il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Acqua

Acqua

(18 Novembre 2009) Enzo Apicella
Il senato approva la privatizzazione dell'acqua.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Acea continua a lasciare senz'acqua i cittadini... La Giunta Capitolina che fa?

(28 Ottobre 2013)

Il Coordinamento Romano Acqua Pubblica sta ricevendo ormai quotidianamente segnalazioni da parte di cittadini romani che vengono privati del bene primario acqua dalla Società per Azioni AceaAto2 che, per qualche decina di euro di morosità, non esita ad interrompere completamente il flusso idrico ad intere famiglie.

Questo nonostante la tariffa che AceaAto2 sta facendo pagare ai cittadini sia illegittima poiché continua a contenere la quota di profitto abrogata dalla vittoria referendaria di giugno 2011.

Nella mattinata di mercoledì 23 ottobre 2013 gli abitanti del condominio di via dei Fiori 34 si sono svegliati con una brutta sorpresa. I tecnici di una ditta inviata da Acea Ato2 hanno interrotto completamente la fornitura dell’acqua a 12 condòmini tra cui anziani in assistenza, una donna incinta e un neonato di appena 40 giorni.

"La motivazione addotta dalla ditta che opera i distacchi - spiegano i condòmini - era la morosità di una bolletta arretrata di 300 euro.

Nessuno di noi, in quanto utilizzatori del servizio e consumatori individuali, era stato avvisato o messo nelle condizioni di evitare questo distacco semplicemente perché nessun preavviso è stato mai affisso nel nostro palazzo né noi abitanti della palazzina abbiamo mai ricevuto lettere che sollecitassero il condominio al pagamento.

E’ noto a tutti che la giurisprudenza (con sentenze di Tribunali in tutto il paese) si è espressa contro l’interruzione del servizio idrico per le utenze domestiche sulla base del principio che “la sospensione della fornitura di un bene primario come l'acqua appare sproporzionato a fronte di un inadempimento pecuniario”.

E’ semplicemente vergognoso quindi che, in un momento come questo di forte crisi e di difficoltà economiche per molti cittadini, avvengano dei veri e propri abusi di questo tipo che rischiano di creare danni non solo patrimoniali, ma anche alla salute e che ledono diritti fondamentali come l’accesso all’acqua potabile.

Ora come condòmini subiremo oltre al danno la beffa di questa azienda, che già fa lauti profitti sui servizi di pubblica utilità, che accrediterà una spesa ulteriore per il costo distacco e del riallaccio!

Chi permette queste vere e proprie speculazioni sui soggetti più deboli?

Che cosa dice e cosa intende fare l’amministrazione comunale capitolina (che è proprietaria del 51% di ACEA) e quella dei municipi dove risiediamo per garantire ai propri cittadini l’accesso ai servizi essenziali? Che fine hanno fatto le belle intenzioni e l’impegno a parole del Sindaco e della Giunta del Comune di Roma perché Acea Ato2 mettesse fine all’abuso della pratica dei distacchi per morosità, considerata “una pratica lesiva di un diritto umano”?

Dovremo difenderci da soli con denunce e querele da chi cerca solo di metterci le mani in tasca con questi abusi o qualche amministratore si farà carico di questo problema sociale?"


Il Coordinamento Romano Acqua Pubblica continuerà a mettere in atto iniziative di pressione nei confronti della Giunta Capitolina che, nonostante due mozioni contro i distacchi approvate nell'ultimo mese, continua a non essere in grado di garantire il rispetto di due diritti fondamentali: l'accesso all'acqua e il rispetto della democrazia.

Ricordiamo che la strada per il rispetto dei diritti e della volontà dei cittadini romani è già stata indicata con la proposta di ripubblicizzazione di Acea, poichè è ormai evidente che non sarà possibile garantire il diritto all'acqua fino a che i privati non saranno finalmente usciti dalla sua gestione, in modo da rimettere al centro gli interessi della città e non i profitti di pochi speculatori.

Roma, 28 Ottobre 2013

Coordinamento Romano Acqua Pubblica

7434