il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Mr. Nuke

Mr. Nuke

(16 Marzo 2011) Enzo Apicella
Nonostante il disastro di Fukushima imperversa l'ipocrisia filonucleare

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Nucleare? No grazie!)

Nucleare nella Bassa Veronese?

Il 30 novembre a Torretta si costituirà il comitato antinucleare. Appello ai cittadini ed alle associazioni del territorio.

(17 Novembre 2009)

In un’affollata sala, gremita da ca. 60 persone, per l’incontro di lunedì 9 novembre organizzato da Legambiente Legnago presso il Centro per le Attività Sociali, sul tema della possibile scelta di Torretta a sito di una centrale nucleare, è emersa la proposta di costituire un comitato in opposizione a tale ipotesi. Ad aderire al comitato sono invitati cittadini, associazioni e movimenti che hanno a cuore la salvaguardia del territorio e della salute dei suoi abitanti, d’oggi e futuri.
Il comitato che non sarà politicamente ispirato da alcun partito, non avrà alcuna pregiudiziale di appartenenza politica od ideologica, ma sarà autonomo in quanto espressione spontanea del territorio.

Per costituire il Comitato, tutti gli interessati sono invitati ad partecipare ad un’assemblea pubblica LUNEDÌ 30 NOVEMBRE ALLE ORE 21.00 A TORRETTA DI LEGNAGO PRESSO LA SALA PARROCCHIALE.

Torretta negli anni ‘80 era candidata nel piano del CNEL ad ospitare una centrale nucleare. Ma una forte opposizione popolare con tanto di assemblee e manifestazioni di piazza e con l’appoggio del Comune di Legnago, il quale dichiarò “denuclearizzato” il proprio territorio, creò le premesse per la bocciatura della candidatura, che fu poi definitivamente accantonata dopo il referendum dell’87 che seguì l’incidente di Chernobil.
Il recente piano del Governo che intende installare sul territorio nazionale 4 nuovi reattori nucleari riesuma quel vecchio piano.
A molti e gravi punti interrogativi non si è però ancora data risposta.
Il problema delle scorie radioattive.
La sicurezza della centrale e le sue emissioni.
L’eccessiva richiesta d’acqua.
La perdita di valore per l’economia ed i prodotti legati al territorio, e per gli immobili.

Circolo Legambiente Legnago

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Nucleare? No grazie!»

4614