il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Robert Fisk

(4 notizie - pagina 1 di 1)

A Israele conviene non dimenticare l’Iran nucleare

Iran: le bugie e le minacce israeliane

Definire un fatto è uno dei lavori più difficili del giornalismo, e raramente è più problematico che nel caso dell’Iran, l’oscura minaccia rivoluzionaria islamica. L’Iran sciita, protettore e manipolatore del terrore mondiale, della Siria, del Libano, di Hamas. Ahmadinejad, il califfo pazzo. E, naturalmente, l’Iran nucleare, che si prepara a distruggere...

(27 Gennaio 2012)

Robert Fisk


in: «Iran. Il prossimo obiettivo della guerra imperialista?"»

Hanno fatto un deserto e l'hanno chiamato pace

Un deserto di cadaveri intrappolati dimostra il fallimento di Israele

Srifa, 15 agosto 2006. Hanno fatto un deserto e l'hanno chiamato pace. Srifa, o quello che era una volta il villaggio di Srifa, è una distesa di case spianate, muri esplosi, macerie, gatti affamati e cadaveri intrappolati. Ma è anche il luogo della vittoria per gli Hezbollah, i cui miliziani camminavano ieri, in mezzo alla distruzione, con l'aria degli eroi conquistatori. A chi bisogna...

(18 Agosto 2006)

Robert Fisk


in: «Via dal Libano, subito!»

Londra: La realtà di questo barbarico attentato

Se combattiamo l’insurrezione in Iraq, cosa ci fa pensare che l’insurrezione non possa arrivare a noi?

“Se bombardate le nostre città”, ha detto Osama bin Laden in uno dei suoi recenti video, “noi bombarderemo le vostre”. Promessa mantenuta. Da quando Tony Blair ha deciso di affiancare George Bush nella “guerra al terrore” e nell’invasione dell’Iraq, è sempre stato fin troppo chiaro che la Gran Bretagna sarebbe stato un obiettivo sensibile. E,...

(17 Luglio 2005)

Robert Fisk


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Le foto del disonore

Prima i nostri nemici hanno creato l'attentatore suicida. Ora noi abbiamo il nostro attentatore suicida digitale: la macchina fotografica. Osservate il modo in cui Lynnie tiene in mano il guinzaglio dell'iracheno nudo e con la barba. Guardate bene la cinghia di pelle e il dolore sul viso del prigioniero. Nessun film sadico potrebbe fare più danni di questa immagine. Nel 2001 gli aerei si sono...

(9 Maggio 2004)

Robert Fisk (© The Independent) Traduzione di Carlo Antonio Biscotto


in: «Iraq occupato»

23067