il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Auguri

Auguri

(8 Aprile 2012) Enzo Apicella
Nonostante la crisi il governo Monti ha deciso di procedere all'acquisto di 90 F35

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Buste paga più leggere tra carovita e contratti.

(6 Novembre 2003)

Il Corriere della Sera di oggi 5 novembre riporta in grande evidenza il risultato di una indagine fatta da OdM insieme al Corriere Lavoro su 853 mila profili retributivi nell’arco degli ultimi tre anni.

Ebbene l’indagine del quotidiano “governativo” ha rivelato che col passaggio dalla lira all’Euro le retribuzioni dei lavoratori italiani sono scese, di fatto, per il costo della vita, sino al 21%.

Per la precisione si arriva ad una perdita del potere d’acquisto “media” del 13,2% per gli impiegati, del 9,2% per gli operai e sino al 21% per alcune categorie del settore auto in crisi.

La causa principale e la chiave di lettura per capire la generale perdita del potere d’acquisto dei salari è da una parte mamma-inflazione che ha fatto lievitare incredibilmente i prezzi al consumo e dall’altra la voce stipendi che ha subito un arresto incredibile negli ultimi anni.

Per i dipendenti pubblici la spada dei Damocle dei salari depauperati è un problema non sanabile, che assume il sapore della beffa anche alla luce della vicenda contratti.

Mancano all’appello ancora contratti da rinnovare come quelli delle Agenzie Fiscali, delle Aziende, della Presidenza del Consiglio della Sanità e gli ultimi rinnovati sono al capolinea per quanto riguarda il recupero salariale rispetto all’inflazione.

Parliamo soprattutto di quello degli Enti locali che, come gli altri dei ministeriali e del parastato, ricalca la scia di aumenti miserrimi (intorno ai 106 euro).

La battaglia dei Cobas, oltre ad una battaglia sociale sui territori contro l’inflazione e il carovita, si aprirà nelle prossime assemblee nei posti di lavoro per respingere l’accordo siglato dai confederali negli Enti Locali e nelle altre amministrazioni pubbliche, perché ci sia un referendum decisionale tra i lavoratori e per far appello a tutti i delegati RSU di organizzarsi conflittualmente su questi temi.

COBAS Pubblico Impiego

2981