il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

L'Italia tripudia la guerra

L'Italia tripudia la guerra

(5 Novembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Imperialismo e guerra (cronaca nordest)

Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...

Per il ritiro immediato delle truppe d'occupazione e delle "missioni di pace"

(79 notizie dal 30 Novembre 2003 al 3 Novembre 2009 - pagina 3 di 4)

Siamo cittadine di un paese in guerra

Ma ci raccontano che il nostro governo compie “missioni di pace”

L’Italia e' oggi coinvolta in una guerra che in tutti i discorsi ufficiali e' camuffata da pace. Ma siamo in guerra da circa 15 anni: nel ’91 prima guerra del Golfo, nel ’92 intervento in Somalia, nel ’99 guerra “umanitaria” in Serbia e Kosovo, dal 2002 missione “enduring freedom” in Afghanistan e poi guerra “per la democrazia” in Iraq; e...

(4 Aprile 2005)

Donne in Nero di Padova

24 Marzo 1999 Yugoslavia. 20 Marzo 2003 Iraq

Guerra "umanitaria", guerra di "civiltà"

Continuano a mentire Il 24 Marzo 1999: la NATO, gli U.S.A. e il governo di centro-sinistra D'Alema aggredivano e bombardavano la Yugoslavia: centinaia di bambini morivano sotto le bombe "umanitarie" e altri 10.000 sono morti di cancro in questi anni per l'uranio impoverito. 20 Marzo 2003: USA e alleati distruggono e occupano l'Iraq. L'Italia di Berlusconi partecipa alla guerra di "civiltà"...

(16 Marzo 2005)

Elezioni in Iraq: una vetrina propagandistica per l’occupazione U.S.A.

Pochi giorni fa si sono chiuse le urne delle prime elezioni “ democratiche “ svoltesi in Iraq, che dovranno designare un’assemblea di delegati che avrà il compito di redigere la nuova Costituzione. I mass-media in mano agli imperialisti americani ed ai loro seguaci ci hanno informato che l’affluenza alle urne è stata altissima. Come non credergli ? Sono gli...

(24 Febbraio 2005)

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – CIRCOLO P.TRESSO SCHIO

Appello a Ciampi

Ordine del giorno presentato al congresso provinciale del PRC di Pordenone

Il prossimo 25 Febbraio Ciampi atterrerà alla Base USAF di Aviano da cui partirà la sua visita alla Provincia di Pordenone. Presidente, non atterri sulle bombe atomiche!! Questa è la richiesta indirizzata al Segretario Generale della Presidenza dottor Gaetano Gifuni dal Consigliere Provinciale Mario Alzetta che ha proposto al Presidente di atterrare in un sito alternativo per...

(24 Febbraio 2005)

Chiediamo la liberazione di Giuliana Sgrena e Florence Aubenas

Due donne in cui ci riconosciamo

La Rete internazionale delle donne contro la guerra, ha lanciato un appello per la liberazione immediata della giornalista e pacifista italiana Giuliana Sgrena, nostra amica, una donna coraggiosa che da molti anni attraversa le frontiere per dire con forza la verità sull’orrore quotidiano e la violenza della guerra. In Irak, in Palestina, in Algeria, in Afghanistan, Giuliana e' sempre...

(11 Febbraio 2005)

Donne in Nero Casa delle Donne

Fermiamo la guerra fermiamo il massacro

Le immagini e le informazioni sul massacro di civili in corso a Falluja da parte delle truppe della coalizione occupante ci indigna, ora di dire basta a tutto questo e ci chiama nuovamente a raccolta tutti insieme con tutte le forze disponibili per continuare l' impegno contro la guerra e per costruire la pace e un mondo pi giusto. Guerra e terrorismo stringono sempre pi in una morsa il popolo iracheno...

(20 Novembre 2004)

I promotori e partecipanti della Conferenza Internazionale "Riprendiamoci l'ONU"

Falluja

I Giovani Comunisti di San Canzian d’Isonzo esprimono la loro solidarietà ai resistenti irakeni della città di Falluja, uno dei principali centri del paese controllato dai ribelli, messo sotto torchio dall’esercito imperialista statunitense. Difendiamo così, il diritto di ogni popolo a difendersi contro qualsiasi esercito invasore, in linea con il principio di autodeterminazione...

(14 Novembre 2004)

GC San Canzian d’Isonzo

Padova: mozione contro la guerra del Consiglio comunale

Il Consiglio Comunale di Padova ha approvato una “ Mozione per la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta, contro la guerra e contro il terrorismo” che ha visto unita tutta la maggioranza di centro sinistra e il non voto della destra. Erano state presentate tre mozioni distinte: da PRC, Verdi e una terza da DS, Margherita e SDI le prime due con la richiesta al Governo del ritiro...

(29 Settembre 2004)

Giuliana Beltrame.

Padova: Mozione per la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta

che verrà discussa il consiglio comunale del 27 settembre

Il Consiglio Comunale di Padova facendo seguito alla fiaccolata promossa il 9 settembre e all’incontro del 20/9 tra i capigruppo e i rappresentanti del movimento pacifista padovano esprime dolore, sgomento e indignazione per la barbarie che sempre più si sta impossessando delle relazioni tra Stati e tra persone, barbarie che trova un terreno di coltura nelle guerre, nelle occupazioni...

(24 Settembre 2004)

Giuliana Beltrame capogruppo PRC

Forlì: 250 partecipanti al corteo a sostegno della resistenza irachena - per il ritiro delle truppe italiane.

Circa 250 partecipanti al corteo che ha sfilato Sabato 18 dal centro di Forlì fino alla caserma "De gennaro". Caserma da dove partono i soldati per le così dette "missioni di pace". Una discreta partecipazione se consideriamo: i contenuti su cui era stata indetta fuori dal coro "buonista"- politicamente corretto ; il clima trasversale di una rinnovata "unità nazionale"; il silenzio...

(20 Settembre 2004)

Associazione Pellerossa Cesena

La cosiddetta "esportazione della civiltà e della democrazia" è semplicemente imperialismo!

L’assemblea del circolo "A. Sartori" di Rifondazione Comunista, riunita in congresso straordinario nella data emblematica dell’11 settembre, esprime sentimenti di sgomento e di profonda indignazione verso i responsabili dell’insensata e barbarica spirale di guerra terroristica che da tre anni si sta abbattendo con folle premeditazione e inaudita violenza su popolazioni inermi e...

(16 Settembre 2004)

L’assemblea del circolo "A. Sartori" di Rifondazione Comunista

Sequestri di pacifisti in Iraq: una provocazione contro la Resistenza irachena.

Come Associazione aderente al Comitato promotore della manifestazione che si terrà a Forlì il 18 Sett. contro l'invio delle truppe italiane in Iraq e a sostegno della legittima resistenza del popolo iracheno contro l'occupazione, esprimiamo solidarietà alle pacifiste-volontarie italiane dell'ONG "Un ponte per..."(organizzazione da sempre impegnata contro la guerra e l'embargo...

(11 Settembre 2004)

Associazione Pellerossa

La guerra e le occupazioni di stati e territori siano la causa prima di quanto sta accadendo

Stiamo precipitando in una spirale di violenza che si inasprisce di giorno in giorno; le notizie, le immagini che arrivano dall'Ossezia, dall'Iraq, dal Medio Oriente, disorientano l'opinione pubblica e spingono molte persone a considerare la guerra, le guerre, un rimedio necessario. Noi pensiamo invece che proprio la guerra e le occupazioni di stati e territori siano la causa prima di quanto sta...

(9 Settembre 2004)

Coordinamento contro la guerra "senza se e senza ma" - Padova

Dalla Romagna in Iraq: no all’invio di truppe!

Appello per una mobilitazione contro l'invio di altre truppe in Iraq.

Non avevamo dubbi che il Governo Berlusconi fosse determinato a partecipare al folle proseguimento della guerra di occupazione in Iraq insieme agli USA. La notizia di alcune settimane fa divulgata sulla stampa locale, riguardante l’invio di nuove truppe “fresche” dalla caserma “Di Gennaro” di Forlì, non fa che confermare questa perseveranza. In sostanza si tratterebbe...

(26 Luglio 2004)

Associazione Pellerossa Cesena Colletivo Red Ghost Ravenna

Pordenone: “Chi semina guerra raccoglie tempesta”

Blitz in P.zza XX Settembre dopo il flop del comune

Neppure il tempo è riuscito a trattenersi di fronte alla disgustosa parata istituzionale in “onore” all’Ariete di ier sera, voluta ed organizzata dal sindaco di Pordenone e sostenuta a gran voce e con il plauso di tutta la destra nazionalista della città. Una grandinata tremenda ha infatti sanzionato la “festa” militarista dopo neppure 20 minuti dall’inizio...

(23 Giugno 2004)

R.AF. PN – Resistenza AntiFascista

Pordenone: ne’ con la vostra guerra, ne’ con la vostra pace

Il 19 giugno smilitiarizziamo P.zza XX settembre

Perché festeggiare l’Ariete? Perché rendere gli onori ai soldati che stanno occupando l’Iraq proprio quando la stragrande maggioranza delle persone ne chiedono il ritiro immediato e si dichiarano contro tutte le guerre? Semplice: perché molti cominciano a chiedersi chi ci guadagna, chi sta davvero facendo profitti sulle missioni di guerra spacciate come missioni di...

(17 Giugno 2004)

R.AF. PN – Resistenza AntiFascista

Basterà il "timbro" dell'ONU a fermare la guerra in IRAK?

Finirà la guerra in Irak ora che l'occupazione militare ha il "timbro legittimante" dell'ONU? Anzi del Consiglio di Sicurezza dell'ONU composto da sole 15 Nazioni, l’Assemblea mai è stata convocata. Dubito? Gli irakeni conoscono l'ONU come quell'organismo che ha imposto loro, negli ultimi 10 anni, un embargo micidiale che ha determinato oltre un milione di morti. Non possono averlo...

(10 Giugno 2004)

Palmiro Capacci PRC di Forlì

2 Giugno a Padova: contestazione riuscita alla partenza della parata militare

Fin dalle 9.00 della mattina ci siamo messi sulle scalinate della Gran Guardia con lo striscione BUSH STAY HOME TUTTI A ROMA IL 4 GIUGNO. Alle 9.30 arrivavano i vari reparti, generali, il Sindaco etc… Intanto intorno ai gradini si posizionavano celerini e Digos circondando i manifestanti. Dopo l’inno nazionale mentre facevano l’alzabandiera contemporaneamente agli slogan che partivano...

(3 Giugno 2004)

Via dall’Iraq! A casa subito i militari italiani

sabato 29 maggio presidio davanti alla prefettura di Padova

ANCHE I PARENTI DEI MORTI A NASSIRYA DICONO: QUESTA E’ UNA GUERRA SBAGLIATA. TUTTI I MILITARI ITALIANI SUBITO A CASA Il padre di Matteo Vanzan di Camponogara, morto a Nassirya, dice:”Matteo era partito per una missione di pace, ma lì c’è la guerra” e la madre soggiunge: “ Gli avevo detto di non andare. Adesso bisogna portare a casa tutti i soldati!”....

(28 Maggio 2004)

Comitato per il ritiro immediato dei soldati italiani dall'Iraq

Per un’altra direzione della resistenza irachena, per la rivoluzione socialista

Le truppe italiane in Iraq, per conto degli interessi dell’ENI e partecipi di un’occupazione coloniale vanno immediatamente ed incondizionatamente ritirate. Più in generale se ne devono andare dall’Iraq tutte le truppe imperialiste di occupazione, con o senza la benedizione dell’ONU. L’invocazione dell’ONU come guida e garanzia della “transizione”...

(28 Maggio 2004)

Associazione marxista rivoluzionaria PROGETTO COMUNISTA sinistra del PRC (Venezia)

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 |    >>

147109