che tuttavia non cambia niente e non sposta il pesante macigno caduto dal Senato sulle spalle dei lavoratori italiani. Bonanni è stato zitto. Aveva già detto la sua ed avevamo capito...

    (11 Marzo 2010)

    Pietro Ancona

    Padroni e governo contro i lavoratori. Fermiamo l’attacco!

    Il “Collegato Lavoro”, la norma approvata ultimamente, tenta effettivamente di aggirare l’articolo 18, ma evidenziandone solo questo aspetto si cerca di nasconderne gli altri contenuti che cancellano ulteriormente tutele e diritti di tutti i lavoratori. A pensar male si fa peccato, ma si va vicino alla verità: Questo testo è in discussione in parlamento da un anno;...

    (11 Marzo 2010)

    COORDINAMENTO LAVORATORI UNITI CONTRO LA CRISI

    Ddl lavoro: addio all’articolo 18?

    Il Senato ha dato via libera definitiva al disegno di legge collegato sul lavoro che prevede, tra l’altro, la possibilità di inserire nei contratti collettivi di lavoro o nel contratto individuale di assunzione l’espressa previsione del ricorso all’arbitrato in caso di controversie di lavoro, ivi compreso il licenziamento. Grazie a questa norma il lavoratore che all’atto...

    (11 Marzo 2010)

    SLAI-COBAS INPS

    “Collegato lavoro”:

    ancora aiuti ai padroni, ancora sberle ai lavoratori!!

    • Contratti “certificati”, ossia pur di avere uno straccio di lavoro i nuovi assunti dovranno accettare condizioni peggiorative rispetto a quel poco che garantivano i CCNL. • Su controversie o licenziamenti il lavoratore non potrà più ricorrere ai magistrati del lavoro. • Gli “arbitri” che li sostituiranno “garantiranno” solo che non...

    (11 Marzo 2010)

    Sin.Base - Genova

    La CGIL tradisce se stessa

    Una delegazione della federazione della Sinistra capeggiata da Paolo Ferrero si è recata dal Capo dello Stato per chiedere di non firmare la legge 1167 approvata la sera del 3 marzo scorso dal Senato in via definitiva. Una legge che fa scempio dell'art.18 e riduce i diritti di cittadinanza dei lavoratori che non potranno più invocare l'intervento di un giudice come il famoso mugnaio...

    (10 Marzo 2010)

    Pietro Ancona

    <<    | 1 | 2 | 3 |    >>

    52280