il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB

Paolo De Gregorio

(237 notizie - pagina 4 di 12)

Quanto è in salita la strada per la democrazia!

Oggi la Corte Europea dei Diritti dell’uomo di Strasburgo ha deliberato sul ricorso presentato dalla signora Soile Lautsi, cittadina italiana originaria della Finlandia, che nel 2002 aveva chiesto all’istituto statale Vittorino da Feltre, di Abano Terme, dove studiano i suoi figli,di togliere il crocifisso dalle aule. Sia il TAR del Veneto che il Consiglio di Stato avevano respinto l’istanza...

(3 Novembre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «L'oppio dei popoli»

Gli appelli scemi di Saviano

Facendo “zapping” in Tv mi è apparso il faccione triste di Saviano che perorava il miracolo di una denuncia di massa della popolazione del rione Sanità di Napoli, in merito alla identità del killer di un noto camorrista, nel quadro della lotta e dei regolamenti di conti fra malavitosi. Veramente singolare chiedere a persone che vivono in un territorio totalmente controllato...

(31 Ottobre 2009)

Paolo De Gregorio

Un ponte per… le mafie

La questione del ponte sullo stretto di Messina mi evoca immediatamente l’opzione nucleare, in quanto in entrambi i casi viene scelta la strada più costosa, più pericolosa, più irrazionale, più lunga come realizzazione, al posto di scelte non pericolose, praticabili subito, senza impatti ambientali. Naturalmente, per quanto riguarda l’energia, parlo del fotovoltaico...

(15 Ottobre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il saccheggio del territorio»

La libertà di stampa non esiste

Certe volte appare chiaro che l’ABC della democrazia non è mai stato scritto e che le situazioni di fatto sono quelle da cui partire per riscrivere le regole, e non le solite teorie fumose e fasulle. Per vincere le elezioni bisogna raggiungere quella ampia parte di popolo, quella che non legge libri né giornali, stimabile al 30% della intera popolazione che, contro i propri interessi...

(4 Ottobre 2009)

Paolo De Gregorio

Patrizia D’Addario ad “Anno zero”

Per capire quale regime mediatico ci tiene in pugno dobbiamo, come al solito, usare l’arma della deduzione: al di fuori della “scheggia impazzita” Santoro, chi ci ha offerto in prima serata televisiva un quadro delle recenti vicende che riguardano il presidente del consiglio? Nessuno. E questa è la proporzione di libertà di stampa televisiva: 100 a 1. Comunque lamento...

(2 Ottobre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il quarto governo Berlusconi»

crisi: il capro espiatorio indicato

In un sistema mediatico che ci riempie di bugie e soprattutto di omissioni, l’unico modo per arrivare a qualche conclusione che si avvicina alla verità è la deduzione. Ci aiuta Tremonti che se la prende con le banche, che (lo ripete troppo spesso) stanno strangolando le piccole imprese,negando crediti o praticando tassi da usura. Questo è anche vero, ma sà tanto di...

(28 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio

Impronta ecologica o sovrappopolazione

Il blog di Grillo ha intervistato Mathis Wakernagel, l’inventore della “impronta ecologica”, che misura la richiesta umana nei confronti della natura. Siamo alla bancarotta ecologica, sostiene Mathis, dobbiamo ridurre le emissioni di Co2 dell’80% entro il 2050, questo ci chiedono gli scienziati. Come? Dobbiamo fare più attenzione a come costruiamo le città (sic!). Come...

(27 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio

Obama: la democrazia non si impone

Nel massimo consesso mondiale, l’ONU, Obama ha capovolto la tradizionale politica estera USA, basata su criminali interventi “preventivi”, ossia mano libera di intervenire in qualsiasi scenario, per mantenere l’egemonia imperiale su buona parte del pianeta. Ma la svolta non vale niente se non si parla di ritirare immediatamente i 130.000 soldati americani ancora in Iraq e i...

(24 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

L’Italia: un grande paese

Da Berlusconi a D’Alema, la Casta politica definisce l’Italia un grande paese, una potenza economica cui corre l’obbligo prendersi responsabilità a livello globale, pena una marginalizzazione che nuocerebbe al buon nome e al peso dell’Italia nel consesso internazionale. Questi discorsi non entrano mai nel merito e non escono da generiche retoriche, in nome di cose senza...

(19 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio

Decadenza e agonia della democrazia

Dacci oggi la nostra polemica quotidiana, sembra invocare il mondo politico che è sempre più lontano da strategie e programmi e ben volentieri si butta su episodi marginali o personali pur di non parlare delle cose serie che riguardano la nostra vita, la salute nostra e dell’ambiente, le prospettive della economia. Ogni tanto riciccia Bossi con le minacce di secessione della Padania,...

(14 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio

La libera stampa può dire tutto, tranne la verità

Apprendo che il “New York Times”,a proposito dell’impero editoriale berlusconiano, ha scritto: “i giornalisti italiani si dividono in due categorie, quelli che lavorano per Berlusconi e quelli che lo faranno”. Certo fa un po’ impressione sentire le recenti uscite del cavaliere contro la stampa, visto che ne possiede il 90% e sta brigando per prendersi La7 e mettere...

(6 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il quarto governo Berlusconi»

Immigrazione: un problema globale

Fino a ieri, gli stessi soggetti che oggi pretendono leggi contro l’immigrazione clandestina (ma è sempre stata clandestina e mai programmata legalmente), e per cui intendiamo gli ultimi venti anni, hanno assunto nelle fabbriche del Nord Italia centinaia di migliaia di extra-comunitari nel ciclo economico favorevole. Anche nel Sud si è utilizzata questa manodopera per lavori stagionali...

(4 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «L'unico straniero è il capitalismo»

La ripresa? Improbabile e precaria

Operai e abusivi di sinistra, affratellati con padroni e banchieri, fanno il tifo per una ennesima ripresa capitalista della economia, senza essere capaci di guardare oltre il proprio naso e fermare la vera emergenza della distruzione ambientale e della sovrappopolazione. Tutti si affidano alla speranza di uscire dalla crisi e il più piccolo segnale di rallentamento della stessa viene subito...

(2 Settembre 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il capitalismo è crisi»

Allevamenti industriali: fabbriche di virus

Non mi stanco di denunciare le follie del modo industriale e globalizzato di produrre i cibi di cui ci nutriamo, il modo intensivo di produrre le carni, con centinaia di migliaia di maiali, vitelli o polli reclusi e stipati in gabbie, nutriti e abbeverati con sistemi automatici, cresciuti a forza di antibiotici per prevenire le malattie e aumentare il peso (il 70% degli antibiotici impiegati negli...

(27 Agosto 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Nessuna catastrofe è "naturale"»

Gli strappi internazionali del cavaliere

Da “sinistra” si rimprovera a Berlusconi di non essere abbastanza filo-americano, di inimicarsi il Vaticano, di agire a favore della Russia per la questione del gasdotto, di non aver rimproverato Bossi per la sua posizione sulla fine di ogni intervento militare all’estero, di aver valutato in modo obiettivo la guerra in Georgia suggerita da americani e israeliani, di aver “ceduto”...

(24 Agosto 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il quarto governo Berlusconi»

il Cavaliere e la sindrome di Caligola

Nel suo delirio di onnipotenza l’imperatore romano Caligola faceva senatori i cavalli. Oggi, in demokrazia, diventano deputati e senatori le favorite del presidente del consiglio che, invece della busta (post coitum), preferiscono una carriera politica, che nella nostra Repubblica significa una principesca sistemazione economica a vita (pensione compresa). Nel silenzio delle femministe e della...

(6 Agosto 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Il quarto governo Berlusconi»

USA: le lobby più potenti di Obama

Quando affermo perentoriamente, senza se e senza ma, che le democrazie sono in realtà una dittatura della economia e dei poteri mediatici (tutti in mano al capitalismo), sono confortato dai fatti e non invento nulla. La vicenda della riforma sanitaria in America (47 milioni di cittadini senza assicurazione a crepare senza aiuto), anche se promessa in campagna elettorale, e quindi DOVUTA ai...

(4 Agosto 2009)

Paolo De Gregorio

Pillola abortiva: il Vaticano chiede al governo il ritiro dal commercio

Con inconsueta velocità il Vaticano continua a pisciare fuori dal vaso, e insiste ad intromettersi nelle decisioni amministrative e governative della nostra Repubblica. E’ ormai endemico questo vizio di impicciarsi di politica sostenendo che la Chiesa ha diritto di parlare. Su questo punto vi è una contraddizione grande come una montagna in quanto nessuno vuole impedire ai preti...

(31 Luglio 2009)

Paolo De Gregorio


in: «L'oppio dei popoli»

Quale democrazia?

Tra le grandi assenti in materia di regole democratiche, oltre la “porcata elettorale”, vi è la latitanza di una istituzione dello Stato, con carattere assolutamente indipendente, che potrebbe essere la Corte dei Conti o il ragioniere generale dello Stato, che offra al Parlamento, in tempo reale ed in chiaro, le cifre che riguardano la situazione economica e finanziaria, le spese...

(29 Luglio 2009)

Paolo De Gregorio

Tutta colpa del capitalismo? I dubbi di Giorgio Bocca

“Tutta colpa del capitalismo?” Come al solito Giorgio Bocca, come tutti gli agiati intellettuali, esercita l’antico mestiere di cacadubbi e, pur riconoscendo “le bieche trame del capitale”, conclude che vi è anche “un piacere di servire, applaudire il tiranno, la voglia irresistibile di rubare, le regole della mafia, il mignottificio trionfante, da parte...

(26 Luglio 2009)

Paolo De Gregorio


in: «Dove va il centrosinistra?»

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

66153