il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

I GOVERNI HANNO DATO LICENZA AI PADRONI DI LICENZIARE

(28 Dicembre 2011)

Attila Papp in Romania lavorava come ingegnere meccanico, in Italia era stato assunto da una cooperativa in un appalto per l'Università Roma Tre, come giardiniere.

Quello che doveva essere un lavoro umile ma in regola si è però ben presto trasformato in ben altro. Attila si è visto costretto a lavorare fino a 12 e 14 ore al giorno, la domenica e il giorno di Natale, senza alcuna dotazione antinfortunistica e di protezione. Le sue mansioni si sono moltiplicate con il passare del tempo e si è ritrovato a pulire servizi igienici, a fare il giardiniere, il manovale, l’idraulico, l’elettricista, a sterrare, scavare, trasportare tonnellate di stabilizzato e di tufo, con la carriola, senza l’ausilio di alcun mezzo meccanico, a fare fino a 150 ore mensili di “straordinari”, pagati come ore ordinarie, sotto la pioggia o con la canicola fino allo svenimento, fino all’intervento del 118, fino a riportare seri e gravi danni alla schiena, e con il continuo ricatto del licenziamento.
Alla fine il licenziamento è arrivato.
L'Associazione Dhuumcatu chiede l'assunzione immediata del signor Attila Papp e chiede per lui un posto di lavoro che tenga conto delle sue condizioni di salute, così come chiede l'assunzione di tutti i lavoratori licenziati ed esprime solidarietà con chi lotta per difendere il suo posto di lavoratore, come stanno facendo i lavoratori delle FS.
Crediamo che le festività natalizie siano il periodo migliore perché si ripari agli errori e si faccia giustizia e si riporti la pace e la serenità in tutte le famiglie, anche in quella di Attila Papp.
Vi invitiamo perciò a firmare e far firmare la petizione che i compagni di lavoro di Attila hanno lanciato e che troverete all'indirizzo:

http://giustiziaperattila.blogspot.com/p/firma-l-appello.html

Viva la lotta dei lavoratori !

Associazione Dhuumcatu

2100