il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Il fumo uccide

Il fumo uccide

(18 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

Taksim, gli alberi della discordia

(30 Maggio 2013)

taksim

http://www.youtube.com/watch?v=oIM829xvfN8

La valle della rivolta bosforina è al centro di una Istanbul che non può essere che storica. Si chiama Gezi park e i suoi alberi, pur non secolari ma antichi di quasi cent’anni, rischiano tagli e sradicamenti per il piano governativo di risistemazione della zona a ridosso di piazza Taksim. Ecologisti, giovani dell’opposizione, studenti si sono accampati sotto quegli alberi per tre giorni finché ieri sera reparti antisommossa non li hanno sgomberati a colpi di lacrimogeni tossici e gas urticanti. La protesta era pacifica, ma a detta del premier non può bloccare quello sviluppo cui la grande metropoli non può rinunciare. In una cerimonia che lancia un ulteriore progetto: il terzo ponte sul Bosforo (e ricordiamo che da tre anni il governo islamico ha varato il faraonico disegno di scavare un canale parallelo al Bosforo per il traffico commerciale) Erdogan ha rammentato ai manifestanti che rivendicano la storicità del parco Gezi come agli inizi del Novecento su quell’area insistevano caserme ed edifici militari.

Poi fu costruito uno stadio e solo successivamente lo spazio ha assunto il volto che conserva da decenni. Come a dire: la storia trasforma i luoghi e non resta ferma. Invece fermi nelle intenzioni di non dargliela vinta ci sono migliaia di giovani di Istanbul che devono però fare i conti con un gran pezzo della cittadinanza non coinvolta dalla tematica. Non solo perché costoro offrono voto e consenso all’Akp, ma perché anche sul fronte dell’opposizione kemalista non vogliono mescolarsi a una protesta dal sapore gauchista. Finora solo il Partito della Pace e della Democrazia, che con l’onorevole Sirri Süreyya Önder è stato al fianco dei manifestanti anche durante lo sgombro poliziesco, ha speso argomenti a favore delle azioni di disturbo all’avvìo dei lavori. Questi prevedono un ampliamento della pedonalizzazione della parte centrale della città a discapito comunque delle piante del vecchio giardino. Sebbene lo staff erdoganiano tenga alta la bandiera verde, non solo dell’Islam bensì dell’ecologia, dicendo che nel decennio di propri governi il suolo turco s’è arricchito di due miliardi e mezzo di nuovi alberi.

30 maggio 2013

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il saccheggio del territorio»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

6188