il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Picninc

Picninc

(20 Agosto 2013) Enzo Apciella

Tutte le vignette di Enzo Apciella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

Soldi in cambio di visti: ancora truffe

(23 Settembre 2013)

passport

Soldi in cambio di un visto di ingresso. Fino a 2.500 euro, per avere i documenti utili a dimostrare di avere un contratto di lavoro, condizione necessaria per ottenere il visto d’ingresso in Italia secondo la legge Bossi-Fini.
Dalla sua entrata in vigore nel 2002, infatti, la legge ha introdotto il “contratto di soggiorno”: la persona che vuole venire in Italia ottiene il visto a condizione di avere, ancora prima della sua partenza, un datore di lavoro che si impegna ad assumerlo con una chiamata nominativa.

Un percorso complesso e che, di fatto, nasconde un’ipocrisia di fondo: i contratti per lavoro subordinato sono ad oggi estremamente rari, e inoltre sono davvero poche le persone che chiamano nominalmente una persona residente all’estero per lavorare qua in Italia. Più frequenti sono le procedure di emersione, gli accordi tra datore di lavoro e lavoratore per regolarizzare una situazione in corso d’opera, oppure, come abbiamo già riportato (ad esempio qui e qui), le truffe.

In questo caso, a denunciare il truffatore, un 52enne di Latina, è stata una signora indiana: la donna ha versato la somma di 10mila euro per ottenere i nulla osta al lavoro stagionale per quattro suoi connazionali. Gli inquirenti hannp arrestato lìuomo, accertando che la documentazione fornita era falsa, tanto che i cittadini indiani che hanno pagato non hanno mai ottenuto il visto d’ingresso per l’Italia.

Cronache di ordinario razzismo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Cronache di ordinario razzismo»

6411