il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

"Terza Repubblica"

Crisi dei partiti e accentramento del potere nell'esecutivo

(272 notizie dal 21 Aprile 2013 al 5 Giugno 2019 - pagina 5 di 14)

2 GIUGNO: REPUBBLICA E COSTITUZIONE

Buon 2 Giugno a tutti, nel giorno in cui settant’anni fa si compì il voto più alto della Resistenza con la scelta della Repubblica. Per la prima volta a quella scelta contribuirono anche le nostre madri, un’occasione storica che fu colta dopo una lunga stagione di sacrifici, lutti, devastazioni. Oggi si tratta di far tornare nelle teste e nei cuori quello spirito repubblicano,...

(2 Giugno 2016)

Franco Astengo

Perché e quando votare, perché e quando astenersi

La retorica di questa “democrazia” – accettata acriticamente dal comune senso politico – dice che quello del voto è il momento in cui ognuno di noi può decidere e, perfino, scegliere chi deve rappresentare le nostre idee e i nostri interessi nelle istituzioni. Il risultato di queste libere elezioni darà alla maggioranza il potere di decidere e di governare. Questa...

(29 Maggio 2016)

Sergio Manes

Comunicato CONUML sul referendum costituzionale

REFERENDUM COSTITUZIONALE: RENZI SCHIERA LE SUE TRUPPE. ORGANIZZIAMO LA RISPOSTA PROLETARIA OPERAIA E POPOLARE SVILUPPANDO LA MOBILITAZIONE E LA LOTTA COSTRUENDO COMITATI PER IL NO NEI POSTI DI LAVORO E SUL TERRITORIO! Ai comunisti, ai rivoluzionari, agli operai di avanguardia, alla classe operaia! Il governo Renzi e le forze economiche e politiche che lo sostengono stanno schierando le loro truppe...

(23 Maggio 2016)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

La strumentalizzazione di Berlinguer da parte di Renzi

In rassegna stampa, molti quotidiani oggi titolano con evidenza sull'ultima sparata di Renzi: "Anche Berlinguer era per il monocameralismo". Impossessarsi di Berlinguer da parte di Renzi naturalmente è una strumentalizzazione, un tentativo di coprirsi un po' a sinistra (in particolare presso quella parte di vecchio elettorato comunista che ha difficoltà a seguirlo) con un discorso che...

(22 Maggio 2016)

Giovanni Caggiati

Perché fermare la riforma costituzionale di Renzi

Un'iniziativa il 25 maggio a Roma

Alle ore 17.30, presso la Casa del Popolo "Giuseppe Tanas", in via Girolamo Casanate, 2/a In autunno si terrà un referendum importantissimo, dovremo pronunciarci sulla riforma costituzionale approvata dal Parlamento e fortemente voluta da Renzi e Napolitano, su pressione dei poteri economici europei. Se dovesse essere confermata dal referendum, con questa riforma salterebbero molti degli equilibri...

(17 Maggio 2016)

Casa del Popolo "Giuseppe Tanas" in collaborazione con il Comitato per il NO alle riforme costituzionali del XIV Municipio

ANCORA SULLA CAMPAGNA PER IL NO AL REFERENDUM

E’ già stato segnalato più volte, ma occorre insistere: nonostante la lontananza temporale e la presenza a metà strada di una tornata elettorale amministrativa consistente la campagna elettorale per il referendum confermativo sulle deformazioni costituzionali volute del governo Renzi è già cominciata e nella maniera peggiore. L’impostazione voluta dall’alto...

(14 Maggio 2016)

Franco Astengo

Sulla proposta di riforma costituzionale

Il Presidente Renzi ha inaugurato al Teatro Niccolini di Firenze la campagna del governo per il referendum sulla riforma costituzionale e lo ha fatto in termini inequivoci. Per lui l’attuale proposta di riforma sarebbe quella che gli italiani attendono da sempre e in specie “una riforma che non è contro chi ha combattuto per la libertà”. Comportandosì così,...

(4 Maggio 2016)

Raffaello Morelli - Storico della lacità

REFERENDUM COSTITUZIONALE: IL TEMA DELLA RAPPRESENTANZA POLITICA E DELLA CENTRALITA’ DEL PARLAMENTO

Con largo anticipo, senza che neppure ne sia stata fissata la data di svolgimento, è già entrata nel vivo della campagna elettorale la contesa per il referendum confermativo delle “deformazioni costituzionali” recentemente approvate dal Parlamento. Ogni tentativo di rendere l’andamento di questa consultazione aderente al merito effettivo del provvedimento legislativo...

(3 Maggio 2016)

Franco Astengo

Dal mancato quorum di aprile alla vittoria del NO al referendum di ottobre

Il SI al referendum contro le trivellazioni in mare, nonostante sia la stragrande maggioranza dei voti espressi, non è riuscito ad affermarsi a causa del mancato raggiungimento del quorum. La responsabilità principale di ciò è del governo di Renzi e del PD che hanno vergognosamente boicottato il referendum (indizione ritardata, mancato accorpamento con le amministrative,...

(18 Aprile 2016)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Il PCL e i referendum. I nostri sì. Il nostro no. La nostra proposta classista e anticapitalista.

Siamo alla vigilia di una intensa stagione referendaria. Non idolatriamo il referendum. Non pensiamo possa sostituire la mobilitazione e la lotta di massa. Ma non siamo certo indifferenti alla natura concreta dei referendum e al loro esito. Per questo ci schieriamo senza riserve a sostegno dei referendum che abbiano un carattere progressivo e di contraddizione rispetto alle politiche e agli interessi...

(30 Marzo 2016)

Partito Comunista dei Lavoratori

Seppellire con le lotte e sotto una valanga di NO la riforma costituzionale di Renzi

Renzi è riuscito a far approvare dal Parlamento la sua riforma reazionaria dell’attuale Costituzione. Il precedente tentativo di riformare in senso autoritario la Costituzione italiana fu quello compiuto da Silvio Berlusconi, uno degli uomini più ricchi d’Italia e del mondo, rappresentante di una parte importante del mondo capitalistico e finanziario italiano. Proprietario...

(13 Marzo 2016)

Da: Scintilla, n. 67 – marzo 2016 Organo di Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Una truffa istituzionale contro i lavoratori

La riforma istituzionale predisposta dal governo Renzi è una truffa contro i lavoratori e contro le lavoratrici. Il Senato non sarà abolito. Semplicemente non sarà più eletto. In compenso senatori non eletti, designati tra i consiglieri regionali e i sindaci, avranno il potere di decidere sulle... leggi costituzionali. Una enormità! Solo la Camera voterà la...

(13 Febbraio 2016)

Partito Comunista dei Lavoratori

NO alla controriforma costituzionale
Via il governo Renzi!

L’approvazione del Ddl Boschi alla Camera e il conseguente ampliamento di fatto della maggioranza di governo alla P4 di Verdini, sono stati i recenti eventi politici che hanno messo in piena luce la deriva reazionaria del governo Renzi. Le controriforme costituzionali combinati con gli effetti dell’Italicum (la legge-truffa elettorale) disegnano una Repubblica autoritaria, un regime...

(8 Febbraio 2016)

Da: Scintilla, n. 66 – febbraio 2016 Organo di Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

USB per il NO al referendum sulla legge che intende demolire la Costituzione.

Difendere la Costituzione per difendere il lavoro e la democrazia

sabato, 06 febbraio 2016 Il vento autoritario che spira da alcuni anni in questo paese e che sta riducendo sempre più gli spazi di libertà e democrazia sta investendo il mondo del lavoro come mai era accaduto dal dopoguerra ad oggi, cioè da quando, battuto il fascismo, si costruì con fatica e non senza contraddizioni l'attuale Costituzione. Una Costituzione che scontava...

(7 Febbraio 2016)

USB

UN REFERENDUM BONAPARTISTA

L’esito della votazione alla Camera dei Deputati sul DDL Boschi relativo alle cosiddette riforme costituzionali (quelle definite dal senatore Besostri “deformazioni costituzionali”) apre la strada al referendum confermativo, del resto invocato dallo stesso Presidente del Consiglio in termini ultimativi: anzi ponendo la sua stessa carriera politica sul crinale dell’esito del...

(12 Gennaio 2016)

Franco Astengo

Grillo e Renzi a braccetto dell'Italicum

Grillo e Di Maio gettano la maschera a sostegno dell'Italicum di Renzi

Ricordate le filippiche senza fine del grillismo “a difesa della Costituzione”, “contro la riforma istituzionale fascista”, “contro il duce di Rignano”, con l'immancabile occupazione simbolica delle aule parlamentari “a difesa della libertà e della democrazia”? Pagliacciate ipocrite, come (solo) il PCL le ha sempre qualificate. A confermarlo...

(4 Novembre 2015)

Partito Comunista dei Lavoratori

PRESENTATI I RICORSI AVVERSO L'ITALIKUM: UNA AZIONE POLITICA GIUSTA DA SOSTENERE SENZA RISERVE

- Raffica di ricorsi contro l'Italicum. La nuova legge elettorale è stata impugnata con una serie di ricorsi analoghi, depositati in contemporanea in una quindicina di Corti d'appello, tra cui Roma, Milano, Napoli. Nel mirino, tra le altre questioni, premio di maggioranza e ballottaggio. Ora spetta ai giudici valutare se accogliere le istanze. Si tratta di un’azione politica giusta da...

(26 Ottobre 2015)

Franco Astengo

Chi deve decidere è il popolo italiano!

Il governo antidemocratico di Renzi, con l’appoggio determinante della nuova P2 di Verdini, è riuscito a far passare al Senato il Disegno di legge (Ddl) sulle controriforme istituzionali, cuneo della trasformazione reazionaria e autoritaria dello Stato borghese. “Una bellissima giornata” l’ha definita il segretario del PD. Sicuramente lo è stata per Squinzi, Marchionne...

(15 Ottobre 2015)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

LA DESTRA PRODUCE LA DESTRA

La vastità, complessità, profondità della corruzione imperante in Italia sui temi dell’amministrazione pubblica, rivolta in particolare ai temi più sensibili nell’opinione pubblica come in questo caso quello dei migranti, suscita in generale reazioni di strumentalizzazione politica sulle quali andrebbe aperta una riflessione di fondo. Il dato evidente è...

(7 Giugno 2015)

Franco Astengo

RICORDARE IL 2 GIUGNO PER OPPORSI AL REGIME CHE SOFFOCA E INQUINA LA NOSTRA DEMOCRAZIA

La ripresa di una forte dimensione di tipo nazionalista che si accompagna all’autoritarismo segna la presenza di questo Governo sulla scena politica rende necessario ricordare la scadenza del 2 Giugno assumendola come un momento di riflessione sul significato che quell’avvenimento, la nascita della Repubblica, assunse come punto di partenza per l’acquisizione di una nuova cittadinanza...

(31 Maggio 2015)

Franco Astengo

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

309729