IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c1:o4

 

Archivio notizie

Imperialismo e guerra

(10255 notizie - pagina 1 di 513)

SGUARDI RESISTENTI
Teatro e cinema sociale sui popoli che resistono

Domani il primo appuntamento della rassegna sociale “Sguardi Resistenti” programmata dal Centro di Documentazione InvictaPalestina e dal Collettivo Autogestito Casarossa40. Uno sguardo internazionale sui popoli che resistono per superare l’indifferenza, la cattiva informazione ed il razzismo che oggi aleggia come uno spettro sull’Europa ed il mondo occidentale. La rassegna...

(24 Giugno 2016)

Collettivo Autogestito Casarossa40 (Lamezia terme) Centro di Documentazione InvictaPalestina (Lamezia terme)


in: «Siamo tutti palestinesi»

Fallujah, in fuga da tutti

E’ l’altra faccia della vittoria, ancora non completa, ma auspicabile. Da maggio l’offensiva dell’esercito iracheno contro i miliziani del Daesh sta producendo una riconquista di territori e una ritirata, tattica o forse una rotta delle forze di Al Baghdadi. A Fallujah - già martoriata durante la campagna di Bush jr col fosforo bianco - l’Isis sta subendo gli assalti...

(22 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Turchia, fuoco sui rifugiati siriani

Accanto alla morte resta il giallo delle responsabilità, perché l’Osservatorio siriano per i diritti umani afferma che nella notta fra sabato e domenica scorsi otto persone sono state uccise da guardie di confine turche: quattro donne, tre bambini, un uomo. Ankara nega sdegnosamente e apre un’inchiesta fra i propri militari posti a controllare il confine meridianale della...

(20 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

Il condor plana sul Venezuela

Sempre più vicina la minaccia golpista

Il documento statunitense Venezuela Freedom 2 mette nero su bianco i tentativi di destabilizzazione Il condor è tornato a volare in America Latina da tempo (vedi i golpe in Honduras, Paraguay e Brasile) e adesso si è fermato in Venezuela. Non che il rapace a stelle e strisce se ne fosse mai andato, ma ora sta per planare a tutta velocità su Caracas, forte della disinformazione...

(17 Giugno 2016)

David Lifodi - PeaceLink


in: «La rivoluzione bolivariana»

ISRAELE VS HEZBOLLAH: QUESTIONE DI TEMPO

In occasione del prossimo decimo anniversario per il ricordo dell’invasione del Libano da parte dell’esercito israeliano nel 2006, la stampa libanese e quella di Tel Aviv sembrano aver cominciato a riprendere un argomento diventato ormai frequente e costante in questi mesi: il prossimo conflitto, ormai il terzo, tra Israele ed Hezbollah. Secondo molti analisti ed esperti dell’area,...

(16 Giugno 2016)

Stefano Mauro


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

L’Italia alla guerra in Siria a fianco di Erdogan

Operazione top secret dell’Esercito italiano al confine turco-siriano. Il 6 giugno, una batteria di missili terra-aria SAMP/T e una trentina di militari italiani sono stati schierati nella zona di Kahramanras, a nord di Gaziantep (Turchia meridionale), nell’ambito dell’impegno assunto dalla NATO a protezione dello spazio aereo turco dal “rischio di sconfinamenti provenienti...

(15 Giugno 2016)

Antonio Mazzeo


in: «Siria, tra guerra civile e ingerenze imperialiste»

Usa, l’insicurezza della Sicurezza e la guerra tranquillizzante

Nel Paese più militarizzato del mondo e a maggiore densità di soggetti che lavorano per le Intelligence ufficiali e ufficiose, istituti come G4S, per il quale lavorava il killer di Orlando Omar Mateen, diventano un supporto non indifferente al controllo di ogni angolo dei cinquanta Stati confederali. La G4S è stata la trasformazione di una società di vigilanza per compagnìe...

(13 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Regeni: l’unica verità è l’omicidio di regime

Ricatti incrociati fra Intelligence interne, quella Nazionale e quella Militare, già in altre fasi in contrasto fra loro, sarebbero alla base della torbida vicenda che ha prodotto il crudele assassinio di Giulio Regeni. Lo ribadiscono in un articolo i giornalisti de La Repubblica (Bonini, Foschini, Tonacci) che hanno trascorso giornate al Cairo, sviluppando un’inchiesta parallela a quella...

(9 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

ISRAELE- ARABIA SAUDITA: ORMAI UNA SOLIDA ALLEANZA

L’alleanza tra Israele e Arabia Saudita in Medio Oriente continua a evolversi sempre più velocemente a livello di convergenze geo-politiche, militari ed economiche. Se, infatti, solo qualche mese fa i primi media orientali e occidentali cominciavano a parlare di relazioni e contatti tra i due stati, ormai si può parlare non solamente di una vera e propria normalizzazione dei rapporti...

(9 Giugno 2016)

Stefano Mauro


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Istanbul, nuove bombe sul Bosforo

Autobomba e morti fra militari e civili. Dodici in tutto. Il copione, già visto in azione ad Ankara e Istanbul, s’è ripetuto per le vie della stella del Bosforo, nel quartiere di Beyazit, versante europeo. Uno dei luoghi più frequentati, oltre che dalla vivace vita locale, dai turisti che negli ultimi mesi sono paurosamente calati (meno 30% dicono le stime) proprio a causa...

(8 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

LIBIA. Il premier al-Sarraj rifiuta l’intervento militare internazionale

In una intervista al quotidiano francese Journal du Dimanche, il primo ministro libico chiede l’aiuto occidentale, ma si dice contrario a nuovi bombardamenti. Sabato brigate affiliate al governo di Tripoli hanno conquistato una base aerea a 20 chilometri dal fortino jihadista di Sirte “E’ vero, abbiamo bisogno del sostegno della comunità internazionale per combattere il terrorismo...

(6 Giugno 2016)

Nena News


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Contro la cittadinanza onoraria al golpista Poroshenko

Verona, 11 marzo: presidio dalle 15.30 alle 18.30 in Piazza Bra La giunta comunale di Verona ha approvato la proposta del sindaco Flavio Tosi di conferire la cittadinanza onoraria al capo della giunta golpista ucraina Poroshenko quale segno di riconoscenza per il recupero dei quadri di Castelvecchio. Il Comitato veronese di solidarietà con l’Ucraina antifascista chiede l’immediata...

(6 Giugno 2016)

Il Comitato veronese di solidarietà con l’Ucraina antifascista


in: «Ucraina: un paese conteso»

La battaglia è comune: la difesa del Venezuela bolivariano è la difesa anche dei nostri diritti

Il Venezuela subisce in queste ore un tremendo attacco da parte delle oligarchie finanziarie per la destituzione di un governo democratico e sovrano. L'inizio dell'ultima offensiva destituente è datato 12 aprile, con un editoriale del Washington Post: "il Venezuela ha disperatamente bisogno di un intervento politico dei suoi vicini, che per questo dispongono di un meccanismo appropriato nella...

(5 Giugno 2016)


in: «La rivoluzione bolivariana»

Basta con le chiacchiere sul liberismo, sta avanzando un infame protezionismo difeso da una formidabile barriera atomica

Per comprendere la politica internazionale, bisogna evitare di isolare i singoli problemi, ma sforzarsi di connetterli in una visione generale. Ogni studio approfondito, ad esempio sulla questione dell’immigrazione o sulla situazione dell’Iraq è il benvenuto, ma perde molto della sua efficacia se non lo si inserisce nel contesto internazionale. Quando cerchiamo di conoscere un territorio,...

(4 Giugno 2016)

Michele Basso


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Sulla visita di Obama
in Vietnam e a Hiroshima

di Alejandro Iturbe (*) il presidente statunitense Barack Obama sta dedicando l'ultima parte del suo secondo mandato a realizzare visite in distinti paesi del mondo [questo articolo è stato scritto la settimana scorsa, ndt]. Questa volta è il turno di un viaggio in Oriente che include il Vietnam e la città giapponese di Hiroshima. Entrambi i posti sono simboli di fatti molto...

(4 Giugno 2016)

Traduzione dallo spagnolo di Massimiliano Dancelli - Pdac


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Una città che aspetta di essere liberata, Manbij

I popoli della Siria si sono ribellati chiedendo un cambiamento in Siria nel 2011 e sono passati all’azione contro il regime Baath. Ma la sanguinosa repressione del regime Baath ha portato la Siria in una guerra civile. Le bande locali e straniere si sono riunite sotto il nome Esercito Libero Siriano (ELS) e hanno tradito la richiesta di cambiamento, trasformazione, giustizia e libertà...

(3 Giugno 2016)

uikionlus.com


in: «Siria, tra guerra civile e ingerenze imperialiste»

Kurdistan turco, il mattone dopo il cannone

Sembrerebbe un mea culpa, ma non lo è. Il vicepremier e portavoce del governo turco Numan Kurtulmus dichiara che i nove mesi (s’iniziò il 4 settembre 2015) d’assedio continuato e semi interrotto a varie città kurde del sudest anatolico, da Diyarbakir a Cizre, passando per Silopi, Idil, Yukeskova e in quest’ultime settimane Nusaybin, hanno prodotto la distruzione...

(1 Giugno 2016)

Enrico Campofreda


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

Un 2 giugno di Pace camminando con Dino Frisullo

Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre. Una “Repubblica democratica” non può mai essere rappresentata da una parata militare L’Italia è una “Repubblica democratica” recita l’articolo 1 della Costituzione Italiana....

(31 Maggio 2016)

Alessio Di Florio


in: «No basi, no guerre»

IRAQ: TRA CONFESSIONALISMO E JIHADISMO

Quando nel 2003 il presidente americano George W Bush decise di attaccare ed invadere l’Iraq, in poco tempo il regime di Saddam Hussein venne sconfitto dalla coalizione internazionale, ma con esso fu subito distrutto tutto l’apparato militare, burocratico e di polizia all’interno dello stato iracheno. Nei successivi nove anni gli USA tentarono di ricostruire un apparato burocratico...

(29 Maggio 2016)

Stefano Mauro


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Rojava: come si crea un processo rivoluzionario

Quando la guerriglia curda cacciò esercito e polizia siriani dal Rojava (19 luglio 2012), il vuoto militare fu riempito dalle unità di protezione popolare (Ypg), che non potevano risolvere, tuttavia, il problema della creazione dell'organizzazione della vita sociale e dell'economia. Il Pyd si fece promotore di un'intesa tra diverse forze politiche, sociali e religiose della Siria settentrionale,...

(29 Maggio 2016)

Infoaut


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

861082