il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Mario Gangarossa

(94 notizie - pagina 1 di 5)

“Torna per votare”

“Torna per votare, vota per tornare”. Suonava così un vecchio slogan del Pci degli anni ’60. Dalla Sicilia e da tutto il Sud, ma anche dal Nord est e dalle sacche di miseria che “il miracolo economico” lasciava indietro, centinaia di migliaia di emigranti abbandonavano le loro terre in cerca di lavoro nelle fabbriche tedesche, nella Svizzera - che li costringeva...

(14 Ottobre 2012)

Mario Gangarossa

Un’altra democrazia è possibile

“Ogni Stato, persino la repubblica più democratica, non è altro che una macchina con cui una classe schiaccia un'altra classe.” (Lenin) La vita reale educa con più efficacia di centinaia di ragionamenti e gli effetti devastanti della crisi rimettono in discussione convinzioni e certezze che solo occasionalmente la propaganda comunista, prodotta da pochi e limitata...

(6 Maggio 2012)

Mario Gangarossa


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

Non c’è crisi per gli azionisti e i padroni farabutti!

dalla Francia

Non tutti hanno le lacrime agli occhi, come la ministra del lavoro italiana, nell’annunciare i sacrifici per i lavoratori. I grandi padroni, per incrementare i dividendi degli azionisti, moltiplicano gioiosamente le « ristrutturazioni » e le altre operazioni di liquidazione, destinate a subappaltare i licenziamenti e a intensificare lo sfruttamento di quelli che rimangono. Lunedì...

(12 Dicembre 2011)

Convergences Révolutionnaires


in: «Lotte operaie nella crisi»

Che cosa cambia per noi?

Sotto la pressione sempre più forte dei mercati finanziari, sotto l’incalzare di una speculazione che è stata mille volte più forte di qualsiasi opposizione parlamentare, Berlusconi si è dimesso. Non senza aver prima ottenuto l’assenso di tutte le forze politiche, esplicito o implicito, alla legge di stabilità che recepisce i diktat dell’Unione...

(18 Novembre 2011)

L'Internazionale - Inchiesta Operaia


in: «Il governo Monti - Napolitano»

In lode della democrazia (operaia)

Chi è ormai vicino (o ha superato) i sessant’anni ricorda benissimo gli argomenti della martellante campagna ideologica che hanno caratterizzato per decenni la guerra “culturale” della borghesia contro i comunisti. I comunisti vi toglieranno le case e gli orti, venderanno le vostre mogli a orde di cosacchi allupati, costringeranno i vostri pargoletti a lavori avvilenti e faticosi,...

(15 Novembre 2011)

Mario Gangarossa

“Dateci i seggi e voteremo sempre la fiducia”

L’ex ministro “comunista” Oliviero Diliberto, già noto alle cronache per aver minacciato, dalla comoda poltrona di un salotto televisivo, di scatenare gli elettori ulivisti armati di forconi contro i deputati che non si allineavano alle scelte guerraiole del governo Prodi, rilascia una aggressiva intervista (il Fatto Quotidiano del 27 ottobre) il cui succo è felicemente...

(29 Ottobre 2011)

Mario Gangarossa


in: «Dove va il centrosinistra?»

“Doveva essere un giorno di festa” Peccato…

Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono! (Malcom X) Sarò un cattivo maestro ma, francamente, di fronte al coro unanime di “vibrate condanne” contro i “provocatori-blackblock-delinquenti-infiltrati-canaglie-sbirri-fascisti-ecc.-ecc.”, che vede accomunati nello stesso furore “non-violento”...

(17 Ottobre 2011)

Mario Gangarossa


in: «15 ottobre. Valutazioni e prospettive»

Lettera a un compagno italiano sull'appello: “Noi il debito non lo paghiamo. Dobbiamo fermarli”

Tu mi proponi di dare un giudizio sull’appello uscito dalla riunione del 1° ottobre : “Noi il debito non lo paghiamo. Dobbiamo fermarli”. Vorrei innanzitutto ricordare brevemente ciò che avevo cercato di spiegare alla riunione di Genova alla quale mi avevi invitato : perché la parola d’ordine « non pagare il debito » dovrebbe essere al centro...

(16 Ottobre 2011)

Jean-Louis Roussely


in: «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

Se non ora ... quando?

Il cammino è tortuoso e l’avvenire incerto … se non sapremo essere all’altezza dei compiti che la situazione ci impone La crisi del sistema capitalistico ci pone quotidianamente di fronte alla contraddizione fra la spontanea ribellione “difensiva” di ampi strati della popolazione (investiti dalle conseguenze catastrofiche delle “manovre e degli intrallazzi”...

(5 Settembre 2011)

Mario Gangarossa


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

Intervento francese in Libia : Il naso finto del governo Sarkozy

All’epoca della guerra del Vietnam o della guerra d'Algeria, per una larga parte della classe operaia e dei giovani, era ovvio considerare queste guerre per quello che erano: aggressioni imperialiste. Per quanto riguarda l’attuale guerra in Libia, bisogna constatare che, per gli stessi strati sociali, le cose sono molto meno chiare. L’odio dei lavoratori e dei giovani nei confronti...

(24 Aprile 2011)

Jean-Louis Roussely


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Egitto: la scommessa del gattopardismo

Hillary Clinton ha dichiarato alla stampa che ciò che in Egitto deve essere evitato a tutti i costi è un vuoto di potere, che l’obbiettivo della Casa Bianca è quello di una transizione ordinata verso la democrazia, le riforme sociali, la giustizia economica, che Hosni Mubarak è il presidente dell’Egitto e che l’importante è il processo di transizione. A...

(5 Febbraio 2011)

Atilio Bóron - nuestramerica.org


in: «Il Mondo Arabo in fiamme»

Fiat. Aprire un negoziato? Per fare che?

Dopo il referendum a Mirafiori, M.Landini dichiara : "Alla luce di questo risultato, sarebbe un atto di saggezza da parte di Fiat riaprire una trattativa vera (…)" Aprire un negoziato? Per fare che? Mentre, il giorno dopo il referendum,Marchionne afferma che l’accordo si applicherà senza cambiare una riga, che cosa gli chiede di cambiare la direzione della Fiom, e cosa è...

(5 Febbraio 2011)

Mario Gangarossa


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

Il referendum a Mirafiori: "illegittimo"? "un ricatto"? Certo! Allora è legittimo combattere per impedirlo

Il rifiuto della direzione della Cgil (1) di rispondere all’appello degli studenti per organizzare lo scontro col governo, con l’unità della classe operaia e dei giovani, ha salvato Berlusconi e gli ha permesso di far passare il Ddl Gelmini sull’università. La firma di Napolitano (30 dicembre) è la conclusione delle manovre che miravano a dissuadere i giovani...

(8 Gennaio 2011)

Jean-Louis Roussely


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

Lotta di classe anche nell'università

Il presente documento è redatto da giovani internazionalisti, studenti e lavoratori, che ritengono necessario e urgente la maturazione in senso classista del movimento universitario. Il mondo è nostro! Dobbiamo solo imparare a prendercelo. 1. Gli studenti non sono una classe: la divisione in classi della società attraversa l’intero mondo studentesco. Gli studenti provenienti...

(12 Dicembre 2010)

Lavoratori e studenti internazionalisti


in: «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Sotto la Torre di Imbonati per un mese. Un primo bilancio

Dopo oltre un mese di partecipazione alle attività sotto la Torre di via Imbonati, tentiamo di tracciare un primo bilancio. Lo facciamo senza soffermarsi su quanto tutti hanno già potuto vedere: la lunga, persistente volontà, contro ogni avversità, financo d'uno spietato gelo invernale, d'un folto gruppo di immigrati, di dare un piano di consistenza, dall'alto di 40 metri...

(12 Dicembre 2010)

Comitato antirazzista milanese


in: «L'unico straniero è il capitalismo»

La Fiat in Polonia? Bassi salari, alti ritmi di sfruttamento, repressione antisindacale

Alcune informazioni essenziali sulla Fiat Auto Poland – Tychy

Riteniamo utile far conoscere alcuni importanti elementi informativi che i compagni del sindacato “Agosto 80” della Fiat di Tychy in Polonia ci hanno inviato per l’incontro del 5 dicembre 2010. La prima parte è relativa ai salari, agli orari e alle condizioni di lavoro; la seconda racconta la storia del sindacato stesso. I compagni della Fiat di Tychy saranno a Torino il prossimo...

(5 Dicembre 2010)

Mario Gangarossa


in: «Crisi e lotte alla Fiat»

Quando anche i ricchi piangono: ribellarsi è giusto ... ma per chi ?

Uno spettro s’aggira per l’Europa, ma anche gli Stati Uniti non se la passano meglio. Più che la miseria, sembra la paura a irrompere sullo scenario. In America, dove milioni di persone hanno perso la casa, dove i giovani non riescono a trovare un lavoro e i cinquantenni licenziati non lavoreranno più,(1) sono paradossalmente proprio i finanzieri, le cui aziende erano state...

(17 Ottobre 2010)

Associazione Culturale 'PonSinMor'


in: «Il capitalismo è crisi»

Gino Strada : L’Afghanistan ci costa 51 milioni al mese

L’Afghanistan ci costerà 51 milioni al mese, quest’anno. A fronte dei 45 dell’anno scorso. In febbraio il Senato ha votato il rifinanziamento della missione, e da giugno la spesa sarà ancora più alta. La Russa l’ha detto: arriverà un altro migliaio di sodati. Eppure l’invio e la permanenza del nostro contingente, a fronte del “pantano”...

(15 Ottobre 2010)

www.webalice.it/mario.gangarossa


in: «Afghanistan occupato»

L'andamento dei salari chiama in causa il sindacato e l'opposizione

La scorsa settimana l'Ires, l'Istituto di ricerche della Cgil, ha presentato un rapporto sull'andamento dei salari dei lavoratori dipendenti riferito agli ultimi dieci anni e sulle conseguenze della crisi nei confronti dell'occupazione in generale e di quella giovanile in particolare I quotidiani che ho avuto occasione di leggere hanno riportato le notizie sullo studio della Cgil evidenziando, soprattutto,...

(8 Ottobre 2010)

Renzo Penna


in: «Difendere il potere d'acquisto dei salari»

Beppe Grillo e la scuola ...quasi quasi Gelli

La manifestazione di Cesena del 25 e 26 settembre 2010 promossa da Beppe Grillo e dal suo movimento è stata un grande successo. Qualcuno ha parlato di entrata diretta nell'arena politica da parte di Beppe Grillo. In realtà chi, come me, segue le mosse di Grillo da molto tempo, sa benissimo che il Movimento 5 Stelle è nato come movimento politico nel significato più autentico...

(5 Ottobre 2010)

Michele Maggino


in: «Dove va il centrosinistra?»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |    >>

41576