il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Autori    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Contropiano / Rete dei comunisti

(1679 notizie - pagina 1 di 84)

Il ruolo dei comunisti: alcuni spunti dall’assemblea della Rete dei Comunisti di Napoli

Venerdì 10 Marzo, a Napoli, nello spazio occupato ed autogestito di “Villa Medusa” a Bagnoli, ospiti del Laboratorio Politico Iskra, numerosi militanti e organizzazioni hanno risposto all’invito della Rete dei Comunisti - elaborato con una lettera aperta che poneva alcune questioni dirimenti (http://www.retedeicomunisti.org/index.php/i-documenti-della-rdc/1187-i-comunisti-tra-passato-e-futuro-lettera-aperta)...

(15 Marzo 2016)

Italo Nobile


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

Libia. Ma quale ‘casus belli’, Renzi espone l’Italia al rischio attentati

Mentre i media e non il governo informano l’opinione pubblica sul coinvolgimento del nostro paese nell’ennesimo conflitto bellico apprendiamo della probabile morte di due dei quattro ostaggi italiani nelle mani dei jihadisti dall’estate scorsa. Secondo le informazioni diffuse dal Ministero degli Esteri, «Relativamente alla diffusione di alcune immagini di vittime di sparatoria...

(3 Marzo 2016)

Rete dei Comunisti


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Roma 25 febbraio: la funzione dei comunisti nei conflitti e nelle contraddizioni del XXI secolo

“I comunisti tra passato e futuro – un bilancio storico dagli anni '90 ad oggi la funzione dei comunisti nei conflitti e nelle contraddizioni sociali del XXI secolo” Giovedì 25 Febbraio 2016 ore 17,30 INCONTRO PUBBLICO presso la sala di Via Galileo Galilei, 53 (Fermata Metro “A” Manzoni) Coordina: Gualtiero Alunni – Rete dei Comunisti Intervengono: Raul...

(22 Febbraio 2016)

A cura della Rete dei Comunisti di Roma


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

“L’occidente si è rinchiuso nella sua fortezza a digerire il bottino”

Vedere un convegno che rimette in discussione l’adesione dell’Italia alla Nato in un aula parlamentare, è decisamente uno scenario al quale non eravamo abituati. Merito del Movimento 5 Stelle che venerdi 29 gennaio ha organizzato un incontro nell’aula magna dei gruppi parlamentari di Montecitorio dal titolo significativo: “Se non fosse Nato”. Introdotto da un...

(1 Febbraio 2016)

Sergio Cararo - Contropiano


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Il 16 gennaio le piazze gridino No alla guerra

Il prossimo 16 gennaio, una giornata di manifestazioni a livello nazionale ricorderà l’inizio di quella che possiamo definire come “La Guerra dei Trent’anni”. La prima Guerra del Golfo con i bombardamenti sull’Iraq del 16 gennaio 1991, indica infatti l’apertura di quel Vaso di Pandora della guerra che si manifesta ormai con una escalation di cui è...

(3 Gennaio 2016)

Sergio Cararo - Contropiano


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Compagnia russa Lukoil lascia Paesi baltici: clima antirusso

La seconda compagnia petrolifera russa, la Lukoil, ha deciso di abbandonare tutte le proprie proprietà nei Paesi baltici a causa dell'atmosfera antirussa che si respira in queste tre nazioni aderenti all'Unione europea e fortemente coinvolte nel meccanismo di militarizzazione della frontiera della Federazione Russa messo in atto dall'Alleanza Atlantica a partire dal golpe filoccidentale in...

(26 Dicembre 2015)

Redazione Contropiano


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Napoli, 9 gennaio: tavola rotonda su Unione Europea e lotta di classe

Sabato 9 gennaio si terrà nella Mensa occupata una tavola rotonda sulla natura imperialista dell'Unione Europea e le forme di lotta di classe in una prospettiva di rottura della catena imperialista europea. L'intento è quello di fare chiarezza sulla natura imperialista dell'Unione Europea e sui rapporti inter-imperialistici tra le potenze del blocco Nato, e tra queste e le potenze emergenti,...

(25 Dicembre 2015)

Mensa Occupata Laboratorio Politico Iskra Rete dei Comunisti


in: «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

La fine delle "famiglie politiche" europee

Ormai è rimasta soltanto la Germania. Dopo il risultato spagnolo, il quadro appare ormai quasi completo: le “grandi famiglie politiche” del dopoguerra si vanno sciogliendo. Quelle che che hanno dato vita all'Unione Europea e ora ne vengono travolte. Liberali, popolari, socialisti o socialdemocratici, nelle varie versioni nazionali, non costituiscono più una rappresentanza...

(21 Dicembre 2015)

Dante Barontini - Contropiano


in: «il polo imperialista europeo alla prova del voto»

Cop 21. Un vertice che condanna il pianeta al disastro

Quando tutti i criminali sono felici e d'accordo una sola cosa è chiara: hanno vinto un'altra battaglia. La conferenza mondiale sul clima, convocata a Parigi e chiusasi ieri sera, è stata il teatro di questa battaglia persa per fermare l'aumento delle temperature e quindi ridurre gli effetti catastrofici sul clima globale. Il sorriso compiaciuto dei tanti capi di stato e di governo...

(13 Dicembre 2015)

Contropiano


in: «Global Warming»

Venezuela e America Latina, la lotta continua

Messa così sembrerebbe uno slogan scontato, utile solo a darsi coraggio in un momento di difficoltà; in realtà una regressione di quel continente a cortile di casa degli USA non produrrà effetti scontati. E’ certo che la sconfitta in Argentina ed in Venezuela e le difficoltà politiche del governo Brasiliano non possono non essere addebitate alle ingerenze...

(12 Dicembre 2015)

Mauro Casadio - Rete dei Comunisti


in: «La rivoluzione bolivariana»

IL JET RUSSO ABBATTUTO DAI TURCHI ERA IN TERRITORIO SIRIANO. LO AMMETTONO ANCHE NEGLI STATI UNITI.

Salvato uno dei piloti dell'aereo colpito.

Uno dei due piloti del Su-24 russo colpito ieri dagli F-16 turchi è stato recuperato e si trova al momento a Hmeymim, una base russa vicino Lattakia, in Siria. Ad annunciarlo è stato il ministro russo della Difesa, Sergei Shoygu, citato dall'agenzia Ria Novosti. Intanto anche negli Usa sono convinti che il caccia russo abbattuto ieri dalla Turchia sia stato colpito mentre si trovava...

(25 Novembre 2015)

Contropiano


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Roma. Protesta davanti alle case popolari vuote

Protesta questa mattina a Roma, nel quartiere di Casal Monastero, dove tanti cittadini in emergenza abitativa che hanno fatto domanda per la casa popolare, sostenuti dall’AS.I.A/USB, si sono riuniti davanti agli immobili di proprietà dell’ATER, in via San Giovanni Reatino 22/24, sfitti da oltre quattro anni. Si tratta di decine di appartamenti nuovi, ancora da assegnare perché...

(13 Novembre 2015)

Redazione Contropiano


in: «Senza casa mai più!»

BOLOGNA, THE DAY AFTER

Una giornata di lotta importante quella di ieri, in cui si è sostanziato un passaggio necessario a cui tutti noi abbiamo lavorato in queste settimane, intenzionati a costruire una presenza importante di quei soggetti politici nazionali consapevoli dei tanti fronti della lotta di classe, riuscendo a collegarli in una piazza animata dai semi del blocco sociale conflittuale felsineo. Un momento...

(10 Novembre 2015)

Rete dei Comunisti Collettivo Putilov (Firenze) Campagna nazionale Noi Restiamo Rete nazionale Noi Saremo Tutto Rossa - movimento anticapitalista Fronte Popolare


in: «Ora e sempre Resistenza»

"I comunisti non ripartono dall'anno zero". Risposta al compagno Franco Astengo

Il compagno Franco Astengo di Savona, con il quale intratteniamo una interessante corrispondenza, nei giorni scorsi, ha sollecitato la nostra Organizzazione a proposito delle annose questioni che attengono al vero e proprio rompicapo teorico/politico inerente la questione dell’Organizzazione e del Partito dei comunisti. Rispondiamo, ora, con il vivo auspicio di suscitare una discussione con...

(5 Novembre 2015)

Segreteria Rete dei Comunisti


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

No alle manovre militari Nato. Sabato manifestazione nazionale a Napoli

Si comincia domani, sabato 24 ottobre a Napoli (ore 14.30 a Piazza del Gesù) con una manifestazione nazionale e poi ci si mobiliterà a Marsala in Sicilia e a Capo Teulada in Sardegna. Sale dunque la protesta popolare contro le manovre Trident Juncture 2015 della Nato. Dal 3 ottobre fino al 6 novembre si svolgerà in Italia, Spagna e Portogallo la «Trident Juncture 2015»...

(23 Ottobre 2015)

Lorenzo Bedin - Contropiano


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ciao, Ingrao

Da contropiano.org Pietro Ingrao, morto alla venerabile età di cento anni, è stato un esponente di spicco, assieme al suo indimenticabile ‘alter ego’ Giorgio Amendola, di quella formidabile generazione degli anni Trenta del secolo scorso, per la quale l’adesione al comunismo costituì una ‘scelta di vita’. Con la sua figura, che evocava l’aspetto...

(28 Settembre 2015)

Eros Barone


in: «La nostra storia»

Solidarietà a Joao Pedro Stedile, leader storico dei Sem Terra

Da contropiano.org Il CESTES, il Centro Studi Trasformazioni Economico-Sociali della Confederazione sindacale, USB, affiliata alla Federazione Sindacale Mondiale, esprimono la massima solidarietà al compagno João Pedro Stédile, dirigente dell’MST (Movimento dei Sen Terra) e indomito lottatore sociale del movimento popolare brasiliano, vittima di una aggressione di stampo...

(27 Settembre 2015)

Luciano Vasapollo, Rita Martufi - Cestes, Usb


in: «Americas Reaparecidas»

Il voto greco tra disillusione ed egemonia

Che il risultato delle elezioni greche del 20 settembre sia stato una sorpresa è innegabile; era difficile immaginare che si sarebbe rivotata la stessa maggioranza che aveva ignorato il risultato referendario di Luglio firmando un memorandum peggiore di quelli precedenti e dello stesso testo che Tsipras aveva trattato fino alla decisione di indire il referendum. Era difficile immaginare che...

(22 Settembre 2015)

Rete dei Comunisti


in: «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

Burkina Faso: L'Unione Africana non riconosce i golpisti

E' salito a sei il numero delle vittime per gli scontri tra forze golpiste e manifestanti in Burkina Faso; una sessantina i feriti. Le dimostrazioni sono più intense nelle periferie della capitale Ouagadougou, dove, secondo “Jeune Afrique”, si stanno moltiplicando le barricate, e in alcune città della provincia. Nonostante il coprifuoco imposto dai militari che giovedì...

(19 Settembre 2015)

Redazione Contropiano


in: «Scenari africani»

In piazza coi migranti, ma contro la guerra e i suoi apologeti

Brevi note sul fenomeno migratorio, sulle mobilitazioni antirazziste e solidali dei prossimi mesi e su alcuni tra i promotori della Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi In questi giorni - con non poche difficoltà, dovute in parte alla recente pausa estiva ma soprattutto allo sbandamento generale che investe la variegata area che compone la cosiddetta sinistra “radicale” e di...

(9 Settembre 2015)

Rete dei Comunisti


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

160931