il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mubarak

Mubarak

(29 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Gli ultimi giorni del regime di Mubarak

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il Mondo Arabo in fiamme

(671 notizie dal 7 Gennaio 2011 al 9 Febbraio 2019 - pagina 11 di 34)

Egitto: si delinea una netta vittoria islamista

Continuano le operazioni di spoglio. I dati parziali danno i Fratelli Musulmani avanti con il 47%, i salafiti sono intorno al 10%, il Blocco liberal-socialista al 22%. Domani l'annuncio dei risultati finali

AZZURRA MERINGOLO Il Cairo, 30 novembre 2011, Nena News - File di ore ieri ai seggi, donne e uomini impazienti e orgogliosi di sapere che stanno mettendo in un’urna una scheda che ha finalmente un valore. Questa la risposta egiziana a quanti per anni hanno pensato che il paese non fosse pronto per la democrazia. A dimostrarlo, dicevano questi, il fatto che gli egiziani non si scomodavano...

(30 Novembre 2011)

Nena News

Dalla turchia nuove sanzioni alla siria

Il ministro degli esteri russo Lavrov: "dietro alle violenze in Siria ci sono i gruppi armati d’opposizione"

30/11/2011 - Il ministro turco Ahmet Davutoglu ha annunciato questa mattina un nuovo pacchetto di sanzioni del suo governo contro la Siria, dopo quelle adottate la scorsa settimana dalla Lega Araba. Davutoglu, in un discorso trasmesso in diretta tv, ha precisato che le sanzioni non prendono di mira il popolo siriano, ma solo il regime, che è «arrivato al capolinea». Si tratta di...

(30 Novembre 2011)

Radio Città Aperta - Roma

Elezioni in Marocco, il fascino discreto dell’Islam moderato

S’è adagiato con discrezione sulle urne marocchine. Ha calamitato un voto di maggioranza pur relativa con cui ha messo in fila tutti: il partito del Re (Isiqlal), l’Unione nazionale (Rni), socialisti (Usfp), comunisti (Pps), movimento berbero e una pletora di formazioni più o meno blasonate ma senza appeal. L’Islam moderato del Partito di Giustizia e Sviluppo (Pjd)...

(30 Novembre 2011)

Enrico Campofreda

Egitto: da dove viene seconda ondata rivoluzione

E' necessario capire da dove venga l'attuale protesta che non ha mancato di sorprendere molti, inclusi alcuni militanti di sinistra, soprattutto tra quanti hanno deciso di partecipare al voto, all'ombra della giunta militare

GENNARO GERVASIO* Il Cairo, 29 novembre 2011, Nena News - La seconda ondata della «rivoluzione egiziana» che ha travolto il paese e ha avuto ancora una volta come epicentro piazza Tahrir ha travolto anche molti degli attori politici e molti degli osservatori locali ed internazionali. La determinazione di giovani rivoluzionari è riuscita a tenere in scacco le Forze di sicurezza...

(29 Novembre 2011)

Nena News

Egitto, voto: generali e islamisti cantano vittoria

Viene data per scontata l'affermazione elettorale dei Fratelli musulmani che dopo Tunisia, Marocco (e Libia) e in attesa della Siria aspettano il loro turno. I militari credono di aver imposto la loro volontà su piazza Tahrir

MICHELE GIORGIO Roma, 29 novembre 2011, Nena News - Era raggiante ieri il premier incaricato Kamal Ganzuri. «Il voto in corso in Egitto è senza precedenti, l'affluenza è andata al di là di ogni aspettativa», ha commentato. Quella di Ganzuri è solo in minina parte la soddisfazione che prova ogni cittadino egiziano per le prime elezioni libere dopo trent'anni...

(29 Novembre 2011)

Nena News

Comunicato internazionale libertario di solidarietà con la lotta popolare egiziana

Il fine settimana del 19-20 novembre ha visto una nuova ondata di protesta di massa in tutto Egitto a causa della violenza sistematica del Consiglio Supremo delle forze armate (CSFA) contro le masse egiziane. La gente è stanca del comportamento dittatoriale del CSFA, dell'uso della forza estrema contro i manifestanti, dei tribunali militari che in 10 mesi hanno mandato 12.000 compagni e compagne...

(29 Novembre 2011)

Dopo tunisia ed egitto, il marocco

Il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (PJD) vince 107 seggi su 395. Dimostrando la maturità politica di un partito che ha credibilità nei ceti medi e popolari. E sa sfidare la monarchia senza comprometterla.

IKA DANO Roma, 28 novembre 2011, Nena News (nella foto, il segretario generale del PJD Abdelilah Benkirane) – Dopo la vittoria di Ennahda (Rinascita) in Tunisia e la prospettata vittoria dei Fratelli Mussulmani in Egitto alle elezioni di oggi, é la volta del Marocco. Il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (PJD) ad ispirazione islamica ha vinto 107 su 395 seggi. Il suo segretario generale...

(28 Novembre 2011)

Nena News

Aumenta su siria pressione lega araba

Nuove pesanti sanzioni contro Damasco. Ma l'obiettivita' dell'organizzazione panaraba, egemonizzata dall'Arabia Saudita e dagli Stati del Golfo, è sempre più in discussione.

MARTA FORTUNATO Beit Sahour (Cisgiordania), 28 novembre 2011, Nena News - Aumenta l'isolamento politico di Damasco dopo la decisione della Lega Araba di adottare dure sanzioni economiche contro la Siria, tra le quali il congelamento delle transazioni commerciali e dei conti bancari del paese, la sospensione dei collegamenti aerei commerciali tra le capitali arabe e Damasco e il divieto di visto di...

(28 Novembre 2011)

Nena News

Egitto, lotta e speranze

Lunghe file per entrare ai seggi. Tantissime le donne. Nella prima giornata di voto in Egitto le speranze sono tante e, nonostante i disordini della settimana scorsa, la democrazia è a portata di mano. Queste sono le prime elezioni parlamentari dalla caduta di Hosni Mubarak nel febbraio scorso, grazie alla protesta dei giovani di piazza Tahrir, piazza della Libertà del Cairo, divenuta...

(28 Novembre 2011)

DirittiDistorti

Egitto: urne aperte, piazza tahrir non cede

Aperti i seggi elettorali al Cairo, Alessandria, Luxor e Porto Said. E’ la prima delle tre fasi delle elezioni per il rinnovo della Camera Bassa. La tensione è alta, non pochi tra coloro che occupano piazza Tahrir non voteranno in protesta contro i militari.

Roma, 28 novembre 2011, Nena News - Urne aperte da questa mattina in Egitto per il rinnovo dell’Assemblea del popolo (Camera bassa). Ma al voto, il primo dalla caduta ad inizio dell’anno, dell’ex presidente Hosni Mubarak, il paese arriva in un clima di grave tensione. Migliaia di attivisti della rivoluzione da giorni occupano Piazza Tahrir al Cairo per chiedere che le Forze Armate...

(28 Novembre 2011)

Nena News

Egitto: voto sotto il tallone giunta militare

Piazza Tahrir è spaccata su un possibile boicottaggio delle elezioni che cominciano domani. Gli islamisti invece non hanno dubbi, vanno alle urne sapendo di vincere.

MICHELE GIORGIO Roma, 27 novembre 2011, Nena News - «Le divisioni politiche devono essere rimandate a vantaggio dell'unità e della formazione di un vero governo rivoluzionario». E' stato il noto scrittore Alaa Aswani, un paio di giorni fa, a lanciare questo appello per la piena realizzazione della rivoluzione del 25 gennaio. Attenti, pare voler spiegare Aswani agli egiziani, togliere...

(27 Novembre 2011)

Nena News

Damasco sulla via di tripoli

Passo dopo passo si avvicina la possibilita' di un "intervento militare limitato" contro la Siria. La Turchia scalpita e si coordina con la Lega araba controllata dai Paesi del Golfo

MICHELE GIORGIO Roma, 26 novembre 2011, Nena News - Dalle rive del Bosforo, il neo ministro degli esteri Giulio Terzi, al termine dei colloqui avuti ieri con suo omologo turco Ahmet Davudoglu, ha ribadito l'appoggio italiano all'«opposizione organizzata» siriana. Più che organizzata, l'opposizione al regime di Bashar Assad appare sempre più armata. Damasco ieri ha ammesso...

(26 Novembre 2011)

Nena News

Tahrir non si arrende, no all'ancien regime

Il premier incaricato Ganzuri ha iniziato le consultazioni ma questo non è servito a fare tacere la piazza simbolo della rivoluzione che chiede con forza l’uscita di scena dei militari ancora al potere.

AZZURRA MERINGOLO Il Cairo, 26 novembre 2011, Nena News - “Sono andato a letto mentre diventava primo ministro un collaboratore del vecchio rais e mi sono risvegliato a piazza Tahrir il 25 gennaio (giornata nella quale è scoppiata la rivolta ndr ) ”, ha scritto un attivista egiziano non appena ha raggiunto Tahrir, la piazza centrale del Cairo che ieri è stata nuovamente...

(26 Novembre 2011)

Nena News

Ora tremano anche i regnanti sauditi

Cerca di manovrare le rivolte popolari scoppiate in Nordafrica e Medio Oriente ma anche la famiglia Saud, stretta alleata dell’Occidente, deve fare i conti con chi chiede libertà e diritti. Nell’Est del paese si ribellano gli sciiti.

MICHELE GIORGIO Roma, 25 novembre 2011, Nena News - «Criminali», «Non manifestanti ma agenti sul libro paga di potenze straniere». Aveva il disprezzo dipinto sul volto il portavoce del ministero degli interni saudita, generale Mansour al Turki, ieri mentre riferiva dell'uccisione di quattro manifestanti e del ferimento di altri nove (tra i quali una donna) a Qatif, Awamiyah...

(25 Novembre 2011)

Nena News

Il marocco oggi vota sulle riforme decise dal re

Riforme di facciata, dice la piazza che ha animato la grande marcia pacifica per la dignità del popolo, il 20 febbraio 2011. Torna in piazza il malcontento. Anche ieri, gruppi di giovani diplomati-disoccupati sono scesi in strada a Rabat e a Casablanca.

GERALDINA COLOTTI Roma, 25 novembre 2011, Nena News - Oltre 13 milioni di marocchini sono chiamati alle urne oggi per le elezioni legislative: le prime dopo le riforme decise dal re Mohamed VI e confermate con un referendum da oltre il 90% dei votanti: riforme che ampliano i poteri del primo ministro e del parlamento e limitano, almeno sulla carta, le prerogative del sovrano, cancellandone la «sacralità»....

(25 Novembre 2011)

Nena News

Iraq, solidarietá confessionale alla siria

Secondo gli analisti il sostegno che Baghdad sta dimostrando a Damasco ha natura puramente settaria: il governo sciita iracheno teme che un’eventuale caduta di Bashar contagi l’Iraq e produca effetti negativi sulla precaria stabilità del Paese, rafforzando la minoranza sunnita.

EMMA MANCINI Beit Sahour (Cisgiordania), 25 novembre 2011, Nena News – Dopo la sospensione del 12 novembre, la Lega Araba pensa a nuove sanzioni contro la Siria: domani scade l’ultimatum per la firma di un protocollo che preveda l’ingresso nel Paese di osservatori per la tutela dei diritti umani. Se Damasco non firma, si passerà alle sanzioni economiche, che verranno discusse...

(25 Novembre 2011)

Nena News

Egitto: in rete consigli contro lacrimogeni letali

Mentre proseguono i preparativi del nuovo raduno di massa oggi a piazza Tahrir, gli attivisti egiziani si scambiano suggerimenti su come combattere gli effetti devastanti dei gas lacrimogeni Made in Usa usati da polizia e soldati.

AZZURRA MERINGOLO Il Cairo, 25 novembre 2011, Nena News - Il fumo delle armi da fuoco si mischia all’acre dell’aceto utilizzatodai dimostranti per ridurne l’effetto. Gli attivisti, spiazzati dalle nuovi arme utilizzate dai militari usano la rete per darsi suggerimenti sul da farsi. “Attenti, non li potete vedere, ma i militari lanciano lacrimogeni potentissimi” ha postato...

(25 Novembre 2011)

Nena News

Yemen: saleh passa il potere. e adesso?

Il presidente yemenita ha firmato il documento proposto dal Consiglio di Cooperazione del Golfo per il passaggio dei poteri al vicepresidente Hadi. Ma il momento di gioia che il paese aspettava da mesi sembra lasciare spazio a una sola domanda: adesso cosa succederà?

GIORGIA GRIFONI Roma, 24 novembre 2011, Nena News. Saleh ha dato le sue dimissioni da presidente dello Yemen. Ieri sera a Riyadh, capitale saudita, davanti ai sei membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo, ha firmato un documento stilato dal Consiglio stesso e appoggiato da Stati Uniti e Onu che stipula il passaggio di poteri al vicepresidente yemenita Abdrabuh Mansur Hadi. Nello stesso momento,...

(24 Novembre 2011)

Nena News

Democrazia per tutti: Siria, Libia, Egitto, Italia...

L'arma più potente nelle mani dell'oppressore è la mente dell'oppresso. (Steve Biko, rivoluzionario sudafricano) Lo Stato può darti libertà e te la può togliere. Ci sei nato, come con i tuoi occhi, le tue orecchie. La libertà è qualcosa che dai per scontato, poi aspetti qualcuno che te la porti via. La misura con cui resisti è la misura di quanto...

(24 Novembre 2011)

Fulvio Grimaldi

Siria: il canard enchaine’ rivela piano nato contro damasco

Secondo il settimanale satirico francese, sempre bene informato, la Nato avrebbe preparato un intervento armato «limitato» in Siria, predisposto a partire dalla Turchia. La Francia intanto propone «corridoi umanitari» in Siria.

GERALDINA COLOTTI* Roma, 24 novembre 2011, Nena News - Dopo aver fatto da battistrada in Libia, la Francia morde il freno anche sulla Siria. Ieri ha riconosciuto Il Consiglio nazionale - una delle due principali componenti dell'opposizione, formatisi all'estero e composta principalmente dai Fratelli musulmani - come «interlocutore legittimo» di Parigi. Al termine di un incontro con Burhan...

(24 Novembre 2011)

Nena News

<<    | ... | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | ...    >>

385466