il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Primavera

Primavera

(8 Febbraio 2011) Enzo Apicella
4 bambini Rom muoiono nell'incendio della loro roulotte causato forse da una stufetta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Razzismo fra i banchi di scuola

(11 Settembre 2013)

razz

Accade che a distanza di pochi giorni e di pochi chilometri, prima a Costa Volpino, in provincia di Bergamo, e poi a Landiona, in provincia di Novara, i genitori di alcuni alunni italiani ritirano i propri figli dalla classe a causa dell’elevata presenza di bambini stranieri. A Costa Volpino, nell’unica sezione di prima elementare formatasi, 14 bambini sono di origine straniera, mentre solo sette sono quelli italiani. I genitori degli studenti italiani decidono di ritirare i figli iscrivendoli altrove, mentre i quattordici studenti stranieri vengono trasferiti in un istituto di un’altra frazione, e divisi tra due classi, in modo da rispettare il famoso tetto del 30% di “alunni non italiani” previsto dalla circolare Gelmini. Dopo il caso di Costa Volpino, la Lega Nord ne approfitta per riproporre le “classi separate per i bambini stranieri che non sanno l’Italiano”. Il deputato della Lega Nord, Davide Caparini, primo firmatario della proposta di legge che va in questa direzione, dichiara: ”Se la nostra proposta di legge sull’istituzione delle classi d’inserimento per gli studenti stranieri alla scuola dell’obbligo fosse stata accolta oggi non faremmo i conti con situazioni come quella avvenuta nella scuola elementare di Costa Volpino. Non è concepibile una classe in cui ci siano allievi che non parlano la nostra lingua”.

A Landiona, invece, i genitori degli alunni italiani ritengono che in classe ci sono “troppi bambini rom”, e anche loro decidono di ritirare i propri figli dalla scuola. Anche in questo caso, la Lega Nord non perde tempo, e interviene con una nota del presidente del Gruppo regionale, Mario Carossa: “Il caso di Landiona dimostra oltre ogni dubbio come l’immigrazione senza controllo e la convivenza forzata (??!!) con chi di convivere e integrarsi non ha la minima intenzione, sia dannosa e impossibile”.

Magari tutti questi bambini “stranieri” sono arrivati da piccolissimi in Italia o addirittura sono nati qui, e magari non sanno neanche di essere poi così “diversi” dagli altri

Cronache di ordinario razzismo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La tolleranza zero»

Ultime notizie dell'autore «Cronache di ordinario razzismo»

5523