IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c11:o2

 

Ultime notizie

Imperialismo e guerra

Ultime notizie (dal 7 Marzo 2019 a oggi )

Egitto, Sisi imita Erdogan

Come Erdogan e più di lui, Abdel Fattah al-Sisi il generale-presidente d’Egitto che cela dietro la grandezza d’un regime basato sul terrore la sua minuzia di dittatore piccolo piccolo, adotta la linea della riforma costituzionale per poter conservare il potere per un altro decennio. Il decreto che rende possibile tale prolungamento è stato approvato ieri da un Parlamento...

(17 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Misteri sauditi e lotte di palazzo contro i superpoteri di Mbs

Sullo sfondo c’è il delitto. Talmente imperfetto da diventare la pietra dello scandalo degli ultimi mesi di casa Saud. Delitto ordinato, ormai l’ammette anche la Cia, dal principino bin Salman, che il papà-re, salito sul trono già vecchio a 79 primavere, aveva innalzato a suo delfino due anni fa, usurpando al nipote Muhammad bin Nayef un ruolo già conferito....

(21 Marzo 2019)

Enrico Campofreda

La Turchia del dopovoto e lo spettro della crisi

A dieci giorni dallo scossone elettorale rifilato dalla Turchia metropolitana al partito di governo è in corso fra quest’ultimo e l’alleanza fra repubblicani e IYI Party un polemico scambio di battute sui ricorsi presentati al Consiglio Elettorale Supremo. L’Akp, che ha perduto la guida delle maggiori città: Istanbul, Ankara, Izmir, Adana, Antalya sostiene la tesi di...

(11 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Turchia, i segnali del voto

Analisti e politici turchi, quest’ultimi vincenti e perdenti, si chiedono se il risultato del voto amministrativo di domenica prospetti un cambiamento che disegna un Paese diverso da quello conosciuto negli ultimi diciassette anni. La valutazione, pur potendo seguire percorsi analitici articolati, non evidenzia grandi novità. Temi centrali delle elezioni erano: sicurezza ed economia....

(4 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Ankara e Istanbul voltano le spalle a Erdogan

Ciò che gli osservatori avevano posto al centro dell’attenzione per le amministrative turche: quella crisi economica che attanaglia il Paese, facendo segnare un’inflazione al 20% e una disoccupazione al 13% tanto da costituire un fattore di rischio per il governo-regime dell’Akp, ha confermato i timori. Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo perde la capitale e, al momento...

(1 Aprile 2019)

Enrico Campofreda

Settanta anni di guerra, terrore e reazione politica
Fuori l’Italia dalla NATO!

Settanta anni fa, il 4 aprile 1949, fu firmato a Washington il Patto Atlantico, istitutivo della NATO. Questo Patto fu stabilito da una coalizione di 12 paesi imperialisti e capitalisti occidentali, diretti dagli Stati Uniti, come un'organizzazione di accerchiamento militare, di aggressione, di attacco e di guerra contro l'Unione Sovietica e le democrazie popolari. La NATO fu concepita fin dalla...

(4 Aprile 2019)

Da Scintilla n. 98 – aprile 2019

NATO E UNIONE EUROPEA

Il 4 aprile 2019 ricorre il settantesimo anniversario della firma del Patto Atlantico avvenuta appunto il 4 aprile 1949. Un anniversario da ricordare proprio nel momento in cui la creazione della “Via della Seta”da parte cinese fa emergere un segnale tangibile della fine del “ciclo atlantico”. Il “ciclo atlantico” è stato, infatti, inteso come perno del sistema...

(3 Aprile 2019)

Franco Astengo

Qatar, carcerieri e prigionieri dialogano sul futuro afghano

A Doha, nel dialogare fitto o centellinar parole, si ritrovano faccia a faccia anche soggetti finiti in ruoli contrapposti. Se non sono diretti carcerieri certi rappresentanti statunitensi conoscono a menadito le storie dei signori Mohammad Fazl, Abdul Haq Waziq, Mohammed Nabi, Mullah Khairkhwa e Mullah Noori. Tutti passati per Guantanamo da detenuti, in genere catturati con ‘extraordinary rendition’...

(28 Marzo 2019)

Enrico Campofreda

Kabul, smania di stragi e avvertimenti

Dasht-e Barchi, area ovest di Kabul stamane sopraggiungeva un bel manipolo di uomini che contano, in gran parte signori della guerra (Mohaqiq, Salahuddin Rabbani), l’ex presidente Karzai, i vicepresidenti Abdullah e Qanooni, i candidati alle presidenziali Atmar e Pedram. Avrebbero preso parte alla commemorazione di Ali Mazari, leader dell’Hezb-e Wahdat e signore della guerra sul versante...

(7 Marzo 2019)

Enrico Campofreda

Anche noi pacifisti abbiamo rimosso il problema Libia

E' di un'ora fa la notizia data dal Viminale che un gruppo di migranti ha dirottato un mercantile che li stava riportando in Libia. Dirottare con la forza una nave che ti ha soccorso è un atto di pirateria, ma si può condannare chi reagisce perché viene riportato in un paese che non rispetta i diritti umani per gli stranieri che transitano dal suo territorio, rischiando violenze...

(27 Marzo 2019)

Marco Palombo

Venezuela: la resilienza politica in una grave emergenza materiale

Da sibialiria.org La penuria di acqua (il latte di Madre Terra come lo chiama il filosofo della Bolivia ed ex ministro David Choqueanca, ora segretario dell’Alleanza Alba) fa passare in secondo piano quello che era il primo pensiero dei venezuelani: acquisire a prezzi abbordabili gli alimenti e i prodotti che non essendo essenzialissimi non sono distribuiti a prezzi ultrasovvenzionati. Le persone...

(14 Marzo 2019)

Marinella Correggia da Caracas

Gazawi cuce vesti che raffigurano eredità palestinese

Gaza-MEMO. Suleiman Abu Taima usa delicatamente una serie di colori per ricucire insieme immagini che rappresentano l’eredità palestinese, nel modo in cui sua madre gli ha insegnato. Il ventiduenne afferma che il suo amore per i colori e la passione per il lavoro di sua madre lo hanno portato ad osservarla da vicino e ad imparare le sue abilità nel ricamo. Questa professione,...

(13 Marzo 2019)

Agenzia stampa Infopal

ALTRE NOTIZIE

NUOVA VIA DELLA SETA

Colonizzati i colonizzatori

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, segnalando anche, con l'occasione, la pagina Facebook https://www.facebook.com/internationalcommunistparty/ Le tensioni politiche e finanziarie sono lo scenario obbligato del “grande gioco” dello scontro inter-imperialistico al quale, nel ciclo finale di questa era, le potenze declinanti e quelle ascendenti sono storicamente costrette. Fu nell’autunno...

(18 Aprile 2019)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

L’“affare cinese” e le capriole della borghesia italiana

Le polemiche emerse riguardo la firma del Memorandum e dei 29 accordi finanziari, commerciali e istituzionali tra il governo italiano e quello cinese nell’ambito del progetto “Belt and Road Initiative” (BRI), avvenuta il 23 marzo scorso, hanno messo in luce che il nostro paese è direttamente implicato nella disputa fra l’imperialismo nordamericano e quello cinese per...

(9 Aprile 2019)

Da Scintilla n. 98 – aprile 2019

SI APRE UN NUOVO CICLO? RICONSIDERARE LE CONTRADDIZIONI

Si sta concludendo il ciclo del “dominio atlantico” e della “globalizzazione”? I segnali, da tempo, ci stanno tutti: prima la crisi del 2008, poi il crescendo protezionista e le tensioni di potenza tra Stati Uniti, Cina e Russia. Le vicende legate alla “via della seta” appaiono paradigmatiche di un nuovo quadro. Alziamo lo sguardo dal provincialismo di casa nostra...

(29 Marzo 2019)

Franco Astengo

1018218