il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB

Luisa Morgantini

(42 notizie - pagina 2 di 3)

I Palestinesi a Gaza chiusi in gabbia

L'UE intimi a Israele di rispettare gli accordi e si riapra il valico di Rafah

Gaza e' teatro non solo della drammatica emergenza umanitaria, ma di un attacco militare israeliano´senza precedenti, dove ogni giorno trovano la morte bambini e civili. Una vergogna e un crimine la cui responsabilita' va, oltre che al governo israeliano nel suo insieme e ad un ministro laburista Amir Peretz -che prima di essere eletto sosteneva che "l'occupazione militare israeliana e' un'onta...

(23 Giugno 2006)

Luisa Morgantini (GUE/NGL) Presidente della Commissione Sviluppo al Parlamento Europeo


in: «Palestina occupata»

L’Unione Europea rischia di tramutare la crisi in palestina in una catastrofe

“La crisi in Palestina rischia di tramutarsi in una catastrofe a causa della decisione presa dall’Unione Europea di sospendere i finanziamenti all’Autorità palestinese”, ha avvertito oggi da Gerusalemme un gruppo di deputati al Parlamento Europeo di diversi schieramenti politici. I sette europarlamentari, i primi politici ad incontrarsi con i neo-eletti rappresentanti...

(16 Aprile 2006)

Luisa Morgantini, GUE/NGL, Presidente della Commissione Sviluppo al Parlamento Europeo


in: «Siamo tutti palestinesi»

Intervista a Maryem Mahmoud Saleh

Deputata del Palestinian Legislative Council, eletta con la lista Change and Reform (Hamas)

Care tutte e tutti, vi invio una intervista a Maryem Mahmoud Saleh, parlamentare palestinese eletta nelle liste di Change and Reform (Hamas) e presentata da Ismail Haniye nel nuovo governo palestinese come Women's affair Minister. Dovrebbe sostituire Zahira Kamal. L'intervista è stata un po' difficile perchè Mariam parla arabo e pochissimo inglese. Ho chiesto percio' a Mary Kozhaya, una...

(23 Marzo 2006)

a cura di Luisa Morgantini e Francesca Cutarelli


in: «Palestina occupata»

Europa-israele: basta due pesi e due misure

E’ tempo di dire con nettezza al governo israeliano che non può impunemente restare al di fuori di ogni legalità internazionale ma soprattutto al di fuori di ogni moralità. Oggi alla manifestazione contro la guerra lo diranno anche i soldati israeliani che insieme a ex prigionieri palestinesi hanno formato il gruppo “combattenti per la pace”: si rifiutano di...

(22 Marzo 2006)

Luisa Morgantini


in: «Siamo tutti palestinesi»

L'assalto al carcere di Gerico e' uno scandalo: Israele fermi subito il vortice di violenze

"L'escalation di violenze cui stiamo assistendo oggi con l'assalto al carcere di Gerico da parte dell'esercito israeliano è scandaloso. Israele in modo cinico e brutale continua a far uso della forza per entrare nei Territori Palestinesi, per uccidere, per brutalizzare, violare ogni tipo di legalità. Questa volta l'esercito israeliano non ha neanche la scusa di rispondere ad un attentato....

(14 Marzo 2006)

Luisa Morgantini, MEP GUE/NGL, Presidente della Commissione Sviluppo al Parlamento Europeo


in: «Palestina occupata»

La Palestina e' sull'orlo del collasso, Israele restituisca i soldi all'Anp

"La Palestina è sull'orlo di un collasso finanziario. Non possiamo far finta di non vedere. Mentre tutti i media parlano ancora di "blocco" dei fondi da parte di Israele nei confronti dell'ANP e in realtà si tratta di un vero e proprio furto di denaro, in quanto i soldi che il governo israeliano ha bloccato come ritorsione per la vittoria di Hamas alle ultime elezioni -tra l'altro tenutesi...

(2 Marzo 2006)

Luisa Morgantini, Presidente Commisione Sviluppo del Parlamento Europeo del gruppo GUE-NGL. - Donne in Nero e Associazione per la pace


in: «Siamo tutti palestinesi»

La distruzione della memoria

Il "museo della tolleranza" in costruzione a Gerusalemme, distrugge l'antico cimitero mussulmano!

E' del 9 febbraio, l'articolo di Donald Macintyre sul Guardian in cui si rende pubblica l'intenzione del governo israeliano di costruire il "Museo della tolleranza" del centro Simon Wiesenthal proprio sopra l'antico cimitero mussulmano di Gerusalemme. Evidentemente sarà un museo, ma non certo della tolleranza, visto che arbitrariamente si stanno già dissotterrando gli scheletri. Cosa...

(11 Febbraio 2006)

Luisa Morgantini


in: «Palestina occupata»

Ecco perchè ha vinto Hamas

La travolgente vittoria di Hamas alle elezioni palestinesi era da lungo tempo annunciata. E’ un terremoto politico ed una trasformazione, per ora nella massima legalità, del Movimento di Liberazione della Palestina. L’Olp non è più l’unico e legittimo rappresentante del popolo palestinese. Hamas, che non ha mai fatto parte dell’Olp, è stato eletto...

(2 Febbraio 2006)

Luisa Morgantini


in: «Palestina occupata»

Tookie Williams è stato giustiziato alle 9 e 35 di questa mattina nel carcere di Saint Quentin.

Un'altra morte che pesa sulle nostre coscienze

Tookie Williams, il 51enne ex leader della gang dei Crips, condannato a morte nel 1981 per l'uccisione di quattro persone, era riuscito a riscattarsi nei 24 anni trascorsi nel braccio della morte, scrivendo libri educativi per l'infanzia, facendosi paladino della lotta alla criminalità giovanile e finendo addirittura per essere candidato sei volte ai premi Nobel, per la Pace o per la Letteratura. Tutto...

(14 Dicembre 2005)

LUISA MORGANTINI, presidente della Commissione Sviluppo del Parlamento Europeo

Umm Salim è morta a Ramallah

Care tutte e tutti, Umm Salim, madre di Salim in arabo, è morta a Ramallah, oggi vi saranno i funerali. Aveva 94 anni. Il suo nome era Mary Jabaj, nata a Jaffa in Palestina, oggi Israele. Profuga e tanto altro. Avrebbe voluto essere sepolta nella tomba di famiglia, nel cimitero cristiano di Jaffa, il suo corpo resterà invece a Ramallah. Molti anni fa, quando ancora i palestinesi della...

(1 Novembre 2005)

Luisa Morgantini


in: «Siamo tutti palestinesi»

Paradise Now, un film di Hani Abu Assad

Io cerco di raccontarvelo, voi però andate a vederlo

Paradise Now è un vero film. Intenso, pieno di comprensione e compassione, non giudica anche se la sua scelta è chiara, non dà soluzioni, esprime contraddizioni, dice della profondità dei personaggi ma paga lo scotto della (forse) necessità di colloqui a volte didascalici. E’ la storia di due giovani amici d’infanzia palestinesi, nati in un campo profughi...

(30 Ottobre 2005)

Luisa Morgantini


in: «Siamo tutti palestinesi»

Solidarietà al sindaco di Marano di Napoli

dopo le proteste per aver dedicato una strada del comune a Yasser Arafat

Care tutte e tutti, vi inoltro la lettera di solidarietà che ho scritto al sindaco di Marano di Napoli dopo la valanga di proteste, compresa quella dell'ambasciatore israeliano in Italia, che gli sono piovute addosso per aver dedicato una strada del suo comune a Yasser Arafat. Girandovela vi invito fortemente a scrivere lettere di solidarietà ai seguenti indirizzi: posta@comunemarano.na.it...

(20 Ottobre 2005)

Luisa Morgantini Presidente Commissione Sviluppo


in: «Siamo tutti palestinesi»

Un Referendum per la messa al bando del commercio di armi da fuoco in Brasile

Domenica 23 ottobre la non violenza sarà concretamente in cammino tra le strade del Brasile, tra la sua gente e la sua terra. Sarà una domenica importante, una domenica di referendum nella quale la società civile brasiliana sarà chiamata a decidere se proibire o meno il commercio di armi da fuoco. Potrebbe anche non passare, l'uso delle armi e della forza fa parte di una...

(19 Ottobre 2005)

Luisa Morgantini

Cisgiordania: i coloni lasciano, i morti restano

A casa di Usama e Bassam Tawasha, due palestinesi assassinati proprio durante i giorni dell'evacuazione ebrea da Gaza. Poi violenze e soprusi su Samikh, Munjed, Aziz, Hani Asher, il colono killer, i due fratelli lo conoscevano da dieci anni. La famiglia dei palestinesi accusa: nessuna follia, azione concertata. Il lavoro di Yeshdin, una associazione di attivisti e avvocati che in Israele si occupa...

(3 Settembre 2005)

Luisa Morgantini Parlamentare europea, gruppo Gue


in: «Siamo tutti palestinesi»

Israele ha iniziato la demolizione di 88 case a Gerusalemme Est

Israele ha iniziato la demolizione di 88 edifici che lasceranno per l'ennesima volta 1000 palestinesi senza una casa, senza la loro terra, nei pressi di Gerusalemme Est. Il progetto del governo israeliano è quello di fare un parco sul terreno del migliaio di palestinesi che da sempre hanno abitato nel villagio di Silwan nel cuore della Gerusalemme Est occupata. Oggi alle cinque era stata indetta...

(31 Maggio 2005)

Luisa Morgantini


in: «Siamo tutti palestinesi»

Quando Gerusalemme fu lasciata da sola

Le mire di Sharon sulla città con i negoziati alle porte. Per non ripetere Oslo il mondo deve impegnarsi

Si sta commettendo lo stesso errore che avvenne dopo la firma degli accordi di Oslo. Fingere di non vedere che le azioni quotidiane del governo Sharon vanno in direzione opposta alla costruzione di uno Stato palestinese sovrano e indipendente che possa coesistere con lo Stato israeliano. E' strano, perché Sharon afferma continuamente che non ci sarà uno Stato palestinese sovrano e indipendente,...

(5 Febbraio 2005)

Luisa Morgantini (Liberazione, 3 febbraio 2005)


in: «Siamo tutti palestinesi»

Sul rapimento di Giuliana Sgrena

Giuliana Sgrena non è una giornalista d'assalto, non vuole "scoop", lavora in profondità e racconta la quotidianità degli orrori delle guerre e delle violenze, ma anche la speranza e le azioni di tante donne e uomini che ogni giorno resistono e continuano a lavorare, ad andare a scuola. Va in luoghi difficili, ma non è mai stata "irresponsabile". Il suo non è solo...

(5 Febbraio 2005)

Luisa Morgantini Parlamentare Europea Donne in Nero Associazione per la pace Roma


in: «Iraq occupato»

Tali Fahima, ebrea israeliana, in carcere per amore di giustizia

Il nome di Tali Fahima é divenuto noto in Israele. Tali, 26 anni, di madre algerina, ebrea Israeliana, dal 9 Agosto scorso, è in detenzione amministrativa (incarcerata senza accuse formali e senza condanna). Secondo i suoi difensori è il primo caso di detenzione amministrativa di una cittadina ebrea israeliana. Cresciuta a Kiryat-Gat, una città d'immigrati orientali ai...

(22 Dicembre 2004)

Luisa Morgantini


in: «Siamo tutti palestinesi»

Quali elezioni libere in ¨Palestina se l'esercito israeliano picchia i candidati?

Luisa Morgantini, Presidente della Commissione Sviluppo del Parlamento Europeo, ha dichiarato che ciò che è accaduto ieri a Mustapha Barghouti - picchiato dai soldati israeliani - è un "atto gravissimo". Il candidato alle prossime presidenziali del 9 gennaio, leader del movimento democratico El Mubadara, è stato fermato ad un check point di Jaba, tra Jenin e Nablus, con...

(10 Dicembre 2004)


in: «Siamo tutti palestinesi»

Le elezioni per il presidente in Palestina

Le elezioni presidenziali sono fissate per il 9 gennaio 2005. Come dichiarato da un membro della Commissione Elettorale Centrale, il 1 Dicembre, é stato l'ultimo giorno utile per raccogliere le candidature. Se precedentemente era stato annunciato che il 4 sarebbe stata resa pubblica la lista preliminare dei candidati, invece già ieri 2 Dicembre la Commissione in una conferenza stampa...

(7 Dicembre 2004)

Luisa Morgantini


in: «Palestina occupata»

<<    | 1 | 2 | 3 |    >>

35504