il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Liberazione

(180 notizie - pagina 3 di 9)

In giro per la Padania. Sport? No, business

Daniele Nalbone (Liberazione 11 settembre 2011) In una gara ciclistica, si sa, il clou è rappresentato dalla partenza e dall'arrivo. È in questi momenti che sindaci con fascia tricolore, sponsor, organizzatori sono chiamati a salire sul palco per dare il via alla gara o per premiare i vincitori. Oltre all'alto valore sportivo, quindi, ogni singola tappa regala una grande pubblicità...

(13 Settembre 2011)

Radio Città Aperta - Roma


in: «Il quarto governo Berlusconi»

Il "Mattarellum" non è migliore del "Porcellum"

L’iniziativa referendaria, tesa a modificare l’attuale legge elettorale, promossa inizialmente dal settore veltroniano del Pd e oggi sostenuta anche da altri esponenti di quel partito fra cui Prodi, oltre che da Sel e dall’IdV, è non solo discutibile dal punto di vista tecnico-giuridico, ma rappresenta una scelta regressiva compiuta in nome d’interessi di parte che non...

(4 Settembre 2011)

Gianluigi Pegolo - Liberazione


in: «Primarie, bipolarismo e maggioritario»

Aldrovandi, poliziotti colpevoli. Spalleggiati dalla Questura

Gli hanno schiacciato il cuore. Anche la corte d’appello di Bologna ha messo nero su bianco che Federico Aldrovandi è stato ucciso dalla «violenta e pesante contenzione da parte delle forze di polizia». La droga non c’entra («dato tossicologico modesto»), né c’entra la “excited delirium syndrome” su cui si sono asserragliati i consulenti...

(3 Settembre 2011)

Checchino Antonini, Liberazione 2 settembre 2011


in: «Omicidi di stato»

Inghilterra, crisi sociale senza precedenti

Non sorprende che le sommosse scoppiate in quasi tutte le grandi città inglesi siano state accolte dal governo, dai tabloid e dai media main stream, almeno inizialmente, con i soliti luoghi comuni: a parte l'ovvio teppismo, la strumentalizzazione criminale, le gang giovanili, la solita gente venuta da fuori e così via. È il normale esorcismo davanti a quello che più o...

(10 Agosto 2011)

Alessandro Dal Lago - Liberazione


in: «Il capitalismo è crisi»

L'Italia spende 23 miliardi per la guerra. Ma non lo dice

All'ottavo posto al mondo per spese militari, nel 2010 l'Italia spende oltre i 20 miliardi di euro per la difesa. Mentre la spesa complessiva per le strutture e il personale ha subito ritocchi, anche per "far posto" agli oneri del modello dell'esercito professionale, quella specifica per gli armamenti si avvicina sempre di più ad incrementi a due cifre. Luca Galassi ha fatto i conti in tasca...

(22 Luglio 2011)

Fabio Sebastiani (Liberazione del 22/07/2011)


in: «La manovra anti-crisi»

Banda della Magliana, una holding criminale ancora in attività?

Davide Papallardo, Liberazione 9 - 7 - 2011 Uno spettro si aggira per Roma. E non è quello di Beatrice Cenci che passeggia per Ponte Sant’Angelo, ma quello di un gruppo criminale la cui fama ha prodotto libri e fiction: la Banda della Magliana. Ad evocarlo fatti di sangue e arresti. Episodi che se presi singolarmente possono sembrare slegati tra loro, ma che se visti insieme sono i tasselli...

(10 Luglio 2011)

Radio Città Aperta - Roma


in: «Ora e sempre Resistenza»

Rivolta nel Cie di Ponte Galeria

La protesta sarebbe partita dal settore maschile della struttura, ed avrebbe coinvolto circa 70 immigrati. Uno di loro, leggermente ferito, è stato medicato in ospedale e subito riaccompagnato nel Centro. Ingenti i danni registrati. Proprio in queste ore la cooperativa che gestisce il Cie sta lavorando per ripristinare le condizioni di agibilità della struttura. «L'ultimo provvedimento...

(18 Giugno 2011)

www.liberazione.it


in: «La tolleranza zero»

I fili spinati della nostra mediocrità

Di fronte all’esodo, del tutto prevedibile, di alcune migliaia di migranti e profughi non potrebbe essere più indegna la farsa che si recita nell’infelice paese in cui è ci dato vivere, ormai padanizzato da Nord a Sud, con poche eccezioni. E stridente è il contrasto fra la nobiltà della primavera araba e la miseria delle italiche risposte all’esito scontato...

(3 Aprile 2011)

Annamaria Rivera - Liberazione


in: «L'unico straniero è il capitalismo»

Italia, è record europeo per "saccheggio ambientale"

Più di 6mila cave e 888 cementifici. Altraeconomia lancia l'allarme

"I numeri che forniamo - spiega l'autore dell'inchiesta, Luca Martinelli, all'agenzia Dire-Redattore sociale - vogliono essere uno strumento per discutere delle problematiche sociali e ambientali legati a questi settori". Punto di partenza di questa colata grigia, sono le cave. "Un'attività molto redditizia - spiega Martinelli - e questo fa sì che per avere la possibilità di...

(2 Aprile 2011)

www.liberazione.it


in: «Il saccheggio del territorio»

La retorica della patria

Nulla ci è stato risparmiato, proprio nulla. Rutelli che parla di sangue per la patria versato mentre il leghista Speroni gli fa notare che forse era meglio che nessuno lo versasse, i parlamentari in seduta congiunta che “spontaneamente” cantano tricolorati l’inno di Mameli, quel misto di cascami della romanità (elmo di Scipio e coorte) e voluttà di martirio,...

(19 Marzo 2011)

Imma Barbarossa - Liberazione


in: «150 anni di stato borghese. C'è poco da festeggiare»

Il ruolo di Al Jazeera nella rivolta nel mondo arabo

Le proteste che stanno scuotendo il mondo arabo sono legate da un filo comune: al Jazeera, l’emittente del Qatar che con la sua copertura satellitare “ha favorito il propagarsi dei sentimenti di ribellione da una capitale all’altra”, imponendo l’idea di una “battaglia comune” da combattere. A scrivere del ruolo e dell’importanza di questa televisione...

(29 Gennaio 2011)

Simonetta Cossu - Liberazione


in: «Paese arabo»

Cucchi, a processo solo secondini e sanitari. Cc fuori dall'inchiesta

Stefano Cucchi sarebbe stato picchiato dalla polizia penitenzaria poco prima dell'udienza di convalida nei sotterranei della Cittadella giudiziaria di Roma. Morì sei giorni dopo perché lasciato senza cure nel padiglione carcerario dell'ospedale Pertini. Dodici rinvii a giudizio per la morte del trentunenne romano sono stati disposti ieri dal Gup sulla base di questa ricostruzione. Nel...

(26 Gennaio 2011)

Checchino Antonini, Liberazione


in: «Omicidi di stato»

Lumumba, l'africano che guardava a Rousseau

Ci sono voluti 42 anni perchè il Belgio riconoscesse che dietro l'assassinio di Patrice Lumumba c'erano «alcuni membri del governo di allora». Il 17 gennaio sono 50 anni esatti dalla sua morte. Sarà ricordato in molte città (una porta oggi il suo nome: Lumumbashi) del Congo come in altre parti dell'Africa. La sua storia ha molto da dirci anche oggi perchè...

(17 Gennaio 2011)

Daniele Barbieri - Liberazione

Allagamenti, ma Matteoli vuole altri porticcioli

Dopo l’allerta meteo, segnalata dalla Regione Liguria con 24 ore di anticipo, verso sera arriva un vero e proprio bollettino di guerra. Frane, smottamenti, esondazioni, allagamenti, mareggiate e tutto il corollario dei veri e propri nubifragi: 300 mm di pioggia in poco più di tre ore. La tempesta si è poi spostata verso la Toscana, e anche qui disastri terribili e purtroppo anche...

(6 Ottobre 2010)

Marco Nesci - Liberazione


in: «Nessuna catastrofe è "naturale"»

Catania, sotto choc dopo il fermo di polizia

E’ capitato in un commissariato a un anarchico di 27 anni. Costretto a spogliarsi, poi botte e insulti. Non sarebbe la prima volta

Tre ore in un commissariato di Catania. Tre ore d’inferno. Botte sulla schiena, insulti. E alla fine, dopo essere stato costretto a spogliarsi, una pistola appoggiata sullo sfintere. «Ti piace, frocio?». Sembra che a fare incazzare di più i ”tutori dell’ordine” sia una scritta tatuata: ”Carlo vive”. Chi pesta è convinto che «abbiamo...

(23 Dicembre 2006)

Checchino Antonini “Liberazione” del 21-12-06


in: «Storie di ordinaria repressione»

Andrea è morto alle 7, aveva 33 anni. lo ha schiacciato un blocco di marmo

Lavorava nella cave, a Carrara. Ha lasciato la moglie e una figlioletta di 3 anni. Ha donato gli organi. Ieri c’è stato un morto anche a Ragusa, un operaio in fin di vita a Brescia e forse altri che non sappiamo. Solo Bertinotti protesta e se la prende con le Tv che tacciono Si è alzato dal letto alle cinque, come tutte le mattine. Ha preso il caffè, un goccio di latte,...

(20 Dicembre 2006)

Liberazione Mercoledì 20 dicembre 2006


in: «Di lavoro si muore»

Omicidi bianchi - Mircea, l’ennesima morte inutile?

Cara “Liberazione”, in poche ore il mio stato d’animo ha subito un repentino cambiamento passando dalla gioia al dolore, poi seguito dalla rabbia. Avevo appreso dal gr1 la notizia che l’operaio rimasto sepolto sotto la palazzina crollata a Licata era stato trovato ancora in vita dopo 50 ore di dolore e sofferenza sotto le macerie; poi, rientrato a casa dal mio peregrinare per...

(27 Settembre 2006)

Claudio Gandolfi - Liberazione 27 Settembre 2006


in: «Di lavoro si muore»

Muore un muratore. E’ rumeno, non esiste

Omicidi bianchi Mircea, 32 anni, rumeno…

Cara “Liberazione”, non è passata neanche una settimana dall’ultima volta che vi abbiamo scritto per chiedere ai media più attenzione per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, che ieri a Licata si è consumata l’ennesima tragedia sul posto di lavoro. Mircea Spiridon un muratore rumeno di 32 anni, è stato ritrovato vivo dopo 2 giorni dal crollo...

(24 Settembre 2006)

Marco Bazzoni, Mauro Marchi, Andrea Coppini rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza - Liberazione 24 Settembre 2006


in: «Di lavoro si muore»

Se un uomo muore danneggia il mercato?

L’omicidio “bianco” di un muratore “in nero”

Luca Cordero di Montezemolo insiste, dice in continuazione che lo Stato è insolente, è invadente, è ingombrante perché vuole sempre occuparsi di economia. L’altro giorno Cordero lo ha ripetuto. Ha detto che è desolante questa pretesa di dirigismo del governo Prodi. In cosa consiste questa pretesa? Nel volersi impicciare di Telecom, del modo nel quale uno dei...

(24 Settembre 2006)

Piero Sansonetti -Liberazione 24 Settembre 2006


in: «Di lavoro si muore»

Angelo, 35 anni, si impicca. Era depresso. La paura di non poter più guidare l’autobus e di vedersi dimezzare lo stipendio ha fatto il resto

La strana legge di Trambus spa: dopo 6 mesi di malattia lo stipendio ti viene ridotto

Angelo Damiani aveva solo 35 anni quando ha deciso di togliersi la vita, due notti fa. Ha preso una corda, se l’è legata al collo e ha lasciato che lo strappo della caduta troncasse di colpo l’ultimo grido che gli soffocava la gola. Era nato il 27 giugno del 1971, viveva a Rocca Santo Stefano nel frusinate, dal 19 aprile del 1999 lavorava come autista per Trambus spa a Roma. Da...

(20 Settembre 2006)

Sara Picardo - Liberazione 20 Settembre 2006


in: «Di lavoro si muore»

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |    >>

61535