il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

In cento milioni contro la guerra

15 febbraio 2003: tutte le città del mondo scendono in piazza

(10 notizie dal 3 Febbraio 2003 al 6 Marzo 2003 - pagina 1 di 1)

sul 15 febbraio 2003: un contributo al dibattito

Comitato di Quartiere "Alberone","Corrispondenze Metropolitane","Vis - à - Vis"

Ben oltre 100 milioni di uomini e donne, attivatisi ed incontratisi nel più grande "appuntamento multi-metropolitano" su scala planetaria che la storia abbia mai registrato, hanno di fatto sancito la nascita, il primo manifestarsi, di quella comunità umana universale, di cui Monsieur le Capital ha oggettivamente creato le condizioni materiali di esistenza. Nella sua inesauribile quanto...

(6 Marzo 2003)

Comitato di Quartiere "Alberone","Corrispondenze Metropolitane","Vis - à - Vis"

15 febbraio: intervento unitario conclusivo della manifestazione nazionale

C'è chi pensa che solo ai potenti sia dato di scrivere la storia. Oggi in tutto il mondo stiamo dimostrando il contrario. In tutto il mondo, oggi, stiamo dimostrando che gli uomini e le donne, i popoli, i cittadini e le cittadine possono riprendere in mano il proprio destino e decidere insieme il proprio comune futuro. Fermiamo la guerra. Milioni di persone, movimenti sociali, organizzazioni...

(19 Febbraio 2003)

15 febbraio: intervento di Fabio Alberti di "Un Ponte Per..."

Alla manifestazione di Roma contro la guerra

C’è chi pensa che solo ai potenti sia dato di scrivere la storia. Oggi in tutto il mondo stiamo dimostrando il contrario. In tutto il mondo, oggi, stiamo dimostrando che gli uomini e le donne, i popoli, i cittadini e le cittadine possono riprendere in mano il proprio destino e decidere insieme il proprio comune futuro. Fermiamo la guerra. Milioni di persone, movimenti sociali, organizzazioni...

(18 Febbraio 2003)

15 febbraio: la segreteria del PRC polemizza con Marco Ferrando

Dichiarazione della segreteria nazionale di Rifondazione comunista

Giudichiamo nocive alla riuscita della manifestazione contro la guerra del prossimo 15 febbraio, le affermazioni del portavoce di Progetto comunista, Marco Ferrando, della minoranza del Prc, secondo le quali la presenza della Margherita alla manifestazione stessa sarebbe sgradita. A Ferrando sfugge evidentemente l'importanza dell'allargamento della composizione dello schieramento contrario alla guerra. Rifondazione...

(13 Febbraio 2003)

15 febbraio: a fianco dei popoli del medioriente che resistono all'aggressione imperialista e sionista

Appello alle forze antimperialiste/anticapitaliste ed al movimento contro la guerra

COSTRUIAMO LA SOLIDARIETÀ AL POPOLO IRACHENO, SVILUPPIAMO LA LOTTA CONTRO L'AGGRESSIONE IMPERIALISTA L'imminente aggressione contro il popolo iracheno costituisce un nuovo tassello della strategia USA di rafforzamento della propria egemonia militare in Medio Oriente e nel mondo. E' ormai evidente a tutti che dietro alle bugie di Bush sulla cosiddetta "guerra al terrorismo" c'è solo...

(13 Febbraio 2003)

Trenitalia boicotta la manifestazione del 15 febbraio

Mille ostacoli all'organizzazione di treni speciali

Il Comitato "Fermiamo la guerra" organizzatore delle manifestazione italiana del 15 febbraio contro la guerra all'Iraq esprime grande preoccupazione per l'atteggiamento assunto da Trenitalia, che frappone mille ostacoli alla concessione dei treni speciali e delle tariffe agevolate per permettere alle decine di migliaia di manifestanti di raggiungere Roma per la manifestazione. Nelle trattative aperte...

(11 Febbraio 2003)

Il comitato Fermiamo la guerra

Il 15 febbraio a New York: i pacifisti sono traditori!

editoriale del New York Sun del 6 febbraio

Paragonate questo editoriale del New York Sun (quotidiano conservatore fondato l'anno scorso) alle dichiarazioni di tanti "illustri" esponenti del governo italiano. Forse che Berlusconi e Bush non stanno solo concordando una comune politica estera di guerra, ma anche una comune politica interna di repressione e criminalizzazione? Il Sindaco Bloomberg e il Commissario di polizia Kelly stanno rendendo...

(11 Febbraio 2003)

Verso il 15 febbraio: fermare la guerra è possibile

il documento approvato dal Forum Sociale Europeo

Il 15 febbraio 2003, milioni di persone, in Europa e in tutto il mondo, manifesteranno il loro rifiuto della guerra che si sta preparando - la guerra "preventiva" del presidente Bush. Sarà la "giornata internazionale contro la guerra" decisa dal Forum Sociale Europeo di Firenze dello scorso novembre che in questi tre mesi ha conquistato nuove adesioni e una spinta sempre più forte di...

(11 Febbraio 2003)

15 febbraio: l'Ungheria vieta le manifestazioni contro la guerra

Gli stati membri della NATO sopprimono le voci dell'opposizione.

La dimostrazione contro l'imminente guerra contro l'Iraq, prevista a Budapest nel contesto della giornata internazionale di mobilitazione del 15 febbraio prossimo, e' stata vietata dalle autorita'. Le motivazioni ufficiali poggiano su presunti "ostacoli al traffico", ma e' evidente la decisione politica. In Ungheria gli Stati Uniti stanno usando le basi NATO per addestrare mercenari iracheni che parteciperanno...

(4 Febbraio 2003)

Peter Szekely, Left Front, Ungheria

il 15 febbraio manifestazione anche Baghdad

Il 15 febbraio, giornata di mobilitazione internazionale contro la guerra all'Iraq indetta dal Social Forum Europeo, di terrà una manifestazione anche a Baghdad. La manifestazione si svolgerà di fronte agli uffici del'Onu di Baghdad per chiedere che il Consiglio di Sicurezza rispetti la Carta dell'Onu e per chiedere che gli ispettori dell'Unmovic non si prestino a coprire la volontà...

(3 Febbraio 2003)

28328