il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Il nuovo che torna

Il nuovo che torna

(30 Agosto 2010) Enzo Apicella
Il segretario del PD Bersani propone un "nuovo Ulivo".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

LUNGA VITA AGLI UNTORI

Qualcuno è post senza essere mai stato niente.

(14 Novembre 2014)

longliveuntori

Intimidazione. Così quelli del PD chiamano la frase che gli abbiamo incollato sulla saracinesca. Sono corsi alla polizia. Hanno provveduto a denunciarci, finanche.

Li conosciamo bene. Zoologicamente afferenti a quella tipologia di bestie - democratiche e pluraliste - a cui basta un gesto garbato per devastare lo stato sociale; una semplice ed innocua firma per sfrattare e licenziare; l'innocenza agghindata dei colpevoli per ordinare le cariche alla celere.

Il PD. Il partito della TAV e del pacchetto Treu. Il partito delle bombe su Belgrado e degli sgomberi. Il partito della precarietà, dei manganelli e di Confindustria, oggi è intimidito da uno striscione. Bastasse così poco. Ma così poco non basterà.

Pretendono calma, questi. L'ha detto pure Renzi: "Non fare del lavoro un terreno di scontro". Pretendono il diritto di asfaltare i diritti un tempo acquisiti e di farlo con la tranquillità di chi si beve una birra tra amici. Temono, sopra ogni altra cosa temono, che a furia di essere colpiti democraticamente in pieno volto, i precari possano alzare il livello di scontro e individuare nel mazzo dei trasformisti i propri aguzzini. Sono dei rapinatori che invocano quiete ed impunità.

Mostruosi burocrati che non urlano, non sbraitano, non provano rabbia o indignazione. Eppure esercitano, quotidianamente, la violenza del potere, della delega in bianco. Una sopraffazione vigliacca, che si ammanta di legittimità. Complici e responsabili diretti della devastazione dei nostri territori, della speculazione edilizia, dei 45 tipi di contratto che hanno reso le nostre vite un inferno di sfruttamento ottocentesco.

A costoro ribadiamo a gran voce: siete un verminoso coacervo di ipocriti, avete rimosso ogni brandello di storia, vi siete fatti braccio armato degli industriali e degli sfruttatori. Noi - untorelli e untorelle - non apparteniamo alla vostra specie. E non vi lasceremo in pace. Oggi più che mai diciamo a tutti i precari: INTIMIDITE IL PARTITO DEMOCRATICO! OVUNQUE ESSO S'ANNIDI!

CSOA Scurìa- Foggia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dove va il centrosinistra?»

4930