il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Scenari africani

Un continente al centro della contesa mondiale, tra lotte sociali e conflitti per il controllo delle risorse

(313 notizie dal 2 Settembre 2007 al 28 Ottobre 2019 - pagina 1 di 16)

NIGERIA: LE CONTRADDIZIONI
DELLA PRIMA ECONOMIA AFRICANA

Dal n. 82 di "Alternativa di Classe" La Nigeria è il Paese più popoloso del continente africano. E' un Paese giovanissimo e in forte crescita demografica: l'età media della popolazione è di 18 anni, il 40% della popolazione ha meno di 14 anni e, con un tasso di crescita del 2,6% annuo, dovrebbe raggiungere nel 2050 i 250 milioni di abitanti, poco meno della metà...

(28 Ottobre 2019)

Alternativa di Classe

Sul Ruanda

Gli avvenimenti in Ruanda, i processi di genocidio e le implicazioni di lotta economica, di scontri geopolitici e etnici sono tuttora oggetto di scontri diplomatici, di interferenze, di comportamenti opportunistici della “comunità internazionale”, cioè dei paesi al vertice della gerarchia imperialista. “In Praise of Blood” (Il valore del sangue) è un libro-inchiesta...

(3 Giugno 2019)

Nicolai Caiazza

IMPERIALISMO CINESE IN AFRICA

Il continente africano è stato da secoli terra di saccheggio e di sfruttamento per le potenze capitalistiche. Oggi a queste si è aggiunta la Cina che ha avuto nel giro di due decenni una tale crescita della sua presenza in Africa da diventare il principale partner economico di molti paesi. Il capitalismo cinese, con tassi di crescita del Pil attestati intorno al 9% annuo dagli anni...

(12 Maggio 2019)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

AFRICA: LA NUOVA MEGA-AREA DI LIBERO SCAMBIO

Dal n. 74 di "Alternativa di Classe" Le “aree di libero scambio” nascono sulla base di Free Trade Agreement (F.T.A.), cioè “Accordi di libero commercio” fra Stati, quasi sempre vicini, che eliminano le barriere (del tutto o in parte), tariffarie e non, alla libera circolazione di beni e servizi tra loro, pur mantenendo una propria politica commerciale verso Paesi terzi. EEA...

(6 Marzo 2019)

Alternativa di Classe

Rivolta proletaria in Sudan

Dal Partito Comunista N.393 Gennaio-Febbraio 2019

La rivolta del pane in Sudan è incominciata il 19 dicembre del 2018 nella città di Atbara, un centro posto sulla confluenza dell’omonimo fiume col Nilo. Posta sulla strada che congiunge la capitale Khartum (400 chilometri a sud-ovest) con Porto Sudan (660 ad est), il più importante porto del paese che si affaccia sul Mar Rosso, Atbara è stata la capitale dell’industria...

(24 Febbraio 2019)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

FEDERAZIONE CENTRO-AFRICANA E DECOLONIZZAZIONE

Dal n. 72 di "Alternativa di Classe" Nel Dicembre 1953 si costituì, voluta dal Primo Ministro inglese, W. Churchill, la Federazione Centro-Africana, un'entità semi-indipendente, che comprendeva la colonia della Rhodesia Meridionale, il protettorato della Rhodesia Settentrionale ed il protettorato del Nyasaland, tre possedimenti britannici. La Rhodesia Meridionale aveva una superficie...

(6 Gennaio 2019)

Alternativa di Classe

IL TRAVAGLIATO “PROCESSO DI PACE” IN SUDAN

Dal n. 71 di "Alternativa di Classe" Il Ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt, dal 27 al 30 Ottobre, ha tenuto dei colloqui a Khartoum, per discutere con il Presidente sudanese Al-Bashir gli sviluppi dei recenti processi di pace. A seguito degli incontri, anche il Presidente del Movimento Giustizia ed Eguaglianza (JEM), movimento antigovernativo di ispirazione islamista, ha sottolineato come...

(8 Dicembre 2018)

Alternativa di Classe

I PROBLEMI DELL'ECONOMIA IN SUDAN

Dal n. 68 di "Alternativa di Classe" Il principale Paese in cui sono dirette le esportazioni sudanesi, a partire dal petrolio, ormai da decenni è la Cina, seguita a distanza dall'Arabia Saudita. Invertendo l'ordine, è sempre da questi due Paesi che sono provenute le principali importazioni. Dopo la decisione statunitense di cancellazione delle sanzioni economiche verso il Sudan, il dollaro...

(30 Agosto 2018)

Alternativa di Classe

UNA NUOVA FASE NEI RAPPORTI TRA USA E SUDAN

Dal n. 64 di "Alternativa di Classe" Nell'Ottobre '17 Donald Trump aveva approvato l’eliminazione delle sanzioni contro il Sudan, sanzioni imposte nel 1997 dall’ex presidente Bill Clinton. L’opinione pubblica sudanese si è rapidamente resa conto delle menzogne del Governo, di come la sottomissione del Sudan a delle “ingiuste e ingiustificate” sanzioni non fosse...

(28 Aprile 2018)

Alternativa di Classe

Avvoltoi tricolori sul Niger

Pubblicato sulla rivista nuova unità, febbraio 2018 “Paesi specializzati nel guadagnare e paesi specializzati nel rimetterci: ecco il significato della divisione internazionale del lavoro…… La nostra ricchezza ha sempre generato la nostra povertà per accrescere la prosperità degli altri: gli imperi e i loro caporali locali” Eduardo Galeano, Le vene aperte...

(15 Febbraio 2018)

Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, Sesto San Giovanni (MI)

SUDAN: CROCEVIA DI INTERESSI IMPERIALISTICI

Dal n. 61 di "Alternativa di Classe" Il Sudan sta vivendo una sempre maggiore crisi, sia dentro che fuori confine. Sul lato interno, dopo anni sotto una dittatura, che ha puntato tutto su corruzione e corsa agli armamenti, le casse dello Stato non sono più state in grado di sostenere la fragile economia del paese. Nei primi giorni del 2018 sono entrate in vigore una serie di leggi che, prevedendo...

(27 Gennaio 2018)

Alternativa di Classe

No alle missioni militari all’estero!
Fuori le truppe italiane dall’Africa!

La Camera ha indegnamente chiuso la sua attività nella XVII legislatura con il voto favorevole alla prosecuzione delle missioni militari dell’imperialismo italiano (Afghanistan, Iraq, Libano, Kossovo, Libia, etc.) e all’avvio di nuove missioni in Niger e in Tunisia, volute dal governo Gentiloni. In Niger saranno inviati 470 militari e 130 veicoli e due aerei, nell’ambito...

(18 Gennaio 2018)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

NIGER

La Camera ha approvato l’invio dell’ennesima missione militare italiana in zona di guerra: questa volta si tratta del Niger, nel cuore dell’Africa martoriata da eventi bellici che mascherano semplicemente le propensioni eternamente coloniali delle cosiddette grandi potenze occidentali, cui l’Italia continua ad allinearsi in una vocazione subalterna di imperialismo di risulta. E’...

(18 Gennaio 2018)

Franco Astengo

Niger alla Camera ma non al Senato. L’accordo truffa tra LeU, M5S, Pd, Forza Italia, Lega

Avrei messo un punto interrogativo al titolo di questo scritto, ma penso che nessuno si interesserà alla questione che pongo e ritengo importante. Allora dò per scontato che c’è una finta opposizione di M5S e LeU alla missione in Niger e sarei contento di essere smentito da qualcuno con elementi che non sono riuscito a trovare. Oggi si discute e vota alla Camera sulle...

(17 Gennaio 2018)

M.P.

Via dalla Libia! No alla missione in Niger!

L'ipocrisia dell’imperialismo italiano è pari solo alla sua infamia. Dopo aver firmato intese con il fantoccio Sarraj e le milizie sahariane per sigillare la rotta libica - che hanno avuto come conseguenza altre stragi in mare e l’incarceramento di migliaia di migranti nei lager dove si commettono torture e abusi - Gentiloni e Minniti hanno pagato una marchetta al Vaticano prima...

(29 Dicembre 2017)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Il lavoro sporco dell'Italia in Africa

Le vere ragioni della spedizione in Niger

«Se l'Europa vuole che facciamo il lavoro sporco con i migranti, deve mettere mano al portafoglio. L'aiuto UE è più che benvenuto». Sono le parole testuali del Presidente del Niger Mahamadou Issoufou dello scorso marzo. Sono parole che spiegano la vera natura della politica europea sul fronte dell'immigrazione, in primo luogo di quella italiana. Non solo in Libia, ma nell'Africa...

(27 Dicembre 2017)

Partito Comunista dei Lavoratori

Niger, Acerbo: «No a spedizione neocoloniale. M5S e Grasso neghino il consenso a questa nuova “avventura” di guerra»

«L’annunciato invio di un contingente di 470 militari e oltre 150 veicoli in Niger rappresenta un ulteriore e preoccupante salto di qualità della politica neocoloniale del governo Gentiloni – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea -. I militari italiani saranno chiamati a sostituire la legione straniera francese in...

(14 Dicembre 2017)

rifondazione.it

Nuova difficile missione militare italiana, 450 soldati in Niger

Decreto in Parlamento nei prossimi giorni

Repubblica di oggi 14 dicembre dedica le pagine 2 e 3 alla nuova missione militare italiana in Niger che impiegherà 450 uomini e 150 automezzi. "non solo per addestrare", come scrive nel titolo, ma anche per "attività di sorveglianza e controllo del territorio". Il testo del decreto è stato inviato al Quirinale e nei prossimi giorni sarà sottoposto all' approvazione del...

(14 Dicembre 2017)

M.P.

AFFARI IN AUMENTO TRA ITALIA E SUDAN

Dal n. 58 di "Alternativa di Classe" Giovedì 12 Ottobre 2017 è entrata in vigore la sospensione delle sanzioni verso il Sudan da parte degli USA. Il 16 Settembre il Ministro delle finanze sudanese si era recato in visita in Europa, ed al suo ritorno aveva annunciato pubblicamente di aver trovato un accordo in Italia, Francia, Olanda e Belgio per investire, sempre dal 12 Ottobre, nell’innovazione...

(27 Ottobre 2017)

Alternativa di Classe

Kenya: domani urne aperte, ombre sulla trasparenza del voto

“Incertezza, timori di brogli, fuga dalle aree più a rischio, verso zone sicure”, Tommy Simmons – fondatore di Amref Italia e profondo conoscitore del Kenya – analizza la situazione ad un giorno dal voto. Amref – principale organizzazione che si occupa di salute in Africa – è nata nel 1957 proprio in Kenya, dove risiede il quartier generale di tutta...

(7 Agosto 2017)

Nena News

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

357537