il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Rifugiato o clandestino?

Rifugiato o clandestino

(5 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Torino:sospesa la distribuzione alimentare per i rifugiati di via Asti

(9 Settembre 2012)

profughitorino

L’associazione italo-somala Is Sahan lancia l’allarme rispetto alla situazione della ex caserma torinese di via Asti, dove alloggiano le decine di rifugiati somali ed eritrei che dalla fine del 2009 vi furono trasferiti dalla clinica San Paolo occupata: il banco alimentare che fornisce loro le derrate ha infatti reso noto di voler sospendere gli approvvigionamenti a causa del ‘perdurare delle condizioni di abusivismo’.

Un abusivismo che è diretta conseguenza delle inesistenti politiche di accoglienza da parte del Comune di Torino, il quale non ha mai fornito soluzione concrete ai migranti che occupavano la ex clinica San Paolo, eludendo per anni la richiesta di residenza e limitandosi a trasferirli in via Asti in una condizione di semi-reclusione, sbandierando peraltro l’operazione come un ‘perfetto modello di accoglienza’.

Già nel mese di maggio il presidente del banco alimentare, Roberto Cena, aveva chiesto al Comune di regolarizzare la situazione dei rifugiati entro la fine di giugno ma, pur nella noncuranza delle istituzioni rispetto a tale richiesta, la consegna delle derrate era poi proseguita nei mesi successivi.

Ieri, però, è scattato il blocco definitivo, che lascia quindi gli occupanti di via Asti senza approvvigionamenti.

Il gruppo Is Sahan ha così fatto appello al Comune di Torino per essere urgentemente inserito tra le associazioni autorizzate alla distribuzione, chiedendo inoltre un impegno concreto rispetto alla situazione dell’ex caserma, dove il numero di migranti che la abitano ha continuato a crescere negli anni.

L’auspicio è che la notizia del blocco della distribuzione di cibo non sollevi semplicemente un ennesimo e breve caso mediatico destinato a concludersi in un nulla di fatto, ma porti alla ricerca di soluzioni concrete e denunci l'atteggiamento di indifferenza e becero assistenzialismo con cui tutte le ultime amministrazioni comunali, arrivando fino a Fassino, hanno affrontato e affrontano la questione.

Infoaut

3707