il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Congratulations, USA

Congratulations, USA

(8 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

AGIRE ORA PER SCONGIURARE UN MASSACRO CONTRO I CURDI A KOBANE!

(8 Ottobre 2014)

colosseocurdi

MERCOLEDI’ 8 OTTOBRE 2014
A PARTIRE DALLE 19.00 AL COLOSSEO - ROMA
FIACCOLATA, KOBANE NON E’ SOLA!
CONTRO IL FASCISMO DELLO STATO ISLAMICO!
PER L’AZIONE DELLA COMUNITA’ INTERNAZIONALE!


L’organizzazione terroristica IS (Stato Islamico) sta sfortunatamente avanzando dentro la città Kobane nel Kurdistan occidentale (Siria settentrionale). Sono già entrati in alcuni quartieri della città.
Le forze popolari di difesa curde, le YPG/YPJ, stanno eroicamente difendendo la città ed i civili contro gli attacchi di IS, con armi molto limitate e senza supporto tecnico contro le armi pesanti che IS ha confiscato all’esercito regolare iracheno.
Migliaia di civili a Kobane sono sotto imminente minaccia di massacro. Migliaia di civili sul confine turco sono anch’essi sotto minaccia di essere attaccati sistematicamente da IS. La popolazione kurda del nord (Turchia), accorsa con catene umane al confine per aiutare i fratelli kurdi in Siria, viene repressa dall’esercito turco con botte e gas lacrimogeni, mentre i tagliagole di IS attraversano il confine indisturbati rifornendosi di armi e curandosi dalle ferite.
Il presidente del Cantone di Kobane, Mr Enver Muslim, ha avvisato le potenze internazionali della minaccia due giorni fa. Ha chiesto alla coalizione internazionale di rompere il silenzio e ha dichiarato: “Se IS entra a Kobane e commette un massacro di migliaia di persone, tutte le potenze internazionali saranno ritenute responsabili.”
L’obiettivo principale degli attacchi di IS è quello di distruggere il sistema alternativo di autonomia democratica che si è creato in Rojava. Se il mondo vuole la democrazia in Medio Oriente, dovrebbe riconoscere l’autonomia democratica istituita dal luglio 2012 in Rojava: questa promette un futuro libero e pacifico per tutti i popoli in Siria.

Migliaia di persone stanno per essere uccise e massacrate davanti ai nostri occhi.
Ora è tempo di agire e evitare un grande massacro che sta per accadere a Kobane! Partecipiamo in tanti, facciamo arrivare la nostra voce al mondo!

Centro socio-culturale Ararat – Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo

2788