il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Gli USA lasciano Falluja

Gli USA lasciano Falluja

(16 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iraq occupato)

Imperialismo e guerra (da Medio oriente e Asia)

Iraq occupato

immagini dell'invasione imperialista

(145 notizie dal 6 Ottobre 2002 al 18 Novembre 2013 - pagina 7 di 8)

Iraq, servizi Usa confusero pollai con depositi missili

(notizia adnkronos)

Washington, 17 giu. - (Adnkronos) - L'intelligence americana finisce nell'occhio del ciclone. I servizi Usa, infatti, nell'analizzare le foto scattate dai satelliti sull'Iraq scambiarono numerosi pollai per depositi di missili Scud. Non finisce qui. Sulla base di queste notizie sbagliate, gli ispettori dell'Onu esaminarono una serie di allevamenti di polli senza naturalmente trovare nulla di sospetto....

(20 Giugno 2004)

http://www.adnkronos.com/

Dall’Iraq occupato: testimonianza di un pediatra italiano

Dalla redazione de "La Nuova Alabarda", periodico triestino, riceviamo questo importante reportage di Marino Andolina. Andolina è un pediatra dell'Ospedale Civile Burlo di Trieste impegnato in prima persona ad aiutare concretamente le popolazioni colpite dalle guerre. E' stato attivo negli scorsi anni anche in Bosnia ed in Kosovo, e nel 2001 ha aderito al nostro Coordinamento. E' ritornato recentemente...

(13 Giugno 2004)

Marino Andolina da LA NUOVA ALABARDA C. Cernigoi, c.p. 57 - 34100 Trieste

Iraq: La rapina chiamata "ricostruzione"

In questi giorni è uscito un volumetto dal titolo "Eurobusiness in Iraq: dall'esportazione della democrazia ai subappalti USA", edito da Manni Editori. Si tratta di 100 pagine (per lo più contenenti articoli tratti dalla Rete) prefate da Manlio Dinucci - lo stesso autore de "Il potere nucleare. Storia di una follia da Hiroshima al 2015" - che tentano di far chiarezza sul colossale "Affare...

(30 Maggio 2004)

Marco Hamam Tratto da Axiaonline, 14.05.04

Iraq: tra i militari italiani contrabbandieri di opere d´arte?

Il quotidiano iracheno Al Sabah, nell´edizione del 24 maggio scorso, ( http://www.alsabaah.com/20040524 ) ha pubblicato la notizia del ritrovamento di reperti archeologici in un´automobile appartenente al contingente militare italiano che stavano per essere contrabbandati verso il vicino Kuwait. L´auto sarebbe stata intercettata da funzionari di dogana della provincia di Thi Quar...

(26 Maggio 2004)

Un ponte per...

Le foto del disonore

Prima i nostri nemici hanno creato l'attentatore suicida. Ora noi abbiamo il nostro attentatore suicida digitale: la macchina fotografica. Osservate il modo in cui Lynnie tiene in mano il guinzaglio dell'iracheno nudo e con la barba. Guardate bene la cinghia di pelle e il dolore sul viso del prigioniero. Nessun film sadico potrebbe fare più danni di questa immagine. Nel 2001 gli aerei si sono...

(9 Maggio 2004)

Robert Fisk (© The Independent) Traduzione di Carlo Antonio Biscotto

In nome di Sua Maestà... le foto delle torture dei soldati inglesi

pubblicate dal Daily Mirror

Il ministero della Difesa Inglese ha reso noto che le fotografie pubblicate dal Daily Mirror sono state consegnate alla polizia militare, che ha avviato un'indagine sull'accaduto. Le fotografie sono state consegnate al Daily Mirror da due soldati del Queen's Lancashire Regiment. Il prigioniero iracheno - secondo quanto riferisce il quotidiano - era stato arrestato per furto. Sarebbe stato torturato...

(2 Maggio 2004)

Testimonianze da Falluja: cecchini usa e cluster bomb

Fonti verificate hanno segnalato la presenza di tiratori scelti americani a Falluja. Da piu' giorni, i cecchini controllano gli ingressi della citta' e la strada principale. Secondo piu' fonti, tiratori scelti sono appostati anche di fronte agli ospedali e ai centri sanitari, mirando ai feriti e ai soccorritori che accedono alle strutture sanitarie. "Ci sono cecchini americani sui tetti - conferma...

(13 Aprile 2004)

Un ponte per...

Dossier di denuncia sulle continue violazioni dei diritti umani in Iraq

Presentato il 10 gennaio a Baghdad da Occupation Watch

Oggi, sabato 10 gennaio alle ore 13.00 (ora locale) si è svolta a Baghdad una conferenza stampa organizzata dall’Occupation Watch Center – osservatorio internazionale sull’occupazione in Iraq, promosso da Un Ponte per... e da altre organizzazioni pacifiste internazionali -. Sparatorie indiscriminate, perquisizioni, incidenti tra veicoli militari e civili, morti e feriti causati...

(11 Gennaio 2004)

'Un ponte per...' Associazione Non Governativa di Volontariato per la Solidarietà Internazionale

Iraq: vi abbiamo portato la libertà... vigilata!

Un editto del Governatore Bremer mette la società civile irachena e le ONG internazionali in libertà vigilata L’ordinanza n. 45 del 27 novembre 2003, emanata dal Governatore Bremer, obbliga tutte le nascenti forme della società civile irachena e le Organizzazioni Non Governative internazionali a sottoporsi a forme di registrazione e di controllo che costituiscono una grave...

(19 Dicembre 2003)

Un ponte per..., ICS, COSV, GVC, Intersos, Terres des Hommes

Iraq: di questi invece non gliene frega niente a nessuno

5 iracheni fucilati dagli americani - televideo la chiama "sparatoria"

12/11 10:15 Iraq,Fallujah: sparatoria, morti 5 civili (notizia televideo.rai) Almeno 5 civili iracheni sono rimasti uccisi e altri 4 feriti in una sparatoria avvenuta ieri sera sulla strada di ingresso a Fallujah, a circa 50 km a ovest di Bagdad,quando soldati americani hanno aperto il fuoco su un camion. Lo hanno denunciato stamane fonti della polizia locale,definendo "ingiustificato"il comportamento...

(12 Novembre 2003)

Iraq: l'occupazione prosegue e i diritti civili vengono calpestati

Sono passati sei mesi dalla fine della guerra e l'occupazione pesa sempre di piu' sulle spalle dei civili iracheni. Baghdad cambia faccia di giorno in giorno a seconda delle esigenze dell'occupante. Un hotel e' ritenuto a rischio: si costruisce un muro per proteggerlo. Serve una zona per ospitare i soldati: la si isola e spesso si occupano costruzioni civili, monumenti (come nel caso del mausoleo...

(13 Ottobre 2003)

Paola, Occupation Watch Baghdad

Qualche utile tabella sulla guerra e i morti americani

date salienti della guerra in Iraq Il 20 marzo 2003 inizia l'aggressione angloamericana all'Iraq. Tra il 9 aprile e il 10 aprile, con lo squagliamento della difesa irachena, c'è la caduta di Bagdad. A metà aprile si hanno le prime notizie di imboscate contro gli occupanti. Il 28 aprile la rivolta popolare a Falluja (seguita da una cruenta repressione americana) segna l'avvio su ampia...

(25 Agosto 2003)

Notiziario del Campo Antimperialista .... 25 agosto 2003

I membri dell'Unione dei Disoccupati in Iraq devono essere rilasciati immediatamente!

Il 2 Agosto 2003 alle 23:30, forze USA hanno arrestato nuovamente Qasim Hadi, il segretario dell'Unione dei Disoccupati in Iraq (UUI), ed altri 55 membri nel tentativo di fermare il sit-in della UUI cominciato il 29 Luglio e seguito dai media internazionali. Le forze USA hanno distrutto la societa' Irachena e le sue infrastrutture, creato milioni di disoccupati e non si sono assunte alcuna responsabilita'...

(17 Agosto 2003)

Partito Comunista dei Lavoratori dell'Iraq

Di nuovo a Bagdad /7

La voce delle donne irakene: Yanar Mohammed (Organisation of the Women’s Freedom)

Minuta, sorridente e con gli occhi vivaci: Yanar Mohammed, appartenente al Partito Comunista dei Lavoratori Irakeni, dirigente dell’Organizzazione per la Liberta’ delle Donne e capo redattrice del giornale della stessa organizzazione Al Mousawat- L’uguaglianza-. Questa organizzazione nasce subito dopo la guerra e confluisce in essa la Indipendent Women, che esisteva gia’ da...

(7 Agosto 2003)

Sabrina Merzari e Simona Giannangeli della delegazione “un ponte per....”

Di nuovo a Bagdad /6

3 agosto 2003: Ragazze e ragazzi di strada a Baghdad

Con un taxi, insieme al nostro amico ed interprete Youssuf, ci rechiamo all’estremo sud della capitale irachena e veniamo avvolti dalla sabbia e dalla polvere. Zone degradate, soffocate da una miseria estrema, un senso di desolazione che ti afferra alla gola, donne, uomini e bambini che su strade bollenti strappano brandelli per sopravvivere, per inventarsi uno straccio di esistenza. E’...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per……."

Di nuovo a Bagdad /5

1 agosto 2003: Bombe sul mercato

Questa mattina siamo andati a nord di Baghdad, nel quartiere di Al Shaiab, vicino al mercato dove nei primi giorni di guerra gli americani sganciarono due bombe intelligenti. Siamo andati a vedere gli effetti di queste bombe e le immagini che ora porto dentro mi hanno gelato. Palazzi distrutti, resti di autovetture carbonizzate, polvere pesante che avvolge ogni cosa. Subito alcuni irakeni ci chiamano,...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per……."

Di nuovo a Bagdad /4

29 e 30 luglio 2003: Manifestazione

E’ il 29 luglio ci troviamo in Al Rashid Street, sta per iniziare la manifestazione organizzata dall’Unione dei Disoccupati Irakeni cui ha aderito il Partito Comunista dei Lavoratori. Ci sono gia’ molti uomini di tutte le eta’ che oggi sfileranno per le strade di Baghdad rivendicando un posto di lavoro ed un salario, dato che sono 4 mesi che nessuno di loro percepisce uno...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per……."

Di nuovo a Bagdad /3

27 luglio 2003

Questa mattina siamo stati a casa di Fawsiye Hussein Sabiha, 73 anni, appartenente dagli anni ’60 al Partito Comunista Irakeno. Figura storica straordinaria insieme al marito Hadi Al Timini, uno dei fondatori del Partito. Ci raccontano una vita di attiva militanza politica piena di arresti, carcere, torture ed intimidazioni continue da parte del regime di Saddam. In un dei tanti periodi di...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per……."

Di nuovo a Bagdad /2

26 luglio 2003

Questa mattina siamo stati all’ospedale ALWYA specializzato in ginecologia-maternita, per vedere gli interventi realizzati dal ‘ponte per’. Sono stati installati depuratori d’acqua, raffreddatori di acqua, e sono stati distrubuiti prodotti di igiene, ossigeno ed accessori dell’impianto idrico. Durante il giro nell’ospedale abbiamo notato che le donne sono sempre...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per……."

Di nuovo a Baghdad

25 luglio 2003

Siamo arrivati a Baghdad giovedì 24 luglio in tarda mattinata dopo aver attraversato il confine giordano con due jeep impiegandoci circa 10 ore per raggiungere la capitale. 4 donne e 4 uomini compongono la delegazione dell’ong italiana ‘un ponte per….’ Presente in IRAQ ormai da 13 anni. 6 di noi eravamo già stati in Baghdad nel mese di febbraio 2003 in occasione...

(7 Agosto 2003)

Sabrina e Simona delegazione "Un ponte per….."

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |    >>

134402