il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Golf Club Lampedusa

Golf Club Lampedusa

(31 Marzo 2011) Enzo Apicella
Berlusconi a Lampedusa promette di cacciare i migranti e di costruire sull’isola un campo da golf e un casinò

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Immigrati, l’infinita ipocrisia politica delle amministrazioni di centro sinistra

(1 Aprile 2011)

Il governo regionale ha fatto sapere che in Umbria non c’è posto per i clandestini, lo hanno detto i nostri amministratori a Palazzo Chigi.

C’è da rimpiangere la “trasparenza” razzista della Lega, almeno ogni persona dotata di umanità e di senso di giustizia sa con chi indignarsi, tanto sono ributtanti le battute che fanno contro i poveri cristi che affogano nel Mediterraneo o nella merda a Lampedusa.

Con il Centro Sinistra invece, Errani, Marini e altri, è tutto molto contorto.

Si presentano pubblicamente come molto umani, si vantano anche di appartenere alla terra di San Francesco.

Poi iniziano i distinguo.

Prendiamo i profughi (quelli che fuggono dalle guerre), rifiutiamo i clandestini (quelli che fuggono dalla fame). Insomma ci dicono i rappresentanti delle regioni “rosse”, noi non siamo mica come il Governo che ha fatto di Lampedusa un lager per alimentare la sindrome da invasione, noi i profughi li prendiamo.

Ma se a Lampedusa sono tutti del tipo che fuggono dalla fame e non dalla guerra, la “Governatrice” dell’Umbria che fa li prende o non li prende ?

Oggi ci dice che non li prende.

Così con Maroni che vuole salvaguardare la Padania dall’ “invasione”, concorre a concentrare i Tunisini nelle tendopoli reticolate in costruzione nel Sud Italia.

Questi contorcimenti (siamo per l’accoglienza di quelli che ancora non sono arrivati, ma respingiamo quelli che sono nella merda e all’addiaccio a Lampedusa da 10 giorni) hanno un solo scopo, cavalcare da una parte egoismi e paure e apparire allo stesso tempo caritatevoli e accoglienti. Una miscela politicamente ipocrita che noi condanniamo.

In nome della difesa umanitaria, l’Italia col voto unanime del parlamento sta partecipando ad una guerra nel Nord Africa, quando poi gli esseri umani di quelle terre scappano dalla miseria e approdano sulle nostre spiagge li trattiamo come bestie e li scansiamo; e se la sinistra liberale (PD) attraverso i suoi Governatori vuole nascondere dietro una finta disponibilità all’ accoglienza la difesa dei propri giardini elettorali, siamo ancora in attesa di sentire la voce e di capire le intenzioni dei nuovi soggetti della “sinistra”, IdV, Grillini, SEL che fino a questo momento non sembrano avere nulla da dire.
Tra rutti nordici, ambigue disponibilità d'accoglienza e prolungati silenzi, continuano intanto ad affondare nel Mediterraneo altre barche, trascinando a fondo il carico umano che portano. Oggi altri 27 morti.

Associazione Culturale CASA ROSSA

3923