il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mezza piena o mezza vuota?

Mezza piena o mezza vuota?

(22 Gennaio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il Mondo Arabo in fiamme

(671 notizie dal 7 Gennaio 2011 al 9 Febbraio 2019 - pagina 2 di 34)

I fatti di Porto Said

Pubblichiamo questa presa di posizione su quanto sta avvenendo a Porto Said, con l'avvertenza che le notizie relative sono poche e non sempre coincidenti sull'ampiezza effettiva dei fatti, anche se tutte le fonti consultate concordano nell'attestare il fermento politico esistente nella città egiziana. Le informazioni sono ancora scarse ma alcuni fatti parlano da soli. Dopo le proteste di piazza,...

(6 Marzo 2013)

FD - Battaglia Comunista (Partito Comunista Internazionalista)

Port Said, assalto alla polizia

Grossi pezzi di metallo, mattoni gettati dai piani alti del Palazzo del Governatorato si sono portati via i sedici anni di Sayyed e i ventidue di Abdel. Crani sfondati mentre Ibhraim e Alaa morivano sotto i colpi d’arma da fuoco. I primi due erano manifestanti, i secondi poliziotti, quattro delle cinque vittime degli ultimi scontri. E’ la domenica delle fiamme di Port Said dove ieri la...

(5 Marzo 2013)

Enrico Campofreda

Egitto: scontri a Port Said, cinque morti

Continuano i duri scontri nella città egiziana di Port Said, località dove tra le più forti sono state le rivolte in questi anni prima contro il regime di Mubarak e ora contro quello dei Fratelli Musulmani di Mohamed Morsi. Gli scontri delle ultime ore tra manifestanti e polizia in assetto antisommossa avrebbero provocato già cinque morti – tra i quali due agenti...

(4 Marzo 2013)

Redazione Contropiano

Egitto. L'autogestione di Port Said e le lotte operaie

Una realtà senza precedenti si sta realizzando nella città di Port Said: una completa autogestione, un rifiuto di tutto ciò che rappresenta l'autorità. Una realtà che i protagonisti delle lotte egiziane di questo momento – i lavoratori - stanno cercando di riprodurre anche in altre città. Port Said è diventato un luogo completamente nelle mani...

(27 Febbraio 2013)

La corrispondente di Infoaut dall'area mediorientale

Tunisia: il premier Jebali annuncia le dimissioni

Si acuisce la crisi di governo apertasi in Tunisia dopo l'assassinio di Chokri Belaid; dopo un incontro col presidente Mourzaki il primo ministro Jebali ha annunciato ieri le proprie dimissioni. L’assassinio di Chokri Belaid, leader della sinistra rivoluzionaria tunisina, avvenuto lo scorso 6 Febbraio ha scatenato per giorni proteste di massa in tutto il paese, aprendo una crisi di governo nel...

(20 Febbraio 2013)

Infoaut

Bahrein: due morti negli scontri tra manifestanti e polizia

Nuove manifestazioni in Bahrein contro il regime, che usa di nuovo la forza per reprimere la protesta della maggioranza sciita. Il Centro per i diritti umani denuncia che la polizia ha fatto uso di fucili a pompa contro i manifestanti. I sostenitori dell'opposizione hanno manifestato di nuovo oggi a Boudaya vicino a Manama, al grido di "Abbasso la dittatura", dopo gli scontri in cui hanno perso la...

(16 Febbraio 2013)

Redazione Contropiano

La Tunisia non vuole tornare indietro

9 febbraio 2013 di Fabio Ruggiero – http://www.rivoltaildebito.org L’anima della rivoluzione è viva e vegeta e prima o poi i nodi irrisolti sarebbero venuti al pettine. La rivoluzione Tunisina, come le altre della zona araba, affonda le radici in cause sociali e politiche ancora tutte da risolvere: disoccupazione, povertà, libertà di espressione, economia dipendente...

(10 Febbraio 2013)

www.sinistracritica.org

Tunisia, dal dolore una nuova speranza?

La reazione all'omicidio di Chokri Belaid dice che lo spirito della rivoluzione è ancora vivo e che non vincera' chi spera di restaurare il vecchio regime o una dittatura islamica di Mario Sei Tunisi, 10 febbraio 2013, Nena News - L'assassinio di Chokri Belaid ha provocato uno choc profondo nel paese, storicamente non abituato a vivere in un clima di estrema violenza politica, anche se va...

(10 Febbraio 2013)

Nena News

Donne a Tunisi

Venerdì 08 Febbraio 2013 20:52 Cos'è un regime? Governo con la forza e menzogna sistematica. Guardavo per distrazione il Tg2, pochi minuti fa. Nei sottotitoli a rotazione che scorrono in basso allo schermo una frase scioccante: "Tunisia, migliaia di persone al fnerale del leader dell'opposizione Belaid, solo uomini alle esequie". Ma come?, mi chiedo. Belaid, il partito comunista, lo...

(9 Febbraio 2013)

Ipazia - Contropiano

Tunisia. Assassinato dirigente della sinistra

Si teme una escalation. Questa mattina assassinato a colpi di pistola Shokri Belaid, numero due del Fronte Popolare. Gli hanno sparato quattro colpi di pistola sotto casa. Questa mattina è stato ucciso così a Tunisi Shokri Belaid, avvocato e segretario del Partito dei patrioti democratici. Belaid, negli anni della dittatura di Ben Alì, aveva difeso moltissimi prigionieri dei prigionieri...

(6 Febbraio 2013)

Redazione Contropiano

Continua la mobilitazione della classe operaia egiziana contro militari, islamici e democratici

Il secondo anniversario della cosiddetta “primavera” egiziana non poteva andare peggio per il nuovo governo del “civile” Presidente Mohammed Morsi e per il suo partito Giustizia e Libertà. Grandi manifestazioni di protesta contro il governo si sono svolte nelle principali città del paese interessando 12 dei 27 governatorati dell’Egitto. In molti casi i...

(5 Febbraio 2013)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Tahrir, due anni or sono

Tahrir si prepara al secondo anniversario della sua Primavera incompiuta. L’Egitto politico e preelettorale lo ricorda diviso fra una manifestazione laica che da quattro punti della capitale (Shibra, Imbaba, Ramses, Maadi, ma si vocifera anche di un concentramento presso il palazzo presidenziale di Ettehadiya) convergerà nella piazza simbolo e i festeggiamenti della Fratellanza Musulmana....

(24 Gennaio 2013)

Enrico Campofreda

Tunisia: ci vorrebbe una rivoluzione…

Dopo appena due anni i tunisini celebrano la 'Rivoluzione dei Gelsomini' senza grande entusiasmo. A Tunisi i manifestanti assediano il Ministero dell'Interno, a Jendouba il governo manda l'esercito contro i disoccupati. La protesta di alcune centinaia di giovani disoccupati a Jendouba ha causato violenti scontri con la polizia che, per disperdere i manifestanti, ha lanciato decine di granate lacrimogene...

(15 Gennaio 2013)

Luca Fiore - Contropiano

Tunisia. Dichiarazione di princìpi

Da Umanità Nova (n. 40 anno 92) Il movimento Disobbedienza è un movimento libertario e anti-autoritario. Lotta contro il capitalismo e i dispositivi autoritari. È l’auto-organizzazione delle persone, e in generale dell’auto-gestione diretta della vita e della ricchezza prodotta. Il movimento Disobbedienza combatte per: - Portare la mobilitazione rivoluzionaria in tutte...

(25 Dicembre 2012)

Il presidente della Repubblica preso a sassate. SidiBouzid ricorda così Mohamed!

Piovono pietre sul presidente della repubblica Marzouki e sul presidente dell'assemblea nazionale costituente Jaafer. [Guarda il video] Oggi a Sidi Bouzid l'anniversario della morte di Mohamed Bouazizi è una giornata di lotta, come in molte altre località della Tunisia compresa la capitale dove tra poco inizierà il presidio nei pressi dell'assemblea costituente indetto dai parenti...

(17 Dicembre 2012)

Infoaut

AL FIANCO DELLA MOBILITAZIONE POPOLARE IN EGITTO, NELLA PROSPETTIVA DEL POTERE DEI LAVORATORI.

Il PCL è al fianco della straordinaria mobilitazione di massa di tanta parte del popolo egiziano contro il presidente Morsi e i suoi progetti reazionari islamico integralisti. La Fratellanza musulmana e il suo Presidente cercano di subordinare la società egiziana ad una dittatura islamica. A questo mira il progetto di Costituzione che rivendica il primato della legge coranica. A...

(9 Dicembre 2012)

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

Tunisia in piazza contro la diseguaglianza

L'iniqua distribuzione della ricchezza ha riacceso le proteste nel Paese: disoccupazione alle stelle al Sud. La mancanza di riforme annulla la ripresa economica. di Andrea Ranelletti Roma, 1 dicembre 2012, Nena News - C'è un evidente contrasto tra i dati economici che testimoniano la ripartenza economica delle Tunisia post-rivoluzionaria e le recenti notizie sui gravi scontri tra polizia e...

(1 Dicembre 2012)

Nena News

Bahrain, arrestato noto attivista diritti umani

Continua al repressione da parte del regime di re Hamad. Said Yousif è stato fermato e detenuto ieri mentre aiutava un manifestante ferito dalla polizia a Diraz Roma, 03 novembre 2012, Nena News - Dopo il direttore del "Centro del Bahrain per i diritti umani", Abdel Rahman al Khawaja, le autorità hanno arrestato anche il suo vice, Said Yousif, attivista molto noto e stimato nel suo paese. Yousif...

(3 Novembre 2012)

Nena News

Tunisia. Prolungato lo stato di emergenza

Giovedì 01 Novembre 2012 09:34 Lo stato di emergenza è stato prolungato, in Tunisia, fino al gennaio dell'anno prossimo. La decisione, che è stata presa dal Presidente della Repubblica, Moncef Marzouki, è arrivata dopo che, nelle scorse settimane, si era dato per scontato che il provvedimento, in vigore dai giorni della rivoluzione, non venisse prorogato per l'ennesima...

(1 Novembre 2012)

Redazione Contropiano

Il regime del Bahrain vieta le manifestazioni

31/10/2012 PressTv. Il regime del Bahrain ha vietato tutte le manifestazioni e gli incontri pubblici tra le proteste crescenti contro gli Al- Khalifa. Martedì 30 ottobre il ministero dell’Interno del Bahrain ha vietato tutte le proteste e raduni, descrivendo le manifestazioni contro il regime come “ripetuti abusi del diritto alla libertà di parola e di espressione”. Il...

(31 Ottobre 2012)

InfoPal

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

385817