il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Operai contro-aslo

(662 notizie - pagina 1 di 34)

LE LOTTE SONO LA SCUOLA DI GUERRA DEGLI OPERAI

sono molte le lotte degli operai per difendere il loro salario e difendersi dai licenziamenti. Spesso gli operai lottano pur sapendo che non potranno vincere. Engels, tra il 1841 e il 1845, aveva scritto un’importante opera “La situazione della classe operaia in Inghilterra”, nella quale spiega la necessità dell’associazione degli operai in difesa del loro salario:...

(22 Luglio 2017)

operaicontro.it

La Fiom di Re David: contrattazione e conflitto democratico?

Redazione di operai contro, l’erede di Landini alla direzione della FIOM riconferma che i dirigenti sindacali della FIOM sono sempre al servizio dei padroni. Vi invio alcune affermazioni dell’erede di Landini. – A partire da fine anni ’90, la legislazione del lavoro è andata tutta in quella direzione, all’insegna della precarizzazione del lavoro”. Un ritornello...

(20 Luglio 2017)

operaicontro.it


in: «Dove và la CGIL?»

ALITALIA: I LAVORATORI DICONO NO ALL'ACCORDO SINDACATI-PADRONI-GOVERNO

Redazione di Operai Contro, I lavoratori di Alitalia hanno detto NO all’accordo, sindacati-governo-padroni, per il salvataggio dei profitti dei padroni sulle spalle dei lavoratori. Il “NO” vince nettamente, affermandosi con 6.816 voti, contro 3.206 sì, vale a dire con il 67%. Questa volta i sindacalisti non hanno potuto fare imbrogli. Ricordiamo cosa prevedeva l’accordo...

(25 Aprile 2017)

operaicontro.it


in: «Lavoratori di troppo»

Operai e referendum costituzionale

A noi operai interessa solo battere l’uomo dei licenziamenti liberi, per questa ragione, al referendum, votiamo No Non abbiamo nessun interesse a difendere la Costituzione, la Costituzione è la più bella del mondo perché è riuscita ad essere la base reale della Repubblica dei padroni e presentarsi come la Costituzione della Repubblica fondata sul lavoro. Così...

(15 Settembre 2016)

operaicontro.it


in: «"Terza Repubblica"»

NELL’INTERESSE DEGLI OPERAI IL 17 APRILE ANDIAMO A VOTARE E VOTIAMO SI

Alle elezioni politiche ed amministrative, finché non c’è un partito operaio la nostra scelta è disertare le urne, non partecipare a scegliere quale borghese ci dovrà ancora rapinare ed opprimere. Con questo referendum possiamo invece manifestare la nostra protesta, sappiamo che è solo una protesta formale, con un’urna e una scheda, ma è una occasione...

(14 Aprile 2016)

operaicontro.it


in: «Il saccheggio del territorio»

Taranto, operaio muore all’Ilva

Redazione di Operai Contro, la strage di operai continua all’ilva di Taranto. Un operaio di una ditta appaltatrice, la Pitrelli, ha perso la vita schiacciato da un grosso tubo mentre lavorava all’interno dello stabilimento, in particolare nell’area di agglomerazione dell’acciaieria. L’uomo, Cosimo Martucci, 49 anni di Massafra, è rimasto ucciso sul colpo. Sembra...

(17 Novembre 2015)

operaicontro.it


in: «Di lavoro si muore»

Opportunismo

La guerra avanza, quali sono le classi che possono opporsi incisivamente alla competizione tra padroni? Stiamo comodi davanti alla televisione, navighiamo liberamente su internet, siamo connessi col mondo intero e sappiamo bene che in questo preciso istante aerei USA bombardano città, aerei russi radono al suolo quartieri di Aleppo, il governo italiano si prepara ad usare i suoi caccia per ritagliarsi...

(16 Ottobre 2015)

Partito Operaio


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

SOLIDARIETA’ DEGLI OPERAI DELL’INNSE AI LAVORATORI DELLA SCALA

Solidarietà ai lavoratori della scala contro il lavoro il primo maggio L’assemblea generale dei lavoratori della scala iscritti alla CGIL ha deciso che il primo maggio non lavorerà. E’ un loro diritto. Sulla possibilità di astenersi dal lavoro e di manifestare il primo maggio si misura la libertà e l’indipendenza degli operai e dei lavoratori di tutto...

(14 Febbraio 2015)

operaicontro.it

FICIARA’ DEVE TORNARE AL SUO POSTO DI LAVORO

Francesco Ficiarà operaio Fiat, licenziato per discriminazione deve tornare al suo posto di lavoro. Ficiarà è un operaio ribelle, ha coscienza di essere uno schiavo che lavora per far arricchire il suo padrone e resiste ad ogni sopruso. La Fiat poteva licenziarlo per questo motivo? Avrebbe calpestato le stesse leggi costituzionali che prevedono libertà di espressione...

(9 Giugno 2014)

operaicontro.it


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

Operai Fiat: su la guardia

“Renzi ha detto esattamente quello che volevo sentire”. E’ il commento di Marchionne in prima fila al Festival dell’Economia di Trento, ad ascoltare Renzi, un discorso apprezzato dal il numero uno di Fiat Chrysler che aggiunge: “Vorrei che quello che abbiamo sentito oggi dal presidente Renzi si facesse”. Poi mette in agenda – a settembre – una visita...

(2 Giugno 2014)

operaicontro.it


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

Francesco Strikes back again!!!

Francesco è operaio saldatore della fiat trattori(cnh) Modena, in forza dal 1994. Francesco Ficiarà è un operaio combattivo e un militante dell'Aslo, associazione per la liberazione degli operai. Francesco si è distinto in molteplici lotte contro lo sfruttamento nella sua fabbrica, e nel territorio modenese. Si sono organizzate tante lotte non solo per il salario, ma per...

(16 Marzo 2014)

operaicontro.it


in: «Licenziamenti politici»

FOGGIA, IL SOTTOSALARIO DEI BRACCIANTI

Redazione di Operai Contro, Autoctoni e migranti braccianti sono uguali in Capitanata in fatto di sottosalario. Il sottosalario continua a rappresentare il 50% del salario contrattuale per tutte le categorie di lavoratori, che siano migranti o autoctoni. I padroni delle campagne come i padroni delle fabbriche conoscono un ‘unica legge: diminuire il salario. Sindacati, amministratori locali,sono...

(2 Marzo 2014)

operaicontro.it


in: «L'unico straniero è il capitalismo»

Askoll di Asti, continua il presidio degli operai

Continua il presidio ai cancelli della fabbrica di Castell’Alfero in provincia di Asti da parte dei 220 dipendenti tra operai e impiegati, sono decisi a non permettere alla dirigenza del gruppo Askoll di raggiungere il proprio obbiettivo : spostare la fabbrica altrove. Gli operai sono fortemente preoccupati perché la proprietà vicentina durante l’incontro tenuto ieri mattina...

(20 Febbraio 2014)

operaicontro.it


in: «Lavoratori di troppo»

Chi tocca muore

Caro Operai Contro Tale Antonella Baccaro afferma oggi sul Corriere: “Cremaschi ieri ha indossato una casacca non sua e ha fatto irruzione probabilmente pensando che il fatto di essere minoranza, dia diritto a esprimersi in qualsiasi sede”. Per la Baccaro la minoranza può esprimersi solo se lo vuole la Camusso. Così la “maggioranza” senza confrontarsi con...

(15 Febbraio 2014)

operaicontro.it


in: «Dove và la CGIL?»

Fiat Cnh Modena: sciopero per l'intera giornata nei giorni 15 e 22 febbraio

La Direzione Fiat cnh Modena pretende come sabati di lavoro straordinario comandato i giorni 15 febbraio e 22 febbraio 2014, continuando a sfruttare e vessare gli operai che si spaccano la schiena tutto l’anno, "ricompensa" gli operai con una paga da fame, senza nessun premio di produzione già decurtato nel ccsl. Si da' il caso che nel mese di febbraio altri 11 lavoratori interinali sono...

(12 Febbraio 2014)

Gruppo di Operai FIAT CNH di Modena & U.S.I sez. Modena


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

DELLA SERIE LA RIPRESA E’ INIZIATA

Redazione di Operai Contro, hai ragione gli idioti e i gangster ripetono che la ripresa è iniziata. ieri la Borsa di Tokyo è crollata per i timori sul rallentamento delle economie di Usa,Cina ed Eurozona e chiude a -4,18%: l’indice Nikkei, anche in scia alle turbolenze in corso sulle economie emergenti e al rapido rafforzamento dello yen, brucia 610,66 punti e si attesta a quota...

(4 Febbraio 2014)

operaicontro.it


in: «Il capitalismo è crisi»

Lecco: siglata la mobilità per gli 85 della Leuci

Redazione di Operai Contro, E’ stato sottoscritto nella giornata di giovedì 30 gennaio, l’accordo per la mobilità degli 85 lavoratori della Leuci, azienda lecchese un tempo leader nel settore dell’illuminazione. Si chiude dunque con un licenziamento la loro “storia” lavorativa, per alcuni avviata negli anni Settanta quando i dipendenti attivi erano alcune...

(1 Febbraio 2014)

operaicontro.it


in: «Lavoratori di troppo»

Il Brasile non fa più gol.

Egregio Direttore. Il Brasile non fa più gol. Il calcio non funziona più come “sfogatotio”, deterrente alla ribellione per gli strati sociali sfruttati e poveri. Lo sperpero di ingenti somme di denaro per i mondiali di calcio, programmati quest’anno in Brasile, hanno scatenato l’ira tra la gente delle favelas, che insieme agli operai e altre fasce sono tornate...

(26 Gennaio 2014)

operaicontro.it


in: «Brasile in rivolta»

FIAT SATA DI MELFI

Redazione di Operai Contro, voglio denunciare quanto sta accadendo negli ultimi mesi, forse anno, all’interno dello stabilimento FIAT di San Nicola di Melfi. con la scusa della crisi e con le voci che si sono sussurrate “ad alta voce” su una eventuale comunicazione di esuberi, obbligano operai e impiegati ad andare a lavorare senza timbrare ed in regime di cassa integrazione straordinaria,...

(20 Gennaio 2014)

operaicontro.it


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

la multinazionale Micron taglierà la metà del personale in Italia”: 500 licenziati

Redazione di operai Contro, A rischio ci sono circa 500 posti di lavoro nel settore dell’elettronica in Italia. La multinazionale statunitense Micron Technologies, si appresta a dichiarare un numero di esuberi pari al 50% del personale in attività in Italia. “Micron ha deliberato il taglio del 5% del personale a livello globale“, spiega Giuseppe Puliafito, della Rsu della...

(19 Gennaio 2014)

operaicontro.it


in: «Lavoratori di troppo»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

107530