il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Wall Street

Wall Street

(14 Ottobre 2011) Enzo Apicella
Ancora manifestazioni a Wall Street

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Contro il governo delle banche e i diktat dell'Unione Europea

No al governo Monti - Noi vogliamo decidere

(5 Febbraio 2012)

banchetto no monti

Noi vogliamo decidere sul nuovo Trattato della UE e sull’articolo 81 della Costituzione

I governi dell’Unione Europea stanno varando un nuovo Trattato di stabilità per rendere permanenti i piani di austerità, per salvare le banche e per garantire alla grande finanza il pagamento di interessi usurai sui titoli pubblici. Questi piani prevedono:
- il taglio di pensioni, salari e stipendi;
- la cancellazione dei diritti dei lavoratori;
- la privatizzazione dei servizi pubblici;
- l'aumento della tasse indirette, quelle che pagano tutti indipendentemente dal reddito.

Con questo Trattato i governi, qualunque siano i loro colori politici, dovranno attuare nelle politiche di bilancio le decisioni del Consiglio europeo, della Commissione europea e della Banca Centrale Europea: la democrazia sarà cancellata anche formalmente, il potere sarà definitivamente nelle mani dei mercati finanziari, delle banche, della tecnocrazia.
Oggi vogliono “commissariare” la Grecia, domani potremmo essere tutti “commissariati” dall'Unione Europea.

Per accogliere i diktat dell’Unione Europea il Parlamento italiano sta riscrivendo l’articolo 81 della Costituzione per imporre il pareggio di bilancio così impedire che le istituzioni pubbliche, dallo Stato ai Comuni, possano intervenire nella gestione dell’economia a salvaguardia degli interessi generali.

NOI vogliano decidere e quindi chiediamo:

1. un referendum popolare di indirizzo – come quello già tenutosi in Italia nel 1989 – sull'Accordo di Unione economica rafforzata;

2. un referendum popolare, rispettando le condizioni previste dall'articolo 138 della Costituzione, sulle modifiche dell'articolo 81 della Carta costituzionale.

Firma anche tu la petizione popolare

ai banchetti del comitato No debito che si terranno a Padova:

sabato 4 febbraio ore 9-13 in piazza Forcellini
venerdì 10 febbraio ore 9-13 ingresso "La Corte", in via Bajardi (Mortise)
sabato 11 febbraio ore 9-13 in Piazzale Cuoco (Guizza)
sabato 18 febbraio ore 9-13 in via Facciolati ingresso ospedale Sant'Antonio
sabato 25 febbraio ore 9-13 in Corso del Popolo ingresso Giardini Pubblici
sabato 3 marzo ore 9-13 in Prato della Valle lato Foro Boario

o partecipando alle prossime riunioni del comitato NO debito di Padova che saranno giovedì 16 febbraio e giovedì 1 marzo alle ore 20.45 alla Casa dei Diritti in via Bettella 2/ter (Arcella)

Comitato No Debito Padova

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Appuntamenti sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

Ultime notizie dell'autore «NOI NO debito»

6551