il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Paese arabo

(674 notizie dal 30 Novembre 2006 al 4 Ottobre 2019 - pagina 7 di 34)

Cairo due, il profumo dei soldi

Vecchia Cairo, addio. Occorrerà dimenticare Tahrir, Khalili, il vicolo del Mortaio, roba dall’odore stantio di rivoluzioni passate e di letteratura d’antan. Il sogno del domani è ampio 700 chilometri quadrati, tutti a est della capitale, un miracolo fiancheggiato da due enormi autostrade: Suez Road e Ain Sokhna Road. Nella metropoli futura, ricca di grattacieli, ci sarà...

(16 Marzo 2015)

Enrico Campofreda

Egitto: il complotto, i terroristi, la demonizzazione

Una delle teorie cui la presidenza Sisi dà gran fiato, usando un cospicuo contributo della massmediologia interna (un esempio è l’opinionista el-Menawy qui ospitato su Al-Arabiya), si basa sul grande complotto anti patriottico ordito da potenze straniere che avrebbe visto l’asse Doha-Washington supportare l’ascesa della Fratellanza Musulmana, e che continua a tramare...

(10 Marzo 2015)

Enrico Campofreda

Egitto: la forca torna, le elezioni s’allontanano

Ha sorriso sino alla fine Mahmoud Abdel-Nabi, fin quando la corda è stata stretta attorno al collo e il suo corpo è penzolato senza vita. Gli si contestava l’assassinio d’un uomo nel corso degli scontri scoppiati fra fazioni opposte durante la rivolta anti Mursi del luglio 2013. L’impiccato, in una prima fase del processo additato quale militante della Fratellanza Musulmana,...

(8 Marzo 2015)

Enrico Campofreda

Cairo, il crescendo esplosivo

L’ultima esplosione, dove una vittima non è confermata, ma dieci feriti gravi sì, s’è verificata in un luogo centralissimo e simbolico: l’Alta Corte di Giustizia a Ramses Street, uno dei punti più frequentati e commerciali della capitale egiziana. Un palazzo, peraltro, controllatissimo. Evocativo di anni di udienze e sentenze clamorose, sebbene molti processi...

(3 Marzo 2015)

Enrico Campofreda

Guerra al Califfato, Al Sisi il salvatore

Difende l’onore egiziano il presidente Al-Sisi che non può vedere i suoi concittadini, in genere lavoratori emigrati per fame, inginocchiati e sgozzati secondo il macabro copione dei macellai dell’Isis. E coglie l’occasione per giocare una partita tutta personale aperta a più fronti, con cui cerca di mascherare contraddizioni e azioni sanguinarie che lo vedono protagonista...

(17 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Galera Egitto, condanne e nuove stragi

Duecentotrenta condanne a venticinque anni di reclusione sono state comminate dalla Corte Suprema egiziana ad attivisti della protesta anti Mubarak del 2011, alcuni di questi come Ahmed Douma vivono in carcere da oltre tre anni. Mentre il detenuto più celebre della galera Egitto, il presidente deposto Mohammed Mursi, attende fra sei giorni l’inizio del suo terzo processo; stavolta con...

(9 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

L’occhio del Daesh sull’Egitto

Dopo oltre quattrocento giorni di galera Peter Greste, il giornalista australiano corrispondente di Al Jazeera al Cairo è tornato libero. Il collega Mohamed Fahmy, tuttora in carcere con la comune accusa d’aver tramato contro la sicurezza del Paese, tenta l’escamotage di scrollarsi di dosso la nazionalità egiziana, conservando solo quella canadese, per uscire di prigione....

(3 Febbraio 2015)

Enrico Campofreda

Le fazioni palestinesi lodano l’attacco di Hezbollah a Israele

Ma’an. Diversi partiti politici palestinesi hanno lodato l’attacco sferrato dal movimento libanese di Hezbollah, mercoledì, dopo che veicoli militari israeliani erano stati presi di mira vicino al confine. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina ha dichiarato che l’attacco evidenzia “l’importanza estrema delle potenze della resistenza, la fiducia...

(29 Gennaio 2015)

Agenzia stampa Infopal

Egitto, lo Stato dei militari

Fra la ventina di morti registrati in Egitto nel week end del ricordo (l’anniversario della Rivoluzione tradita) e dell’ulteriore protesta (sollevata contro la legge e il presidente che reprimono i manifestanti) c’è un po’ di tutto. Una dimostrante pacifica e laicissima, qual era l’attivista socialista Shaimaa, spentasi nel centro del Cairo fra le braccia d’un...

(27 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Egitto, ricordare e morire

Protestava e ricordava, Shaimaa al-Sabbagh, per le vie del Cairo. Sfidando le leggi del presidente-generale Al-Sisi che da più di un anno definiscono terrorista qualsiasi dissenziente e infilano fra le sbarre ogni oppositore. Sfilava senza paura, assieme ad altri attivisti socialisti. Piccoli gruppi di temerari, senza veli né keffie di copertura a nascondere il volto. Un raduno che sapeva...

(25 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Saud, fra lignaggio e rinnovata potenza

Con la scelta di Salman come nuovo re e del principe Muqrin quale erede al trono, la tradizione della ricchissima e conservatrice petromonarchia saudita si pone in sintonia con talune tendenze espresse nella nazione dallo scomparso re Abdullah. Per la cronaca entrambi i designati sono figli del fondatore dell’Arabia Saudita, re Abd al Aziz Saud. Salman ha 80 anni, Muqrin è di dieci più...

(24 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Algeria, il pensiero dopo la protesta islamica

Orgoglio islamico - Accanto alle urla dell’orgoglio islamico esplose con rabbia e un’identità su cui soffia prevalentemente il credo salafita, una nazione come l’Algeria s’interroga per bocca di politici e intellettuali sul binomio secolarismo-confessionalismo. Lì il laicismo ha fatto a lungo rima col colonialismo e solo parzialmente con la lotta di liberazione...

(20 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

L’Islam, riflette sull’estremismo di casa

Accanto alla marcia repubblicana di Parigi che va in mondovisione, l’area dell’Islam sunnita s’interroga su se stessa. Personalità religiose, intellettuali e politologi musulmani discutono sui pericoli e danni del fondamentalismo. Avevano iniziato a farlo già un anno fa in Kuwait a un summit dei Paesi arabi che si ripeterà a marzo. Il discorso è proseguito...

(11 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

L’orrore fondamentalista agli occhi islamici

La Lega Araba e un’istituzione prestigiosa come la moschea cairota di Al-Azhar hanno decisamente condannato l’attacco terroristico di Parigi,indicando il limite invalicabile calpestato dai guerriglieri del terrore. Ma il comune sentire nel mondo musulmano è variabile e variegato. Nei luoghi dove la guerra e la morte sono diventati, purtroppo, ordinaria quotidianità poco ci...

(9 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Galera Egitto: fra reporter di Al Jazeera e detenuti dimenticati

Se usciranno, ma non è affatto scontato, sarà per la decisione dell’emittente televisiva qatarina di voler chiudere Mubasher Masr Channel più che per un gesto di clemenza. Quel canale di Al Jazeera è un coltello nel fianco della casta militare del Cairo e risulta indigesto anche a poliziotti e magistrati. Per i servizi trasmessi i giornalisti australiano Peter Greste,...

(3 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Nonno Essebsi, presente e passato

Alla fine il grande vecchio del sistema tunisino ce l’ha fatta: Beji Caïd Essebsi è il nuovo presidente della Repubblica con oltre il 55% dei consensi. Il primo democraticamente eletto, chiosano molti commentatori, puntualizzazione reale visto che la Tunisia post coloniale nasceva da colpi di mano di Bourguiba e Ben Ali. Essebsi li ha serviti entrambi con ministeri d’alto profilo...

(23 Dicembre 2014)

Enrico Campofreda

Cresce l’AIDS in Medio Oriente e Nord Africa

Secondo gli ultimi dati del Programma delle Nazioni Unite per l’AIDS/HIV, sono 230.000 le persone che vivono con l’HIV nei 21 paesi del Medio Oriente e del Nord Africa. Questi tassi di nuove infezioni sono in proporzione i più alti nel mondo. di Federica Iezzi L’epidemia di AIDS è in allarmante aumento in Medio Oriente, a livelli che in proporzione alla popolazione...

(3 Dicembre 2014)

Nena News

Sisi insegue l’Europa

Apertura all’Europa del presidente-generale per offrire chance all’Egitto martoriato da un’economia disastrata e dall’instabilità interna sfociata negli ultimi mesi anche nel terrorismo. Abdel Fattah Sisi, il golpista legale, inizia stamane un tour italiano che lo porta al cospetto di Napolitano e Renzi, ma anche da papa Francesco, per poi volare in Francia. Un viaggio...

(24 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

Tunisia, l’ora del presidente

Torna alle urne la Tunisia del cambiamento e della conservazione, stavolta votando per il nuovo presidente. Ventisette candidati, vecchi volponi e alternative reali o presunte. Tredici gli indipendenti. La tesi d’una Tunisia unica nazione delle Primavere arabe a essersi preservata dal caos e dalla restaurazione autoritaria è davanti agli occhi di tutti. Il miracolo s’è materializzato...

(22 Novembre 2014)

Enrico Campofreda

UN PO' DI CHIAREZZA SUGLI INTRECCI IN MEDIORIENTE

Dal n. 23 di "Alternativa di Classe" Il dollaro è moneta di riferimento per le transazioni internazionali fino dagli accordi di Bretton Woods del Luglio '44. Nei primi anni '70 furono apportati due “correttivi” importanti. Nel '71 il Presidente USA, Richard Nixon, decise lo sganciamento del dollaro dall'oro, che “liberò” il movimento internazionale di capitali,...

(21 Novembre 2014)

Alternativa di Classe

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

542818