">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • Sull'emergenza microclima nella sede di Risorse per Roma in Via degli Archivi
    Richiesta provvedimenti a tutela salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici
    (18 Luglio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    "Terza Repubblica"

    Crisi dei partiti e accentramento del potere nell'esecutivo

    (276 notizie dal 21 Aprile 2013 al 3 Dicembre 2023 - pagina 8 di 14)

    ITALIKUM: SERVE UNA FORTE OPPOSIZIONE NEL PAESE

    Il Senato ha approvato un testo della legge elettorale denominata “Italikum” che neppure i senatori conoscono in quanto in un emendamento riassuntivo sono state proposte modifiche non passate attraverso il dibattito in commissione e poi in aula. L’ennesima violazione delle regole della più elementare democrazia parlamentare si è verificata nel segno della continuità...

    (28 Gennaio 2015)

    Collettivo Militante "Autoconvocati per l'Opposizione"

    Italicum, fogna della democrazia borghese

    Il Senato ha compiuto un altro passo avanti verso l’approvazione dell’Italicum, la legge elettorale scaturita dall’osceno accordo fra Renzi e Berlusconi. Il voto bipartisan al “lodo Esposito” rifonda sotto le spoglie del “partito della nazione” la vecchia DC e muta di fatto la maggioranza politica di un governo, quello di Renzi, che nessuno ha votato. In...

    (24 Gennaio 2015)

    Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

    CHI REGGE IL SISTEMA POLITICO ITALIANO? ANCORA CAF E P2

    L’andamento delle votazioni in Senato sulla super-legge truffa elettorale denominata Italikum e le (prevedibili) manovre in atto per l’elezione del Presidente della Repubblica indicano come, nel sistema politico italiano, sia in atto un fenomeno di radicale riallineamento e di sostanziale ritorno all’indietro alla geografia degli anni’80 del XX secolo. Sembrano essersi, infatti,...

    (22 Gennaio 2015)

    Collettivo Militante "Autoconvocati per l'Opposizione"

    Si scrive Italicum, si legge Incostituzionale

    L'accordo dell'ultima ora Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale, tradotto in un emendamento di poche righe dal Senatore Esposito, ha dunque superato l'esame del Senato, e questo nonostante i forti mal pancia espressi, sia nel PD che in Forza Italia, dalle minoranze interne. Riguardo a queste ultime è però bene fare un minimo di chiarezza. Tolta, infatti, la feroce critica ai capilista...

    (21 Gennaio 2015)

    Franco Ragusa

    DIMISSIONI DI NAPOLITANO: PRESIDENZIALISMO COME?

    L’ufficialità delle dimissioni di Giorgio Napolitano apre una fase molto complessa della vita politico – istituzionale del nostro Paese. E’ il caso di tracciare un primo bilancio di questi nove anni di Presidenza rivolgendo l’attenzione a un particolare aspetto dell’itinerario compiuto. Si è, infatti, affermato che, in questo periodo, si sono accentuati...

    (15 Gennaio 2015)

    Franco Astengo

    Uno sciopero generale politico

    Uno sciopero politico generale può ancora salvare l'Italia dallo sfascio della Costituzione e da una legge elettorale che la trasformerà in una Signoria dei Potenti. Uno sciopero generale politico fatto da quante organizzazioni democratiche esistono in Italia ed al quale i sindacati se vogliono possono dare il loro apporto. Uno sciopero capeggiato dall'Anpi Si dovrebbe fare nei tempi...

    (6 Gennaio 2015)

    Pietro Ancona

    IL PRIVILEGIO DEL 3%: UN GOVERNO ARROGANTEMENTE PERICOLOSO

    L’odioso “privilegio del 3%” comparso nel decreto fiscale della vigilia di Natale, ha rappresentato un vero e proprio strappo del quadro democratico, prima ancora che il suffragio di un’inaccettabile condizione di favore a vantaggio dei ricchi per danneggiare i poveri: un classico rovescio del mito di Robin Hood “rubare ai poveri per donare ai ricchi”. La triste...

    (6 Gennaio 2015)

    Franco Astengo

    Quirinale e Carnevale

    A Matteo Renzi serve che il prossimo Capo dello Stato non sia un uomo di sinistra. O meglio, che magari dica di esserlo, ma non lo sia davvero. Un po' come Giorgio Napolitano, l'ex Pci che ha fatto di tutto per smantellare il sistema di tutele a favore dei lavoratori italiani. La necessità numero uno del Premier è proprio questa: il prossimo inquilino del Colle dovrà continuare...

    (5 Gennaio 2015)

    Antonio Rei - Altrenotizie

    APRIAMO UNA CAMPAGNA POLITICA PER UN PRESIDENTE CHE DICA “NO AL PRESIDENZIALISMO”

    dal sito: http://autoconvocatiperlopposizione.com La proposta è quella di intervenire con decisione nella vicenda relativa all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica con un campagna politica sviluppata all’insegna del “No al Presidenzialismo”. I nove anni al Quirinale di Giorgio Napolitano hanno aperto il varco a una soluzione dell’antica crisi istituzionale...

    (3 Gennaio 2015)

    Franco Astengo

    L'ITALIKUM FA MARAMEO ALLA CORTE COSTITUZIONALE

    Le dichiarazioni rilasciate ieri, nel corso della conferenza-stampa di fine anno dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi nel merito della modifica della legge elettorale debbono suscitare in tutti i sinceri democratici preoccupazione e inquietudine. Il riferimento riguarda, in particolare, il richiamo alla pratica del “salto del canguro” rispetto agli emendamenti eventualmente presentati...

    (30 Dicembre 2014)

    Patrizia Turchi e Franco Astengo

    AUTOCONVOCATI PER L'OPPOSIZIONE:
    SE QUESTO NON E' UN REGIME

    Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, dopo aver posto la fiducia sulla legge di stabilità imponendo al Senato un voto notturno si è lasciato andare a dichiarazioni molto pesanti, lesive della ormai residua autonomia del Parlamento e che materializzano l'entrata in vigore di un vero e proprio regime autoritario realizzata, clamorosamente, a Costituzione invariata. Parlamento di cui,...

    (20 Dicembre 2014)

    Patrizia Turchi e Franco Astengo

    Lo Stato italiano diventa sempre più reazionario

    Un passo dopo l'altro, lo Stato italiano diventa sempre più reazionario Giorgio Napolitano, nel suo discorso del 16 dicembre dinanzi alle alte cariche istituzionali dello Stato italiano (l'ultima sua «esternazione» prima delle dimissioni presidenziali previste dopo il 13 gennaio 2015, data di scadenza del semestre italiano di presidenza dell'Unione Europea) ha detto cose gravissime. Non...

    (19 Dicembre 2014)

    Piattaforma Comunista

    UN PUNTO DI AGGIORNAMENTO NELL’ANALISI DEL SISTEMA POLITICO ITALIANO

    La vicenda di “Mafia Capitale” ha aperto una nuova fase nel complesso del sistema politico italiano. Una fase che riguarda soprattutto il governo Renzi al quale, secondo alcuni autorevoli commentatori, si sta aprendo una formidabile opportunità. Le cose stanno davvero così, se si ragiona sugli effetti immediati di questa storia (che è molto diversa, nella sostanza,...

    (13 Dicembre 2014)

    Franco Astengo

    MANGANELLATE E CORRUZIONE

    La giornata del 3 Dicembre resterà memorabile nell’ambito di quella crisi della democrazia italiana che si sta trascinando ormai da molto tempo. Due fatti hanno dominato la scena: - l’emergere,per opera della Magistratura, di una gigantesca connessione criminale tra mafia, malavita comune e politica che ha gestito buona parte delle attività più delicate del Comune...

    (4 Dicembre 2014)

    Patrizia Turchi e Franco Astengo

    ITALIA: IL PERICOLOSO DISFACIMENTO DEL SISTEMA POLITICO

    Per dirla con un’efficace metafora calcistica: in piena crisi di gioco e di risultati e con davanti a un calendario terribile (non compilato da lui ma dall’accorto Giorgio Napolitano, sempre pronto a scendere dalla nave al primo accenno di marosi) Matteo Renzi mette in atto i rituali dell’antica politica riunisce un’inutile direzione del PD e si sposta a sinistra gridando...

    (2 Dicembre 2014)

    Franco Astengo

    “L’ASTENSIONISMO E’ UN FATTO SECONDARIO”: DOPO LA DICHIARAZIONE DI RENZI L’ITALIA E’ MATURA PER UN REGIME AUTORITARIO?

    Questo ragionamento principia proprio dalla frase pronunciata dal Presidente del Consiglio e Segretario del PD, Matteo Renzi, al momento dell’esito del voto di domenica scorsa per le elezioni regionali di Calabria ed Emilia-Romagna “Abbiamo vinto, l’astensionismo è un fatto secondario". Un astensionismo, è bene ricordarlo, che ha raggiunto percentuali mai registrate...

    (28 Novembre 2014)

    Franco Astengo

    #Renzi, #astensionismo e il processo verso la Terza, ma sarà Repubblica?

    Siamo di fronte ad un regime che replica se stesso, annullando progressivamente e senza sforzo qualunque espressione democratica

    Ha ragione Renzi. L’astensionismo NON è un problema, neppure secondario. La sua non è leggerezza e neppure superficialità. Lo cita gioco forza per ragioni di tattica, anche perché sono prossime le primarie in varie Regioni, e comunque è una eredità – questa delle primarie – colla quale deve ancora fare i conti, ma la sensazione è...

    (27 Novembre 2014)

    Patrizia Turchi

    Italicum, riforma illogica che paralizza il Quirinale

    Le incongruenze del «patto del Nazareno» sono tali e tante che Napolitano non dovrebbe promulgare la legge e rispedirla alle camere Fu in base a un accordo poli­tico tra le forze par­la­men­tari e in pre­vi­sione di una pos­si­bile modi­fica del nostro attuale sistema bica­me­rale che, nel corso della discus­sione alla camera per l’approvazione...

    (26 Novembre 2014)

    Gaetano Azzariti - il manifesto

    EMILIA-ROMAGNA, CALABRIA: IL REGIME E’ SEDUTO SUL BARILE DI POLVERE DELLA DISAFFEZIONE DI MASSA

    Era facilmente prevedibile: il dato di maggior interesse al riguardo dell’esito elettorale in Emilia-Romagna e Calabria era rappresentato dalla crescita dell’astensione. I dati adesso ci indicano che quell’attesa era più che giustificata: in particolare in Emilia i risultati indicano l’esplosione di un vero e proprio fenomeno di massa dimostrando come la disaffezione...

    (24 Novembre 2014)

    Franco Astengo

    DOPO LE DICHIARAZIONI DI RENZI: LO SCIOPERO DEL 12 DICEMBRE SNODO FONDAMENTALE PER LA DEMOCRAZIA IN ITALIA

    Le dichiarazioni rilasciate da Renzi al riguardo del ruolo del sindacato e dello sciopero del 12 Dicembre rappresentano un punto importante, quasi decisivo, nel suffragare l’analisi che insiste sul fatto che in Italia si sia già formato un regime autoritario imperniato sul ruolo del PD come “Partito della Nazione” all’interno di una sorta di “monopartitismo imperfetto”. Non...

    (22 Novembre 2014)

    Franco Astengo

    <<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

    380386