il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La banda del buco

La banda del buco

(6 Giugno 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

15 Ottobre. “ A casa non si torna!”

(13 Ottobre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

15 Ottobre.  A casa non si torna!

foto: www.radiocittaperta.it

13-10-2011 --- Dilaga la voglia e la spinta a fare del 15 Ottobre una giornata di mobilitazione vera contro le manovre antisociali dei governi e della Bce. Dalle contestazioni alla Banca d’Italia e dalle università sale il grido “Yes we camp!”. Rimanere, occupare, rilanciare fino a quando le cose non cambiano seriamente.

Si chiama “Yes, we camp” un'iniziativa che sta crescendo enormemente in queste ore in vista della giornata di mobilitazione del 15 Ottobre a Roma.

"Il 15 ottobre #OccupyRome! A casa non si torna!" si legge sulla pagina Facebook 'OccupyRome'. Gli organizzatori sottolineano come le proteste di ieri alla Banca d’Italia siano solo l'inizio della mobilitazione. L'invito è quello di portare con sé il 15 Ottobre "la determinazione delle piazze arabe, la voglia di reagire del popolo greco, la voglia di autorappresentarsi e decidere degli Indignados spagnoli e le scarpe del maratoneta, perché la strada è lunga ma è ora di partire!" E soprattutto si chiede di portare "una tenda, perché la stagione del cambiamento globale è arrivata" conclude il comunicato nella pagina di presentazione di 'Yes We Camp'.

Il 15 ottobre in Europa e in altri paesi, ricordano i promotori della manifestazione del 15 Ottobre, "scenderanno in piazza milioni di persone che non vogliono piu' pagare la tremenda crisi economica e sociale al posto di coloro che l'hanno provocata, e cioe' quei poteri politici, industriali, economici e finanziari che hanno imposto catastrofiche ricette liberiste in tutto il mondo occidentale di qualsiasi 'colore' fossero i partiti al governo". Il popolo anti-Bce convergera' su Roma con oltre 500 bus e con mezzi privati da ogni angolo d'Italia. Trenitalia anche questa volta ha rifiutato ogni ragionevole collaborazione.

Il corteo sara' aperto da due striscioni "People of Europe rise up", declinato in tutte le lingue ... tranne che in italiano. Quel “Popoli d’Europa Solleviamoci!” è sembrato ad una parte dei promotori troppo inquietante e annunciatore di rivolta, ragione per cui sarà declinato in italiano con un assai più rassicurante "Cambiamo l'Europa, cambiamo l'Italia", che obiettivamente va bene per tutto lo scenario politico italiano, all inclusive. Gli striscioni d’apertura saranno portati da rappresentanti dei vari conflitti in corso in Italia e con personalità politiche telecamerocentriche tenute lontano dalla testa del corteo. La manifestazione partira' alle 14 da piazza della Repubblica e passera' per via Cavour, via dei Fori Imperiali, Colosseo, via Labicana, viale Manzoni e V.E.Filiberto, per giungere a piazza san Giovanni. Un percorso che, come gli striscioni di apertura, è stato oggetto di un aspro dibattito per settimane tra gli organizzatori. La scelta di concludere il corteo a San Giovanni non sarà infatti quella di tutte le componenti del corteo. “Nessuna contrapposizione tra le due scelte” affermano alcuni degli organizzatori “La manifestazione ha deciso di tenere dentro questa giornata di mobilitazione e dentro il corteo sensibilità ed esigenze diverse”.

L’idea di accamparsi per rimanere, per proseguire, per non andare a casa alla fine della manifestazione ha via via acquistato crescenti consensi. Ad esempio La Rete Nazionale delle Realta' Studentesche Autorganizzate (Red-net) sottolinea: "Nonostante la nostra identita' sia quella di studenti, ci e' parso immediatamente chiaro come il mondo dell'istruzione sia legato a doppio filo con quello del lavoro. La condizione studentesca, infatti, e' solo transitoria e, dopo la laurea, alla maggior parte di noi tocchera' comunque un destino precario e di sfruttamento". "Il 15 ottobre saremo in piazza a Roma per affermare il nostro no a tutte le manovre create ad hoc per scaricare la crisi su chi ogni giorno e' sfruttato e depredato di una vita e di un futuro dignitosi. Per dire no al capitalismo produttore di crisi", ma sara' "necessario andare oltre un corteo rituale, oltre una semplice sfilata che si concluda a San Giovanni. Vogliamo scendere in piazza per rimanerci, accamparci e porre un problema al potere, fino a quando questo governo non se ne sara' andato". Sulla stessa lunghezza d'onda gli universitari di AteneinRivolta: "Sono anni ormai che subiamo la retorica del debito: 'bisogna stringere la cinghia', 'abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilita'' e poi il piu' eloquente 'bisogna tagliare'. Noi studenti li conosciamo bene questi tagli", ma "questo debito non l'abbiamo contratto noi e dunque il loro debito non lo paghiamo. Sara' solo un inizio di mobilitazione, che dovra' necessariamente andare oltre, innescare una dinamica di mobilitazione permanente". Sulla localizzazione dell'accampamento della protesta per ora massimo riserbo: "Scegliamo di non lanciare un luogo e un orario per l'accampamento, perche' vogliamo che questa non sia una proposta di parte ne' un accampamento di qualcuno", dicono i sostenitori della scelta e aggiungono: "Sentiamo la necessita' di costruire spazi pubblici larghi e di movimento che puntino a intrecciare i conflitti e le vertenze, per farlo dobbiamo superare i tentativi troppe volte praticati di semplici sommatorie di organizzazioni sociali o politiche". Insomma, i sostenitori dello "Yes we camp", puntualizzano: "Il 15 ottobre scendiamo in piazza per restarci" e raccomandano: "Porta con te ...la determinazione delle piazze arabe; ...la voglia di reagire del popolo greco; ...la voglia di autorappresentarsi e decidere degli Indignados spagnoli; ... le scarpe del maratoneta, perche' la strada e' lunga, ma e' ora di partire; ... la tenda, perche' la stagione del cambiamento globale e' arrivata. Noi vogliamo che al sogno si sostituisca il possibile. A casa non si torna".

Federico Rucco - Contropiano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

3838