il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB

Associazione marxista rivoluzionaria PROGETTO COMUNISTA - sinistra del PRC

(331 notizie - pagina 5 di 17)

Foibe: revisionismo storico anche a Cesena

Alleghiamo di seguito l'ordine del giorno, relativo all’atteggiamento revisionista in tema di foibe assunto dalla cosiddetta sinistra italiana, che noi della mozione 3 (Mozione Associazione marxista rivoluzionaria Progetto Comunista) abbiamo presentato al VI Congresso del PRC nella federazione di Cesena (FC) il 13.02.2005. L’odg è stato votato solo dai compagni di progetto comunista...

(25 Febbraio 2005)

Associazione marxista rivoluzionaria Progetto Comunista - collettivo di Cesena-Forlì


in: «Operazione foibe»

Perché la sinistra critica non mi convince

La scelta che siamo chiamati a esprimere in questo congresso dev’essere netta: sostegno od opposizione a un eventuale Prodi-bis. Non per un’astratta rigidità “ideologica”, ma perché non esiste – a mio avviso – uno spazio politico intermedio. E’ fuori della realtà rilanciare - come fa la Sinistra Critica - un accordo politico-elettorale...

(21 Febbraio 2005)

Marco Veruggio


in: «VI° Congresso PRC»

Regionali: un Prc subalterno alla Gad e ai suoi candidati confindustriali

Il rito primaverile delle elezioni non mancherà nemmeno quest’anno, sarà tutt’altro che irrilevante ai fini politici nazionali poiché porterà al voto 14 delle 15 regioni a statuto ordinario e sarà l’ultimo test prima delle elezioni politiche. Rifondazione si presenterà alleata della Gad, o addirittura come parte del centrosinistra in Emilia,...

(21 Febbraio 2005)

Michele Terra - Comitato Politico Nazionale PRC


in: «Elezioni regionali aprile 2005»

La differenza tra una forza comunista e l’ulivo

Questo nostro VI° Congresso assume una valenza del tutto straordinaria per le questioni che pone sul tappeto, dal giudizio sulla violenza-guerra, al problema dell’alleanza di governo come parte integrante della GAD. In una parola, le posizioni del 1° documento evidenziano la volontà di liquidare politicamente ogni prospettiva anticapitalista e di classe in questo Paese, trasformando...

(21 Febbraio 2005)

Vito Bisceglie (Comitato Politico Nazionale PRC)


in: «VI° Congresso PRC»

Bastoni, paletti e puntelli o alternativa di classe?

Rina Gagliardi ha così riassunto l'orizzonte della mozione 1 (Liberazione, 22/12/04): costruire un "compromesso sociale e politico con la borghesia 'perbene' che riesca davvero a conciliare interessi sociali e di classe divergenti." Non si tratta di un'idea novissima visto che Marx già nel 1875 criticava questa illusione bollandola sprezzantemente: "invece della lotta contro il governo...

(21 Febbraio 2005)

Francesco Ricci


in: «VI° Congresso PRC»

Garantire l’opposizione comunista

“Il governo di centrodestra avrebbe potuto per tempo incardinare un piano di dismissioni di Enel, Finmeccanica, Fincantieri, Alitalia. Privatizzazioni che farebbero bene alle aziende e ai conti del Paese”. Queste parole non escono dalla bocca di qualche berlusconiano, ma sono state pronunciate da Illy, esponente di spicco del centrosinistra e presidente della giunta del Friuli (sostenuta...

(21 Febbraio 2005)

Fabiana Stefanoni (Coordinamento nazionale Giovani Comunisti)


in: «VI° Congresso PRC»

No alla concertazione sindacale e politica

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

La mozione n.3 si rivolge, coerentemente con il suo intero impianto, ai compagni e alle compagne che militano nei sindacati indicando loro che “la proposta del polo autonomo di classe anticapitalistico, opportunamente articolata sul piano sindacale, deve divenire il terreno d’unificazione dell’azione dei militanti del Prc, ovunque collocati sindacalmente”. Diventa, infatti,...

(5 Febbraio 2005)

Patrizia Cammarata (Rdb Cub, componente Rsu Comune di Vicenza)


in: «VI° Congresso PRC»

Per una nuova stagione di lotte operaie, fuori dalla gabbia concertativa della GAD

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

I poteri forti di questo Paese, le grandi banche e le concentrazioni finanziarie, preferiscono un governo di centrosinistra (la Gad), un’alleanza tra liberali (maggioranza Ds e Margherita) e sinistra politica (sinistra Ds, Pdci, Prc), perché, come l’esperienza del primo governo Prodi ha dimostrato, solo così possono imporre politiche antioperaie e antipopolari con la collaborazione...

(5 Febbraio 2005)

Francesco Doro Direttivo regionale Fiom Cgil Veneto Enrico Pellegrini Direttivo regionale Filcams Cgil Veneto Stefano Fontana Direttivo provinciale Fiom Cgil Padova


in: «VI° Congresso PRC»

Una prospettiva strategica di alternanza in quattro documenti su cinque

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

Per i suoi contenuti il VI congresso assume connotati straordinari, poiché la prospettiva avanzata da Bertinotti (alleanza programmatica col centrosinistra e ministri in un futuro governo Prodi bis) mette in discussione la ragione sociale dell’esistenza del Prc e la stessa sopravvivenza di un’opposizione di classe in Italia. Questa prospettiva, in definitiva, riflette, aldilà...

(5 Febbraio 2005)

Ruggero Mantovani


in: «VI° Congresso PRC»

Partito con una massa di tesserati o partito di attivisti con influenza di massa?

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

La polemica sulla questione del tesseramento rimanda ad aspetti più generali. Non è la prima volta che alla vigilia di un congresso il numero dei tesserati al partito è incrementato in maniera "non spontanea", né si può negare che, oggi o in passato, alcune delle attuali minoranze abbiano utilizzato, a volte, questa forma di "crescita" a proprio vantaggio (siamo...

(5 Febbraio 2005)

Franco Grisolia Francesco Ricci (rappresentanti della mozione 3 nella Commissione nazionale per il congresso)


in: «VI° Congresso PRC»

Liguria: la candidatura di Claudio Burlando è espressione degli interessi materiali degli industriali

Ordine del giorno presentato da Progetto Comunista al Comitato Politico Regionale della Liguria

La candidatura di Claudio Burlando come presidente della Regione Liguria si conferma come l’espressione degli interessi materiali degli industriali, dei terminalisti e delle lobbies politico-finanziarie della nostra regione. Il confronto politico-programmatico tra il Prc e la Gad ligure non solo non ha “spostato a sinistra” l’asse politico di quest’ultima, ma ha confermato...

(4 Febbraio 2005)


in: «Elezioni regionali aprile 2005»

Veneto: Non sarà l’imprenditore Carraro a organizzare la resistenza dei lavoratori

Ordine del giorno presentato da Progetto Comunista al Comitato Politico Federale di Venezia (27 gennaio)

Il Comitato Politico Federale di Venezia, per le elezioni regionali e comunali, considera i candidati sia del centro liberale (maggioranza Ds, Margherita) così come i candidati del centrodestra, espressione del blocco borghese dominante. L'alleanza delle forze della sinistra politica (sinistra DS, Pdci, Prc) con il centro liberale necessariamente comporta la subordinazione degli interessi...

(4 Febbraio 2005)


in: «Elezioni regionali aprile 2005»

La vera lezione delle primarie in puglia

La vittoria di Vendola nelle primarie pugliesi è e sarà ampiamente utilizzata dal segretario del partito e nei congressi come riprova della “giustezza della linea” e del suo carattere vincente. L’ampia eco mediatica del caso, le difficoltà dei Ds, le strumentalizzazioni propagandistiche della destra (“La Gad in mano ai comunisti”) daranno una certa...

(25 Gennaio 2005)

Marco Ferrando


in: «Primarie, bipolarismo e maggioritario»

Unire la sinistra, rompere col centro

Intervento all'Assemblea nazionale del 15 gennaio promossa dal Manifesto

La grande importanza di questa nostra assemblea sta nel fatto di unire in un comune confronto la sinistra sociale e politica di questo paese. Un insieme di forze diverse, espressioni di diverse tradizioni, culture, orientamenti, ma accomunate da un fatto prezioso: l'aver difeso, nonostante tutto, dentro la svolta d’epoca internazionale e nazionale degli anni ‘90 un'appartenenza di campo;...

(24 Gennaio 2005)

Marco Ferrando


in: «Dove va Rifondazione Comunista?»

E' uscito Progetto Comunista gennaio - febbraio 2005 - n. 10 nuova serie

giornale dell'Associazione marxista rivoluzionaria Progetto comunista sinistra del PRC

IL SOMMARIO VI Congresso del PRC e situazione politica italiana PRODI E D’ALEMA “VOTANO … BERTINOTTI” di Marco Ferrando SPECIALE Verso il VI Congresso del Prc VI congresso Prc, cinque documenti SOLO PROGETTO COMUNISTA PER L'OPPOSIZIONE DI CLASSE, PER UN GOVERNO DEI LAVORATORI di Francesco Ricci I mozione (Bertinotti) AL GOVERNO NEL CAPITALISMO: SENZA SE E SENZA MA di Francesco...

(21 Gennaio 2005)

La vittoria di Nichi Vendola in Puglia

una domanda di sinistra ingabbiata nella GAD

La vittoria del compagno Nichi Vendola nelle “primarie” pugliesi contro un esponente de la Margherita riflette la positiva diffidenza e ostilità di larga parte del popolo della sinistra verso il centro liberale dell’Ulivo e i suoi stati maggiori. Purtroppo sono gli stessi stati maggiori liberali – Prodi e Rutelli in testa – con cui la maggioranza dirigente del...

(19 Gennaio 2005)

MARCO FERRANDO


in: «Elezioni regionali aprile 2005»

Altro che “paletti programmatici”: il centrosinistra rappresenta il programma di un’altra classe

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

Oggetto vero del nostro dibattito è senza dubbio la questione del governo e delle alleanze. Interventi precedenti in questa tribuna hanno evidenziato le ragioni che, a partire da un bilancio critico, dovrebbero condurre il partito ad una scelta diametralmente opposta a quella della collaborazione col centrosinistra, che conduca piuttosto a una ricollocazione forte centrata sull’opposizione...

(18 Gennaio 2005)

Luca Belà


in: «VI° Congresso PRC»

O alternativa coi lavoratori o alternanza con Prodi-Montezemolo

(dalla tribuna congressuale di Liberazione)

L’entrata nella GAD e la prospettiva di un accordo programmatico con ministri in un futuro governo Prodi sarebbe per il PRC l’accettazione di un orizzonte di riforma in senso antiliberista della società capitalistica, come unica possibile scelta “realistica” per l’oggi. Il secondo ed il quarto documento pur contrapponendosi “criticamente” alle tesi...

(18 Gennaio 2005)

Maria Pia Gigli (Comitato Politico Nazionale)


in: «VI° Congresso PRC»

Un documento senza argomenti

VI° congresso PRC: critica delle Tesi di maggioranza

Già nell'avvio del dibattito congressuale abbiamo notato che alla fin fine gli argomenti con cui vengono sostenute le tesi di maggioranza sono pochi e ricorrenti. Ci pare utile provare a riassumerli qui schematicamente, per fornire alcune brevissime risposte. I dirigenti di maggioranza dicono: Il centrosinistra è cambiato, sotto la spinta dei movimenti. Grazie a questo nuovo quadro,...

(17 Gennaio 2005)

Francesco Ricci


in: «VI° Congresso PRC»

Al governo nel capitalismo: ma restando in anticamera

VI° congresso PRC: critica della IVª mozione (Malabarba)

Anche per il IV documento congressuale denominato “Un’altra Rifondazione è possibile”, “l’accordo programmatico di governo” rappresenta, indubbiamente, la proposta centrale del nostro VI congresso. Accomuna i sostenitori del testo, si afferma, “una diversa proposta nel rapporto col centrosinistra”, poiché quest’ultimo, per quanto...

(17 Gennaio 2005)

Ruggero Mantovani


in: «VI° Congresso PRC»

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

80118