il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fiat... prendi i soldi e scappa

Fiat... prendi i soldi e scappa

(7 Febbraio 2010) Enzo Apicella
La Fiat chiuderà lo stabilimento di Termini Imerese.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Il ricatto della delocalizzazione

(44 notizie dal 19 Febbraio 2002 al 16 Settembre 2010 - pagina 2 di 3)

Sostegno alle lotte e alle iniziative dei lavoratori delle aziende in delocalizzazione

Ordine del giorno Finale presentato al congresso provinciale del PRC di Pordenone

Il VI° Congresso Provinciale del PRC di Pordenone, riunitosi nella giornata del 20 Febbraio 2005, dopo aver fatto propri i tre ordini del giorno presentati in apertura dei lavori; ESPRIME Forte preoccupazione per la crisi del settore industriale che investe l’intera provincia dovuta ai processi di globalizzazione ed alle risposte miopi di chi privilegia la delocalizzazione a reali processi...

(24 Febbraio 2005)

Electrolux: tagli tra gli impiegati

L'annuncio lanciato dai vertici Electrolux sulle future strategie di delocalizzazione della multinazionale comincia a delinearsi in maniera più precisa. Per l'Italia le notizie più negative riguarderebbero il comparto del "freddo" e dei piani cottura con ulteriori "tagli" per gli stabilimenti di Susegana e di Forlì. Ma ci sarebbero alcune novità importanti anche per lo...

(20 Febbraio 2005)

articolo de Il Gazzettino

Solidarietà con gli operai della Thyssen-Krupp di Terni

Volantino distribuito alla manifestazione del 25 gennaio a Roma degli operai della Thyssen-krupp

Operai della Thyssen-Krupp di Terni Chi e che cosa costrinsero i padroni della Thyssen a sospendere la decisione di chiudere lo stabilimento? La forza. La reazione immediata degli operai. Non si aspettavano la pressione diretta sui dirigenti, bloccati ed in fuga, non avevano calcolato i colpi del presidio delle portinerie e nemmeno le grandi manifestazioni operaie per le vie di Terni. Sospesero...

(26 Gennaio 2005)

Associazione per la Liberazione degli Operai-Operai Contro

Rifondazione Comunista propone aumenti Irap per le imprese che delocalizzano

I consiglieri regionali di Rifondazione Comunista Maurizio Tosi e Pietrangelo Pettenò hanno presentato un emendamento alle legge regionale sui tributi, in discussione da oggi in Consiglio regionale, che prevede un aumento dell'aliquota Irap per le aziende che hanno delocalizzato all'estero parte delle proprie attività. La maggior imposizione regionale, secondo i proponenti, rappresenterebbe...

(24 Novembre 2004)

Solidarietà operaia: gli operai GM-Opel scioperano in tutta Europa.

Le proteste paralizzano la produzione della General Motors in Europa !

Il 19 ottobre scorso, gli operai della Opel hanno scioperato massicciamente in tutta Europa in solidarietà con gli operai tedeschi della GM-OPel, dove si teme che per il piano di ristrutturazione della GM, si perdano ben 100 mila posti di lavoro . Nella Fabbrica Opel di Bochum, dove giovedi scorso era partito uno 'sciopero selvaggio' di più di 6 mila operai, continua per il 6° giorno...

(21 Ottobre 2004)

Operai Contro-Aslo Roma

Sciopero selvaggio alla Opel di Bochum (Germania)

Ieri, 14 ottobre, alla Opel di Bochum, gli operai della casa General Motors hanno fermato la produzione con uno sciopero selvaggio contro il piano della GM di tagliare 12 mila posti di lavoro in Europa. I 9600 operai della della fabrica di Bochum, dove si costruisce l'Astra e la Zafira, hanno fermato il lavoro alle 15 del pomeriggio del 14 ottobre. Lo sciopero selvaggio e continuativo è...

(17 Ottobre 2004)

Operai Contro-aslo roma

General Motors: 12mila posti tagliati in europa

Il colosso Usa dell'auto General Motors taglierà 12 mila posti in Europa, circa un quinto del totale dei suoi addetti nel Vecchio Continente. Lo anticipano il Financial Times e la Frankfurter Allgemeine Zeitung, secondo i quali oltre la metà dei tagli sarà concentrata in Germania e in particolare alla Opel. In Germania sono due gli stabilimenti a rischio, a partire dal prossimo...

(16 Ottobre 2004)

Delocalizzarne uno per educarne cento

L’offensiva padronale dal Nordest italiano alla Germania

Nel mese di settembre i vertici aziendali Electrolux e Zoppas hanno confermato la loro intenzione di procedere con il piano di trasferimento della produzione. Electrolux prevede di trasferire in tre anni 300 mila lavatrici nella nuova fabbrica russa di San Pietroburgo, oltre 400 mila frigoriferi da Susegana in Ungheria e 300 mila essiccatori da Porcia in Polonia. Il tutto significa 500 posti di lavoro...

(10 Ottobre 2004)

il pane e le rose

Yale di Aprilia (LT): azienda salva, ritirati i licenziamenti.

E' stato siglato l'accordo al termine di un lungo confronto tra la provicia di Latina, la direzione della Yale e i sindacati, che blocca i 116 licenziamenti, e lo spostamento della produzione in Spagna e Cina. La Yale sembra che con questo accordo, rimarrà ad Aprilia, , investendo nello stesso termine in prodotti alternativi e innovativi. Che ha avuto in cambio la multinazionale inglese ? In...

(25 Settembre 2004)

operai contro-aslo roma

La ricetta della Yale per gli operai di Aprilia (Latina)

Delocalizzazione, flessibilità e licenziamenti

Dietro la ventilata chiusura della fabbrica e il licenziamento di 116 operai su 291 operai della multinazionale Yale che produce nello stabilimento di Aprilia (Latina), poi trasformati in questi ultimi giorni in richiesta di cassa integrazione per 116 operai, c'è la delocalizzazione. Questo significa che visto che il mercato italiano di lucchetti e serrature è 'maturo', cioè è...

(13 Settembre 2004)

redazione di Roma di Operai Contro-aslo Giornale operaio

Lavorare di più e prendere di meno: no grazie!

Meglio il plus-lavoro (assoluto) che il non lavoro?

In Germania (Siemens; DaimlerChrysler), in Francia (Bosch), in modo strisciante anche in Italia (Zoppas Electrolux), il padronato ha sferrato un attacco concentrico contro la classe operaia: o accettate di lavorare di più a parità di salario, o chiudiamo e trasferiamo gli stabilimenti all'estero, nei paesi dove gli operai accettano salari più bassi e condizioni di lavoro peggiori....

(28 Luglio 2004)

s.b.

Continua la guerra delle 40 ore pagate 35.

L'Attacco padronale e dei governi contro gli operai è massiccio

Accordo Bosch di Vènissieux: "A Vènissieux gli operai hanno deciso di lavorare di più senza aumenti salariali" L'accordo proposto dalla direzione comporta il passaggio alle 36 ore settimanali e uno stop agli aumenti salariali per tre anni. Questo è l'accordo concrtizzato dalla multinazioanle tedesca Bosch per 'mantere' l'attività in Francia e non delocalizzare nella...

(22 Luglio 2004)

M.P per operai contro -aslo Roma

Tassare le imprese che delocalizzano

Serve un intervento forte e drastico per scoraggiare la fuga delle imprese verso l’estero dove vanno a cercare meno stipendi, meno regole e più profitto. Le aziende che chiudono gli stabilimenti nel Veneto per aprire aziende nell’est europeo, in estremo oriente o in nord africa, per poi tornare a rivenderci i loro prodotti, devono essere penalizzate rispetto a quante invece fanno...

(22 Luglio 2004)

Nicola Atalmi Segretario regionale Comunisti Italiani

Tessitura Monti: delocalizzazione e licenziamenti

Intervista a Renato Marotto, RSU della tessitura Monti di Maserada

All’inizio del mese di Maggio la direzione della Tessitura Monti di Maserada (Treviso) ha comunicato ai lavoratori e ai sindacati il proprio piano di ristrutturazione che prevede la delocalizzazione in Repubblica Ceca e di conseguenza 208 “esuberi” nello stabilimento di Maserada. La risposta dei lavoratori è stata immediata e generale con un’adesione unanime allo sciopero...

(21 Luglio 2004)

Per un dibattito sulla 'fine' delle 35 ore in Germania e Francia e l'aumento dello sfruttamento

La risposta degli operai alla delocalizzazione e al ricatto della perdita del posto di lavoro, deve essere 'solo' quella di aumentarsi la giornata di lavoro senza aumenti salariali ? La situazione alla Siemens tedesca, dove qualche settimana fa i sindacati tedeschi hanno accettato la proposta ricattatoria di aumentare la giornata di lavoro da 35 a 40 senza aumento di salario (!!)per non chiudere...

(19 Luglio 2004)

Operai Contro-aslo Roma

"Ricostruzione" nei Balcani: InformEst gestira' sito informativo

notizia Ansa

Sara' Informest, l'Agenzia per lo sviluppo e la Cooperazione Economica Internazionale partecipata, dalle regioni Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, dalla Provincia autonoma di Trento, dall'Ice e da Unioncamere, a realizzare e a gestire il portale Balcani on-line. Si tratta del sito di riferimento per tutte le iniziative concernenti la legge 84 del 2001 i cui fondi vedono tra i maggiori...

(16 Luglio 2004)

(ANSA) - GORIZIA, 23 GIU

Quel viaggio dall'ovest all'est alla ricerca del lavoro delocalizzato

Storie dell'altra Europa: Saint-Avold (Mosella) e Jelez (Polonia) - articolo di Liberazione

E' un po' pazzesco ma incoraggiante il viaggio che hanno affrontato la settimana scorsa i lavoratori della fabbrica Renol di Saint-Avold: hanno attraversato la Germania in autobus, per andare a incontrarsi, solo per poche ore, con i lavoratori polacchi che lavorano nello stesso gruppo, che produce cerchioni per automobili. I 170 dipendenti della Ronal-France si battono da due mesi contro la chiusura...

(13 Luglio 2004)

Fanny Domayrou L'Humanité, (23-6-2004) (Traduzione dal francese di Titti Pierini)

La delocalizzazione nel mondo

una pratica globale e in costante aumento (articolo di Liberazione)

La delocalizzazione delle imprese all'estero non è un fenomeno nuovo né provinciale. E' un modo di concepire l'impresa diffuso e in costante espansione. Soprattutto negli ultimi 10 anni e soprattutto nell'area Europea, delocalizzare la produzione sembra essere diventata una parola d'ordine. E se gli Stati Uniti hanno sempre avuto specialmente il Messico come territorio prelibato di caccia,...

(12 Luglio 2004)

AM (da Liberazione del 25 giugno)

Il Nordest e il suo Oriente. Migranti, capitali e azioni umanitarie

un libro di Devi Sacchetto

Il volume indaga sul campo le vicende del Kosovo e della Romania e le loro conseguenze nel Veneto, la regione che più di altre ne ha raccolti i frutti. Nel caso del Kosovo l'autore documenta sia i prodromi del conflitto sia gli esiti migratori del dopoguerra. In Romania, anche se il passaggio è stato meno cruento, la politica della "porta aperta" ha provocato un'irruzione di capitali...

(17 Giugno 2004)

Operai terroristi?

Turchia, stabilmento della Pirelli.

Il sindacato nazionale dei lavoratori che producono pneumatici, Lastik-IS, aveva indetto uno sciopero nazionale a cominciare da questa settimana per protestare contro la diminuzione dei salari e delle condizioni di lavoro nelle fabbriche di pneumatici, tra cui la pirelli. Il 21 marzo scorso, le autorità turche hanno applicato un decreto governativo firmato dal primo ministro Recep Erdogan,...

(30 Marzo 2004)

Operai contro-aslo roma

<<    | 1 | 2 | 3 |    >>

56005