il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

L'Aquila 2011

L'Aquila 201

(7 Aprile 2011) Enzo Apicella
A due anni dal terremoto, nonostante le promesse di Berlusconi, L'Aquila è ancora un cumulo di macerie

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • VOI G20, NOI IL FUTURO
    (27 Ottobre 2021)
  • E' uscito il n. 106 di Alternativa di Classe
    (26 Ottobre 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale, ambiente e salute)

    Cagliari, 24 settembre: uniamo le lotte, ambiente e sanità non si toccano!

    (22 Settembre 2021)

    L'appuntamento è in Piazza dei Centomila, alle ore 9.00

    cagliari global strike

    #GlobalClimateStrike 24/09

    Il movimento Fridays For Future è solidale con tutte le persone e le soggettività che lottano per i diritti, per questo il #24 settembre, marceremo insieme ai Comitati sardi uniti per la difesa della #sanitàpubblica durante il corteo chiamato dalla Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica e da SOS sanità Barbagia Mandrolisai.

    Il #24 Settembre, data scelta internazionalmente come #GlobalClimateStrike anche noi student* di Cagliari davanti alla consapevolezza della crisi climatica abbiamo deciso di manifestare e protestare:
    • Sappiamo che il momento migliore per agire sarebbe stato 30 anni fa, ma il secondo momento migliore è oggi;
    • La scienza è inequivocabile; un aumento globale di 1,5°C al di sopra della media preindustriale e la continua perdita di biodiversità arrecheranno danni catastrofici alla salute;
    • Siamo unit* nella lotta per la giustizia climatica e riconosciamo che non tutt* ne subiamo le stesse conseguenze;
    • La crisi climatica non è una crisi isolata, le diverse questioni socio-economiche sono tutte correlate e gli impatti della crisi climatica saranno amplificati da esse, e viceversa;
    • La scienza è inequivocabile; un aumento globale di 1,5°C al di sopra della media preindustriale e la continua perdita di biodiversità provocheranno danni catastrofici alla salute che sarà impossibile invertire;
    • Gli Stati non hanno ancora abbattuto le emissioni. Pretendiamo, esigiamo politiche da parte dei governi locali mirate al rispetto dei diritti dell'ambiente e dell* cittadin*;
    • È necessario unirci nella protesta al fianco di chi difende l'ambiente, i diritti e viene sistematicamente ignorato;
    • Unendoci alla lotta per la decolonizzazione, la giustizia sociale e l’autodeterminazione, riconosciamo che le nostre lotte per i diritti, la libertà e per un mondo vivibile sono tutte collegate;
    • In autunno, si terrà la Cop 26, la conferenza mondiale a cui ogni Stato dovrà portare i propri impegni per la riduzione delle emissioni e per la risoluzione della crisi climatica. Non abbiamo più tempo per ascoltare #falsepromesse;
    • Chiediamo a tutt* di ascoltare, comprendere e diffondere i dati che ci fornisce la comunità scientifica.

    Nella maggior parte dei territori le risorse vengono costantemente depredate con politiche colonialiste, militariste ed estrettiviste a vantaggio di pochi paesi "economicamente sviluppati". I MAPA ( le persone e le aree più colpite) stanno già vivendo le conseguenze peggiori della crisi climatica senza possibilità di adattamento. Molte persone lottano ancora per i propri diritti fondamentali, scappano, migrano in cerca di salvezza, anche in paesi come l'Italia dove vengono discriminat* e privat* dei diritti umani fondamentali, come avviene nei CPR, luoghi oscuri troppo spesso volutamente dimenticati.
    L'Europa continua a promuovere una società consumistica supportata dalla violenza istituzionale, dallo sfruttamento sul lavoro e mantenuta dalla forte disuguaglianza sociale ed economica.
    Come ad ogni Overshoot-day ci viene ricordato, il nostro è un sistema al collasso, strutturato sulla disparità dei diritti e opportunità delle persone.
    Le risorse del nostro Pianeta vengono sprecate, consumate in eccesso e suddivide in modo disuguale. Dobbiamo cambiare la normalità.
    Il 12% delle emissioni globali sono causate dalla distruzione antropica delle foreste.
    Il 34% delle nostre emissioni riguarda la produzione di energia, il 30% delle nostre emissioni è prodotta da come produciamo, trasportiamo e consumiamo il nostro cibo;
    Le emissioni di gas serra sono aumentate dell'80% dal 1970.
    Gli oceani stanno subendo un grave impatto dovuto alle attività antropiche: acidificazione, deossigenazione, variazioni della temperatura porteranno all’aumento del livello delle acque e alla riduzione della biodiversità in mare;
    Quasi la metà dei 2,2 miliardi di bambini del mondo vive in uno dei 33 paesi classificati come "a rischio estremamente elevato";
    1 milione di specie è a rischio di estinzione a causa della crisi climatica e dell’erosione degli habitat;
    Quasi 500 milioni di persone rischiano per la scarsità d'acqua;
    1.6 miliardi di persone vive in aree con alto rischio di alluvioni;
    La Terra è in media 1.2°C più calda di come era nel 1850.
    Se si raggiungeranno i +2°C gli eventi catastrofici diventeranno imprevedibili e incalcolabili.
    Gli shock climatici e ambientali stanno minando l'intero spettro dei diritti, dall'accesso all'aria pulita, al cibo e all'acqua sicura, all'istruzione, all'alloggio, alla libertà dallo sfruttamento.
    Questo è il mondo che è stato lasciato alla nostra generazione. Ma il tempo per cambiare il nostro futuro è adesso! Pretendiamo cambiamenti radicali in questa società.
    Pretendiamo diritti, equità, giustizia e liberazione per tutt*.
    Non esiste la giustizia climatica senza giustizia sociale.

    Invitiamo Student*, professor*, lavoratori e lavoratrici, persone di ogni età a prendere consapevolezza della Crisi Sociale e Climatica in cui tutt* siamo immers*.
    Informiamoci, attiviamoci e pretendiamo il futuro!

    Ci vediamo in 24 Settembre per il #GlobalClimateStrike

    Fridays For Future - Cagliari

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Global Warming»

    1787