il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mezza piena o mezza vuota?

Mezza piena o mezza vuota?

(22 Gennaio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

  • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
    Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro (cronaca nordovest)

Il Mondo Arabo in fiamme

(6 notizie dal 23 Febbraio 2011 al 18 Marzo 2011 - pagina 1 di 1)

Magreb:in rivolta, popoli in movimento

Ma gli avvoltoi volteggiano sull'area. Non e' detto che la spuntino sempre loro.

Dopo la Grecia e l'Irlanda la crisi ha investito gli stati nordafricani del Magreb. L'aumento dei prezzi agricoli, il 50% circa, ha messo in movimento l'intera area ed in ebollizione la Libia. In Libia, all'impossibilità della popolazione di sopravvivere con i propri redditi, si contrappone una raccolta di rendita petrolifera monopolizzata da una vera e propria casta militar-burocratic che,...

(18 Marzo 2011)

Sin.Base

Nel Mediterraneo è in corso un’insorgenza senza precedenti

Appello per una mobilitazione politica e di lotta straordinaria

• Le rivolte popolari di Tunisia, Egitto e Libia stanno sconvolgendo un’intera area del pianeta nella quale si concentrano interessi fondamentali, economici e politici, tanto dei regimi autoritari locali, quanto degli stati imperialisti occidentali. Queste rivolte, che hanno come retroterra uno sfruttamento estremo da parte delle classi dominanti, delle risorse territoriali autoctone (petrolio...

(16 Marzo 2011)

L’assemblea cittadina del 6/03/2011 tenutasi al C.S.A. Vittoria promossa dal Coordinamento di sostegno alle lotte dei lavoratori delle cooperative

No a qualsiasi intervento militare. Sosteniamo le rivolte dei popoli arabi

Le rivolte delle popolazioni arabe contro i regimi autoritari, da sempre amici dei governi occidentali, rappresentano uno sconvolgimento di portata storica. Sono le prime rivoluzioni nella fase della crisi del sistema a livello planetario, rivolte per la libertà, la partecipazione, la giustizia sociale. Donne e uomini, lavoratrici e lavoratori, più o meno precari, giovani in cerca di...

(16 Marzo 2011)

Contro ogni ingerenza “umanitaria” dell’imperialismo italiano/europeo

Nel contesto di uno spiegamento militare davvero “multilaterale” (Gran Bretagna, Grecia, Turchia, USA, perfino India, ma, soprattutto Germania…), l’imperialismo di casa nostra ancora una volta manda propri militari in un teatro “caldo”: questa volta le coste nordafricane della Libia. Nessun problema; con la “missione umanitaria” al confine tra Tunisia...

(6 Marzo 2011)

Circolo ALTERNATIVA DI CLASSE

Le rivolte nell'Africa del nord

Ben Ali e Mubarak si sono dimessi. Ciò che solo qualche mese fa sarebbe sembrato impossibile anche alla più fertile delle immaginazioni è avvenuto. E il terremoto non sembra essersi fermato. Una ventata di mobilitazione popolare sembra stia per realizzare quel passaggio alla democrazia cui i paesi arabo-islamici sembravano geneticamente negati. Una soddisfazione neanche troppo...

(24 Febbraio 2011)

Comitato lavoratori contro la guerra di Como

La cattiva coscienza dei politici e le mani grondanti di sangue dei padroni italiani

Le centinaia di morti, operai, lavoratori, disoccupati, studenti, casalinghe, nei paesi arabi e in Libia sono il frutto (anche) dei “buoni” rapporti dei governi italiani con i dittatori del mondo arabo che, insieme, hanno fatto affari d’oro. I soldi provenienti dal petrolio hanno finanziato le spese militari dei paesi amici, Algeria, Egitto, Tunisia, Marocco, Israele e – in...

(23 Febbraio 2011)

Luigi Consonni, Silvestro Capelli, Michele Michelino, Sandro Tansini, ex operai della Breda Fucine di Sesto San Giovanni

395897