il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Pop Art

Pop Art

(27 Marzo 2012) Enzo Apicella
Il ministro del Lavoro Elsa Fornero

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Il governo Monti - Napolitano

(118 notizie dal 11 Novembre 2011 al 21 Novembre 2012 - pagina 5 di 6)

Mari e Monti. Per i ricchi e il Vaticano

Dopo che Berlusconi ci ha portato sull’orlo della bancarotta è arrivato Monti, con una manovra fatta di «sacrifici per i poveri, pochi per i ricchi, esenzioni per il Vaticano» (Angelo Cannatà, Il fatto, 8 dicembre). Educato e feroce Non si tratta di discutere se Monti sia "meglio" o “peggio” di Berlusconi ma di prendere atto che la necessaria e positiva...

(9 Dicembre 2011)

cattolicesimoreale.it

“Tecnica” o “politica” è dittatura borghese contro la classe lavoratrice

Il bene del paese, inteso come bene dei cittadini, al di sopra delle classi, è una mistificazione: esso è sempre e solo il bene dei profitti di industrie e banche, è il bene del Capitale e della classe che ne ha il possesso, la borghesia. Tutto il regime borghese martella ogni giorno che dal buon andamento dell’economia nazionale dipenderebbe la vita dei lavoratori perché...

(7 Dicembre 2011)

Partito Comunista Internazionale

Sale ad almeno 25 miliardi la “violenta manovra recessiva” del governo di mario monti, dell'ue e delle banche

L’assemblea dei sindacati conflittuali all’Ambra Jovinelli di Roma: “Il conflitto sociale è l'unico ostacolo reale al progetto di Monti e del potere finanziario internazionale”

.Mila Pernice 4/12/2011 - C’era da aspettarselo che l’importo della nuova manovra lacrime e sangue, su cui domani Monti informerà finalmente la cosiddetta “opinione pubblica” dopo il Consiglio dei Ministri, lievitasse ad almeno 25 miliardi di euro. E mentre ci si chiede come quell’opinione pubblica, ancora alquanto esaltata dalla “sobrietà” del...

(4 Dicembre 2011)

Radio Città Aperta - Roma

Noi non ci stiamo

Il documento conclusivo dell'assemblea nazionale del sindacato conflittuale.

L’Assemblea nazionale indetta da USB, Cib-Unicobas, SlaiCobas, Snater e USI, che si è riunita questa mattina a Roma, ha approvato il seguente documento conclusivo: La crisi economica in atto è una crisi sistemica del capitalismo mondiale e vale a dire che qualunque riforma, per quanto dura e profonda, non serve a farci uscire dall'attuale situazione. Quella che ci si prospetta...

(4 Dicembre 2011)

USB – Cib Unicobas – SlaiCobas – Snater – USI

2.12.2011 - Contro il governo Monti Marchionne

In uno dei suoi ultimi sgangherati interventi contro la Fiom, sempre più uguali a quelli di Berlusconi contro i comunisti, Sergio Marchionne ha anche esaltato le scelte che prepara il governo Monti. Dal suo punto di vista ha perfettamente ragione. L’impostazione economica del governo, almeno secondo tutto quello che appare dalle indiscrezioni che lo stesso governo volutamente fa uscire,...

(4 Dicembre 2011)

Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale

Monti è italiano?

Ma è vero che il capitalismo è in crisi? Ma siamo sicuri che quella che ci viene ammannita come la grande crisi del capitalismo non sia una crisi ma politiche di terrorismo economico e militare ben combinate che stanno costringendo all'impoverimento il ceto medio europeo e devastando le nazioni di cultura diversa da quella liberista? Certo è che il capitalismo si sta riorganizzando...

(3 Dicembre 2011)

Pietro Ancona

Una manifestazione nazionale a roma contro il governo monti

Forte della fiducia ottenuta da Bersani, Berlusconi e Di Pietro, il governo Monti sta intraprendendo un'offensiva frontale contro il lavoro e le pensioni, per conto di Confindustria e delle banche. Va fermato. I vertici della Cgil non possono attestarsi sulla non belligeranza “critica”: debbono assumersi la responsabilità di preparare lo sciopero generale contro la macelleria governativa....

(2 Dicembre 2011)

Marco Ferrando - Partito Comunista dei Lavoratori

Sul governo Monti

In questo documento, come Laboratorio Politico Iskra abbiamo tentato di analizzare gli ultimi avvenimenti e cambiamenti sulla scena politica nazionale e internazionale legati alla crisi sistemica che il capitale sta attraversando. Dalle considerazioni che seguono emerge a nostro avviso la necessità di rilanciare il tema dell’organizzazione autonoma di classe sia come strumento politico...

(1 Dicembre 2011)

Laboratorio Politico Iskra

“EI FU”: FAMELICI EREDI IN ARRIVO

Le borse, “i mercati” dettano – dittano!
Disarcionato il Cavaliere di Arcore

Ai compagni che ci leggono, talora non limitandosi allo zapping “informativo” sul web, ma entrando in corrispondenza con noi, poniamo, prima di entrare nel merito della “novità” Monti a far da staffetta (più veloce e decisa) del governo Berlusconi, una “precondizione”: riandatevi a leggere quanto scrivevamo il 17 gennaio di quest’anno sul nostro...

(28 Novembre 2011)

Nucleo Comunista Internazionalista

Presto il risveglio: dal sogno all'incubo Monti

– giovedì, 24 novembre 2011 Nonostante Monti, con la benedizione di Napolitano, delle banche e del Vaticano abbia sostituito Berlusconi e Tremonti con pieni poteri e con una maggioranza schiacciante in Parlamento, nonostante la sua fama in ambito economico sia certificata e l'internità alla finanza e alle banche a livello internazionale sia evidente e conosciuta, nonostante abbia...

(24 Novembre 2011)

USB Unione Sindacale di Base

Il governo dei poteri viscidi: il debito occulto per nucleare e tav

Paolo Flores D'Arcais, pur senza manifestare un particolare entusiasmo, ha salutato nel governo Monti l'epifania di una destra finalmente "presentabile" e "civile". Uno che è stato pronto a credere che la NATO potesse andare in soccorso di una vera ribellione popolare, è disposto anche a credere che possa esistere una destra presentabile e civile. A riguardo della sinistra si potrebbe...

(24 Novembre 2011)

Comidad

“Ce la faremo”. Qualche nota sul Governo Monti e la partita dei prossimi mesi…

scarica il documento in .pdf Eat the Rich – Magnammece o’ padrone! Collettivo Autorganizzato Universitario - Napoli Lavoratori della metropoli in lotta CLASH CITY WORKERS 1. Il mondo “nuovo”: dal corporativismo al neocorporativismo 2. Gli ultimi mesi: dalla crisi estiva al Governo Monti 3. La “rivoluzione passiva” e la democrazia a fondo 4. Il programma Monti...

(23 Novembre 2011)

Collettivo lavoratori della metropoli in lotta CLASH CITY WORKERS

il governo di Caino

Il governo Monti nasce all'insegna della continuità degli scandali e dello scempio che la politica ha fatto e persiste a fare dello Stato. Vengono arrestati gli amministratori dell'Enav per corruzione e mazzette versate all'UDC di Casini (e non solo) e l'Avvocato Pitruzzella autore di un libro scritto a quattro mani con Cuffaro viene nominato per volontà di Schifani condivisa da Fini...

(20 Novembre 2011)

Pietro Ancona

Ma che "Profumo" di austerity... qui c'è puzza di zolfo!

Berlusconi è caduto da qualche giorno, il governo tecnico si è insediato e Monti invita tutti a fare sacrifici e ad un senso di “responsabilità nazionale” per far uscire il Paese dalla crisi. Fra chi vuole la patrimoniale per creare un minimo di consenso e prepararsi alle prossime elezioni e chi la tassa sui redditi proprio non la vuole, fra riforme del sistema pensionistico,...

(19 Novembre 2011)

Collettivo Autorganizzato Universitario – Napoli

I comandamenti del PADREUROTERNO.

Fare in fretta, fare sul serio!

Fiumi di spumante tricolore accolgono Mario il “gesuita” salvatore della patria, fedele servitore dell’U.E. A lui, ed al suo governo, riuscirà quello che non è riuscito al puzzone di Arcore, messo in mora dal “caso d’emergenza” italiano. SI’ che ce l’aveva messa tutta, il Berlusca, a farci pagare tutto e caro il prezzo della sua crisi...

(19 Novembre 2011)

comunisti per l’organizzazione di classe C O M B A T

Monti. Un governo per “la lotta di classe dall’alto”

1. Dal 14 dicembre dello scorso anno il governo Berlusconi era diventato l’ombra di se stesso. Allora era apparso a tutti evidente, a cominciare dalla stessa compagine governativa, che non c’era nessuna idea di come affrontare la fase acuta della crisi, di come riciclare un baraccone - a cui ha partecipato allegramente anche la Confindustria - nato solo per spartirsi i dividendi del bottino...

(19 Novembre 2011)

La segreteria nazionale della Rete dei Comunisti

Che cosa cambia per noi?

Sotto la pressione sempre più forte dei mercati finanziari, sotto l’incalzare di una speculazione che è stata mille volte più forte di qualsiasi opposizione parlamentare, Berlusconi si è dimesso. Non senza aver prima ottenuto l’assenso di tutte le forze politiche, esplicito o implicito, alla legge di stabilità che recepisce i diktat dell’Unione...

(18 Novembre 2011)

L'Internazionale - Inchiesta Operaia

Il programma “neodemocristiano” di Monti

Una volta i colpi di Stato li organizzavano ufficialmente i colonnelli, non a caso si chiamavano (giustamente) “golpe militari”. Oggi li ispirano e li eseguono direttamente i banchieri e i tecnocrati della finanza, affiancati anche da generali, emissari della Confindustria e referenti del Vaticano, ma ipocritamente sono definiti “governi tecnici”. Non si tratta di analisi...

(18 Novembre 2011)

Lucio Garofalo

Dalla padella alla brace? Noi Monti non lo vogliamo!

La giornata del 17 a pisa

Non era uno sciopero facile quello indetto dai Cobas il 17 Novembre, uno sciopero con un Governo appena insediato e che avrà il sostegno di quasi tutto l'arco parlamentare oltre al beneplacito dei poteri forti, dalla Finanza alla Confindustria passando attraverso le agenzie di Rating e la lega delle cooperative. Non era facile per tante ragioni, non ultima la campagna mediatica che ha convinto...

(18 Novembre 2011)

confederazione cobas pisa

Il Ministro della Difesa di Mario Monti

Fare il Ministro della Difesa nazionale non è compito da parvenue. C'è da essere intelligenti e saggi, diplomatici e fermi, scaltri ma colti sociologicamente e geopoliticamente. Moderati quanto basta per essere complementari all'azione del Ministero degli Esteri. Sopattutto sinceri servitori degli interessi della Nazione e rispettosi della sua Carta suprema, la Costituzione italiana....

(18 Novembre 2011)

G. Ellero

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |    >>

229161