IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c7:o190

 

I cento volti della Turchia

(229 notizie dal 13 Settembre 2010 al 11 Aprile 2019 - pagina 1 di 12)

La Turchia del dopovoto e lo spettro della crisi

A dieci giorni dallo scossone elettorale rifilato dalla Turchia metropolitana al partito di governo è in corso fra quest’ultimo e l’alleanza fra repubblicani e IYI Party un polemico scambio di battute sui ricorsi presentati al Consiglio Elettorale Supremo. L’Akp, che ha perduto la guida delle maggiori città: Istanbul, Ankara, Izmir, Adana, Antalya sostiene la tesi di...

(11 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Turchia, i segnali del voto

Analisti e politici turchi, quest’ultimi vincenti e perdenti, si chiedono se il risultato del voto amministrativo di domenica prospetti un cambiamento che disegna un Paese diverso da quello conosciuto negli ultimi diciassette anni. La valutazione, pur potendo seguire percorsi analitici articolati, non evidenzia grandi novità. Temi centrali delle elezioni erano: sicurezza ed economia....

(4 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Ankara e Istanbul voltano le spalle a Erdogan

Ciò che gli osservatori avevano posto al centro dell’attenzione per le amministrative turche: quella crisi economica che attanaglia il Paese, facendo segnare un’inflazione al 20% e una disoccupazione al 13% tanto da costituire un fattore di rischio per il governo-regime dell’Akp, ha confermato i timori. Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo perde la capitale e, al momento...

(1 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Demirtas, galera a vita

Sordo a ogni appello di libertà il presidente turco Erdogan ha respinto l’appello della Corte europea dei diritti umani gli aveva rivolto in merito al caso Demirtas. Il co-presidente del Partito democratico dei popoli (Hdp) venne arrestato due anni or sono a seguito dell’estensione a ogni opposizione politica della legge marziale adottata dopo il tentato colpo di stato del 15 luglio...

(20 Novembre 2018)

Enrico Campofreda

Omicidio Khashoggi, il dito puntato di Erdogan

Davanti ai deputati turchi, in quel Parlamento sottomesso al suo potere, Erdogan si fa portavoce di verità sul macabro complotto ordito ai danni del giornalista Jamal Khashoggi. Ordito nella sua Istanbul, seppure fra le mura neutrali del consolato saudita. Mura, però, parlanti che hanno consentito agli agenti del Mit di scovare turpi manovre. La ricostruzione del presidente turco è...

(23 Ottobre 2018)

Enrico Campofreda

Aiuto turco alla sparizione di Khashoggi?

La foto segna in sovraimpressione le ore 13, 14 minuti, 36 secondi e il giorno: 2 ottobre ultimo scorso. L’uomo con la giacca scura che sta infilando un ingresso del consolato saudita a Istanbul è il giornalista Jamal Khashoggi. L’altro uomo in giacca chiara è probabilmente un addetto alla sicurezza e osserva la scena. A questo fermo-immagine esaminato dagli inquirenti turchi...

(10 Ottobre 2018)

Enrico Campofreda

Turchia una media potenza in equilibrio fra gli imperialismi

Da "Il Partito Comunista" N. 391 - Settembre-Ottobre 2018

La crisi finanziaria che ha colpito la Turchia in questi ultimi mesi ha riportato il paese sulla scena internazionale soprattutto per le conseguenze che potrebbe avere sul sistema finanziario europeo e mondiale. Ma il paese destava proccupazione in molte Cancellerie anche per la svolta impressa dal governo dell’AKP, guidato da Recep Tayyip Erdogan, alla politica estera dopo il fallito colpo...

(5 Ottobre 2018)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Turchia, dollari e Allah

Come suo solito tuona il presidente-sultano. Ce l’ha, stavolta non a torto con Trump, il provocatore. Ce l’ha coi mercati della speculazione, che in verità per affarismo anche gli affiliati al suo clan conoscono e frequentano. Ma nel caso della Turchia, e dell’Iran, in questa fase la speculazione finanziaria che cavalca la debolezza delle rispettive monete è tenuta...

(11 Agosto 2018)

Enrico Campofreda

La Turchia si libera dell’emergenza, non dell’ingerenza

Il presidenzialismo assolutista studiato, cercato, ottenuto da Recep Erdogan con l’ostinazione e il trasformismo con cui ha scioccato il mondo, mette ai suoi piedi tutti i settori del Paese. In questi giorni in cui si prepara un decreto di uscita dall’emergenza post golpe (rinnovata per sette volte nel corso di due anni), ne giungono altri riguardanti gangli economico-finanziari, istituzioni...

(17 Luglio 2018)

Enrico Campofreda

L’attivista Cattafesta e il regime che non vuole intrusioni

Dopo dodici giorni Cristina Cattafesta è rientrata in Italia. La presidente del Cisda, fermata il 24 giugno a Batman (Turchia) dov’era in qualità di osservatrice elettorale invitata dal Partito Democratico dei Popoli, quindi trasferita in un centro di migrazione ed espulsione a Gaziantep, è stata restituita ieri all’affetto dei familiari e delle sue compagne. Il fermo,...

(7 Luglio 2018)

Enrico Campofreda

Elezioni turche: Erdogan centra il doppio obiettivo

Bottino completo su politiche e presidenziali per Recep Tayyip Erdogan che ancora una volta si fa padrone della Turchia col consenso dell’urna. Registra il duplice successo alle politiche col partito-regime (l’Akp), che da tempo ne segue ed esegue pedissequamente ogni respiro e con il 42.4%, può tranquillamente governare, vista anche la tenuta dell’alleato nazionalista (Mhp)...

(24 Giugno 2018)

Enrico Campofreda

Elezioni turche: Istanbul per il sultano

Tutti pazzi per Erdogan. Ennesimo bagno di folla oceanico, esso stesso coreografico per il messaggio di potenza che il presidente uscente, e prossimamente regnante, vuole offrire a sostenitori e oppositori. I candidati di quest’ultimi (il repubblicano Ince, 54 anni, il kurdo incarcerato Demirtas, 45, la ‘lupa grigia’ che ha rinnegato Behçeli Aksener, 61) pensano di sottrargli...

(18 Giugno 2018)

Enrico Campofreda

Elezioni turche, il peso dell’economia

Fra gli avversari che Erdogan annovera per le doppie consultazioni del 24 giugno, non a caso ampiamente anticipate per evitare scenari più sgradevoli, ce n’è uno difficile da battere: la crisi. Uno spettro che da dieci anni s’aggira con alti e bassi in giro per il mondo, ma che fa più paura in un Paese che tempo addietro pareva immune dalle strettoie che soffocavano...

(29 Maggio 2018)

Enrico Campofreda

Elezioni turche, democrazia sempre più in bilico

Quanto incida la preoccupazione e quanto, invece, la speranza sull’election day turca, voluta da Erdogan col notevole ausilio del ‘lupo grigio’ Bahçeli, è un dilemma che si risolverà con lo spoglio elettorale post 24 giugno. La Turchia polarizzata arriva a questa scadenza imposta con una legge votata a metà marzo scorso, legge che cementa l’alleanza...

(3 Maggio 2018)

Enrico Campofreda

Elezioni turche, la corsa contro il tempo di Erdogan

Per capitalizzare gli effetti delle ultime mosse sul terreno siriano e la conquista di Afrin Erdogan in patria gioca d’anticipo sulle elezioni politiche, unendole alle presidenziali previste fra oltre un anno. Forza la mano sull’alleato di comodo Bahçeli che suggeriva il 26 agosto e lancia un’election day per il 24 giugno. Ovviamente si prende la scena commentando che il passo...

(19 Aprile 2018)

Enrico Campofreda

Le vite sospese nella Turchia incatenata

La sospensione della vita per gli avversari di Erdogan passa anche attraverso la trafila di processi kafkiani messi in atto dal nuovo Atatürk anatolico che i politologi definiscono sultano. Non solo per la fede islamica irregimentata a sistema politico, ma per la personalizzazione con cui incarna una nazione e il suo popolo cui chiede anima e corpo. Questa sospensione può toccare tutti....

(19 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda

Erdogan incontra Francesco

Benvenuto o meno, Erdogan è sbarcato a Roma come il più potente dei Presidenti, visti i tremilacinquecento poliziotti che blindano la città, dall’area attorno piazza San Pietro al Quirinale, passando per palazzo Chigi, dove incontra i rappresentanti della Città del Vaticano e dello Stato Italiano: papa Francesco, il presidente Mattarella, il premier Gentiloni. Dei...

(5 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda

Washington-Ankara: la guerra dei visti

Scontro diplomatico a suon di visti fra Stati Uniti e Turchia, con un uno-due che da domenica (anche se solo ieri le agenzie hanno diffuso la notizia) vede bloccati i permessi d’ingresso fra i due Paesi per turismo, necessità sanitarie, commercio, lavoro e studio. L’Anadolu sostiene che ha iniziato Washington e ne è seguita la risposta di Ankara, nonostante nelle ore precedenti...

(10 Ottobre 2017)

Enrico Campofreda

Erdogan, il patriota tagliatore di teste

L’anniversario della paura trasformatasi in forza, torna a essere apoteosi dell’uomo simbolo dell’odierna Turchia. A lui si stringe la folla dei patrioti che ne approva tutta la furia seguente, ritrovandosi nel cuore della notte istanbuliota a ricordare l’orgoglio anti golpista e osannare un anno di vendette. Rivincite attuate e rappresaglie promesse: “Taglieremo la testa...

(17 Luglio 2017)

Enrico Campofreda

Turchia in marcia per la giustizia

La lunga marcia kemalista ha avuto successo. Quasi un mese di tragitto a piedi, partendo dal cuore anatolico della capitale per finire con un’immensa manifestazione sul Mar di Marmara. Sulla pur decentrata spianata di Maltepe, nella Istanbul asiatica ben lontana dal centro storico, l’omino bianco leader dei repubblicani, l’alevita Kiliçdaroglu, ha arringato non solo i propri...

(10 Luglio 2017)

Enrico Campofreda

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

361462