il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

Partito Comunista Internazionale

(257 notizie - pagina 11 di 13)

La Libia prova l’inattuabile assetto imperiale del mondo

Diamo seguito, alla luce degli ultimi accadimenti in Libia, a quanto scrivemmo su “Grandi manovre sul petrolio libico e l’embargo iraniano” sul n.354 di questo giornale. Da quando la Nato dichiarò conclusa, dopo sette mesi di operazioni, la missione del 2011 per la difesa della “libertà” e della popolazione, la Libia è precipitata nel caos generalizzato...

(6 Febbraio 2013)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Continua la mobilitazione della classe operaia egiziana contro militari, islamici e democratici

Il secondo anniversario della cosiddetta “primavera” egiziana non poteva andare peggio per il nuovo governo del “civile” Presidente Mohammed Morsi e per il suo partito Giustizia e Libertà. Grandi manifestazioni di protesta contro il governo si sono svolte nelle principali città del paese interessando 12 dei 27 governatorati dell’Egitto. In molti casi i...

(5 Febbraio 2013)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «Il Mondo Arabo in fiamme»

Per il sindacato di classe

TEORIA La lotta economica del proletariato è la lotta dei lavoratori per i loro interessi immediati: salario, intensità, durata ed organizzazione del lavoro, ecc. Essa è il primo gradino della lotta di classe che è veramente tale quando diviene lotta politica, il cui apice è la Rivoluzione contro la borghesia per la conquista e l’esercizio del potere. La...

(4 Febbraio 2013)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «Per un sindacato di classe»

La classe lavoratrice può difendersi solo con la lotta di classe contro il Capitale

La crisi economica continua inesorabile. Licenziamenti per ristrutturazioni o fallimenti e cassa integrazione colpiscono sempre più lavoratori. Cresce l'esercito dei disoccupati e il ricatto sugli occupati. Le aziende, per sopravvivere nella competizione capitalistica sempre più aspra, cercano di imporre salari più bassi, massima flessibilità d'orario e mansioni, ritmi...

(3 Dicembre 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Lotte operaie nella crisi»

L'unione internazionale della classe lavoratrice è possibile solo con la lotta di classe!

14 Novembre - Volantino del PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Oggi i lavoratori di Spagna, Portogallo, Grecia e Italia sono in sciopero generale. A fronte della crisi mondiale dell'economia capitalistica; della concorrenza che il capitalismo scatena fra i lavoratori di tutti i paesi spingendo al ribasso salari, condizioni di vita e di lavoro, spostando le fabbriche dove maggiori sono i profitti; degli attacchi dei governi di ogni colore e di tutti i paesi contro...

(16 Novembre 2012)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «Lotte operaie nella crisi»

La lotta degli operai CGS alla Ikea indica la strada a tutta la classe operaia!

Da tre settimane gli operai del consorzio di cooperative CGS bloccano con scioperi e picchetti il Deposito Centrale dell'IKEA a Piacenza. La lotta è contro i salari da fame (500-600 euro), l'uso discriminatorio dello straordinario, la mancata applicazione del contratto nazionale di lavoro. Il Consorzio Gestione Servizi (CGS), per ritorsione, ha sospeso 15 lavoratori – molti dei quali...

(9 Novembre 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Flessibili, precari, esternalizzati»

Tutti d’accordo per tagliare salari e pensioni

In ogni paese, dalla Spagna alla Grecia, dal Regno Unito all’Italia, indipendentemente dal colore del governo, i provvedimenti adottati sono analoghi: demolizione dello Stato sociale, blocco o riduzione dei salari, aumento delle tasse che colpiscono inevitabilmente sempre in primo luogo i salariati. L'obiettivo finale è sempre il salario sia esso diretto, indiretto (servizi sociali),...

(16 Ottobre 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Lotte operaie nella crisi»

Solo con la lotta di classe fino alla Rivoluzione il proletariato non pagherà la crisi

La crisi attuale non è un fenomeno passeggero ma storico: è la crisi generale di questo modo di produzione, il capitalismo. A generarla non è stata una “cattiva politica”, gli “sprechi”, la “corruzione” o l'aver vissuto “al di sopra delle proprie possibilità”, anche da parte – hanno il coraggio di dire – degli...

(16 Ottobre 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Lotte operaie nella crisi»

La crisi in Europa, i ciarlatani borghesi e noi comunisti

Ora che, nella fase attuale, la crisi generale del capitalismo pare concentrarsi con maggiore violenza nella zona dell’euro, dopo che soltanto in apparenza ha allentato la presa nella centrale imperialista americana da cui è partita, ci si può divertire a considerare la quantità di ricette salva-nazioni o salva-finanze che di continuo vengono propinate ai piccolo borghesi...

(18 Luglio 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Oltre la crisi. Oltre il capitalismo»

I lavoratori scioperano, lo Stato bastona e arresta

Lunedì 11 giugno un duro pestaggio della polizia si è abbattuto sui lavoratori delle cooperative della logistica “Il Gigante”, a Basiano, nel milanese. Il motivo dello sciopero, in questo settore da qualche anno in grande fermento, è il cambio d’appalto, pretesto per dimezzare i salari sostituendo tutti i dipendenti con nuova manodopera disperata. Gli scioperanti...

(16 Giugno 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Storie di ordinaria repressione»

Terremoto in Emilia - Fenomeni naturali - Vittime di classe

Nicola Cavicchi, 35 anni, e Leonardo Ansaloni, 45, operai alle Ceramiche Sant’Agostino; Gerardo Cesaro, 57 anni, operaio della fonderia di Alluminio Tecopress di Dosso; Tarik Nauch, 29 anni, operaio marocchino della Ursa di Bondeno che produce polistirolo espanso, sono quattro delle sette vittime del terremoto in Emilia della notte tra sabato 20 e domenica 21 maggio. Questi operai, invece di...

(22 Maggio 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Nessuna catastrofe è "naturale"»

PRIMO MAGGIO 2012

LA CLASSE OPERAIA NON HA NULLA DA FESTEGGIARE,
DEVE SOLO TORNARE A LOTTARE PER I PROPRI INTERESSI !

Il 1° maggio del 1886 migliaia di operai scesero in sciopero a Chicago, rivendicando la riduzione a 8 ore della giornata lavorativa. Essi lottarono per quattro lunghi giorni, poi la repressione non si fece attendere: alcuni proletari caddero sotto il fuoco della polizia e molti altri furono arrestati. Cinque di loro, accusati in un processo manovrato, di essere i capi della rivolta, di lì...

(30 Aprile 2012)


in: «La controriforma del lavoro Monti Fornero»

La sola politica della classe lavoratrice è la lotta di classe contro il capitalismo

Volantino distribuito durante la manifestazione NO DEBITO - Milano 31 marzo

La "riforma" del mercato del lavoro è un nuovo gravissimo attacco a tutta la classe lavoratrice, che completa l’offensiva in corso nell’ultimo anno e prepara gli attacchi futuri. La modifica dell’articolo 18 rende più efficace il ricatto del licenziamento, eliminando la possibilità di reintegro del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo. Sarà...

(2 Aprile 2012)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

La difesa dei lavoratori è possibile solo ricostruendo il Sindacato di classe

Tutto ciò che la classe operaia ha conquistato lo ha fatto al prezzo di dure lotte, con scioperi preparati e condotti come autentiche prove di forza per piegare il padronato. Come in tutta la storia del movimento operaio, italiano e internazionale, anche nel secondo dopoguerra queste lotte costarono grandissimi sacrifici ai lavoratori, la vita stessa per decine di operai e braccianti uccisi...

(9 Marzo 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Per un sindacato di classe»

Conferme dal retroscena della guerra in Libia

L’esecuzione sommaria sul posto di Gheddafi in fuga dalla città di Sirte, ultimo suo indifendibile rifugio, chiude ai disegni imperialisti sul nordafrica un capitolo e ne apre un altro. La presenza di Gheddafi in città era stata rilevata da agenti della Cia e del Mi6. Il convoglio in fuga è stato bombardato da un drone Predator, decollato da Sigonella e teleguidato dall’America,...

(23 Gennaio 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Alluvione in Liguria e le Grandi Opere del Capitale

Il maltempo che ha devastato la Lunigiana, poi Genova ed infine Messina ha causato anche in questo autunno la perdita di vite umane. Sui quotidiani solite prime pagine con titoloni, denunce, lacrime di coccodrillo. Il maltempo che ha devastato la Lunigiana, poi Genova ed infine Messina ha causato anche in questo autunno la perdita di vite umane. Sui quotidiani solite prime pagine con titoloni, denunce,...

(23 Gennaio 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Il saccheggio del territorio»

La coraggiosa lotta dei siderurgici della Hellenic Halyvourgia ad Atene

Mentre scriviamo, agli inizi di gennaio 2012, i lavoratori della fabbrica siderurgica Hellenic Halyvourgia, che si trova nella zona industriale di Aspropyrgos vicino ad Atene, sono in sciopero da più di 60 giorni. Pur essendo limitato ad una sola fabbrica questo sciopero è uno dei più importati episodi di lotta di classe degli ultimi anni in Grecia. L'esito di questa battaglia...

(11 Gennaio 2012)

Partito Comunista Internazionale


in: «Lotte operaie nella crisi»

“Tecnica” o “politica” è dittatura borghese contro la classe lavoratrice

Il bene del paese, inteso come bene dei cittadini, al di sopra delle classi, è una mistificazione: esso è sempre e solo il bene dei profitti di industrie e banche, è il bene del Capitale e della classe che ne ha il possesso, la borghesia. Tutto il regime borghese martella ogni giorno che dal buon andamento dell’economia nazionale dipenderebbe la vita dei lavoratori perché...

(7 Dicembre 2011)

Partito Comunista Internazionale


in: «Il governo Monti - Napolitano»

21 ottobre, sciopero Fiat-Fincantieri

La lotta per il lavoro non basta a difendere la classe operaia. Bisogna unire le lotte per conquistare il salario a tutti i lavoratori licenziati e la riduzione dell’orario !

Volantino del Partito Comunista Internazionale La mancanza di commesse per i cantieri navali, così come la chiusura delle fabbriche FIAT e il massiccio ricorso alla Cassa integrazione, sono parte della crisi di sovrapproduzione del capitalismo mondiale che investe tutti i settori produttivi. In Italia, in Europa, nel mondo le fabbriche chiudono e licenziano, o interrompono la produzione ricorrendo,...

(22 Ottobre 2011)

Partito Comunista Internazionale


in: «Contratto Metalmeccanici»

15 OTTOBRE. Che "paghino" o "non paghino" i loro debiti il padronato e tutti i borghesi Stati di Europa muovono all’attacco delle condizioni della classe operaia.

I lavoratori possono difendersi solo con la loro generale mobilitazione, riorganizzandosi in un vero sindacato, per i loro obbiettivi di classe.

Volantino del PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE Come scientificamente previsto dal comunismo marxista, le contraddizioni interne del regime capitalistico ne stanno determinando la rovina L’attuale crisi economica internazionale non è solo finanziaria ma di sovrapproduzione. Il dissesto del debito e la speculazione non sono la causa ma le inevitabili conseguenze della recessione e del...

(12 Ottobre 2011)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

<<    | ... | 11 | 12 | 13 |    >>

54467